Cats Don't Dance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cats Don't Dance (Danny, gatto superstar)
Titolo originale Cats Don't Dance
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1997
Durata 75 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,66:1
Genere animazione
Regia Mark Dindal
Soggetto Mark Dindal, Robert Lence, Brian McEntee, Rick Schneider, David Womersley, Kelvin Yasuda
Sceneggiatura Roberts Gannaway, Cliff Ruby, Elana Lesser, Theresa Cullen
Produttore Bill Bloom, Timothy Campbell, Paul Gertz, David Kirschner
Casa di produzione David Kirschner Productions, Turner Feature Animation
Montaggio Dan Molina, Judy Taylor
Musiche Steve Goldstein
Scenografia Brian McEntee
Doppiatori originali

Cats Don't Dance è un film del 1997 diretto da Mark Dindal.

È un film d'animazione statunitense prodotto da Turner Entertainment. Ambientato in un mondo in cui gli esseri umani e gli animali antropomorfi vivono fianco a fianco, si concentra su un gatto di nome Danny che vuole sfondare nel mondo dello spettacolo a Hollywood. Le voci dei personaggi principali sono di Scott Bakula e Jasmine Guy. È stato l'esordio alla regia dell'ex animatore Disney Mark Dindal.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato nel 1938, Danny è un gatto ottimista che sogna di diventare una star del cinema di Hollywood. Appena riesce ad avere un ruolo in un film intitolato "Lil' Ark Angel" rimane deluso nel sapere che sul copione lui deve dire solo "MIAO" come la sua compagna Sawyer (una gatta bianca di cui Danny s'innamora) e il resto degli animali che devono solo dire una volta il loro verso animalesco. Il film che devono recitare infatti ha come attrice con un ruolo protagonista Darla Dimple, una bambina con i riccioli biondi che sembra un angelo dietro le telecamere e davanti al pubblico, ma nella vita reale è una bambina capricciosa, psicopatica e viziata che vuole avere sempre i riflettori puntati su di lei. Mentre stanno girando il film (che è una chiara imitazione dell'arca di Noè) Danny non dà retta al copione e esprime il suo "MIAO" musicalmente cantato. Darla s'innervosisce e chiama il suo maggiordomo Max (un uomo molto alto e molto robusto) per dare una lezione al gatto. Durante la sera Danny è deluso nel sapere che lui e gli altri animali hanno un ruolo meno importante. Più tardi incontra il piccolo pinguino Peabo anche lui desideroso di diventare una star e Wooly, un elefante asiatico che ama suonare il pianoforte, ma deve fare invece da mascotte per la Mammoth Pictures, ossia i produttori che si occupano del film da girare, facendo l'imitazione del verso del leone della Metro-Goldwyn-Mayer.

I tre amici parlano e Danny nota che alcuni attori con cui lavorava, Sawyer inclusa, erano già delle star di musicals, ma che più tardi avevano perso quel ruolo. Il giorno dopo Danny chiama tutti gli animali che recitano nel film incoraggiandoli a cantare e a ballare coma una volta, questo fa innervosire ancora Darla che è disposta a tutto pur di avere gli occhi puntati su di lei, ed elabora un piano invitando Danny a casa sua facendogli credere che permetterà a lui e ai suoi amici di avere anche il ruolo dove potranno cantare e ballare. Danny la crede e il giorno dopo dice agli altri animali della loro conversazione senza accorgersi però dell'evidente inganno. Mentre sono sul set dentro l'arca, Darla assieme a Max sabota il film causando un'inondazione che fa diventare furibondo il capo della Mammoth Pictures e il regista che accusano gli animali e li licenziano. Darla, soddisfatta, ringrazia Danny mettendo tutti gli attori licenziati contro di lui. Sawyer però è colpita per i tentativi di Danny per restituire agli animali il loro ruolo, ma quando cerca di fermarlo lui ha già preso il tram per tornare a casa. Mentre l'autista chiacchiera con il gatto (essendo l'unico passeggero presente nel mezzo), Danny guarda fuori dal finestrino notando i suoi amici arresi. Danny allora vuole fare un altro tentativo per permettere agli animali di poter essere star del cinema così chiede all'autista di fermare il tram e scende per consolare il suo amico Peabo e dirgli di avere un'altra idea. Danny decide di invitare gli animali che erano stelle del cinema musical alla prima del film "Lil' Ark Angel". La sera in cui c'è la prima del film gli animali entrano nel cinema senza porsi la domanda del perché dell'invito, mentre Darla si gode lo spettacolo dal palchetto assieme al regista, il capo della Mammoth Pictures e il suo maggiordomo Max. Danny e Peabo intanto sono dietro la tela dello schermo che mostra il film che organizzano il loro piano per rivelare al pubblico del sabotaggio di Darla, Max però li scopre, ma il suo tentativo di fermarli si rivela vano e vola via con il palloncino gigante ad elio di Darla. Appena il film finisce il pubblico applaude e Danny si mette sul palco per cercare di spiegare l'ingiustizia che ha dovuto subire dalla bambina, nessuno lo crede gli amici che aveva invitato sono spariti dai loro posti. Teme che anche questo tentativo sia fallito, ma dietro di lui esce dal tendone Sawyer dicendogli che è dalla sua parte, ma gli altri animali invitati si rifiutano di tornare a fare le star allora il gatto pone la sua domanda "se avete voluto abbandonare la vostra carriera perché siete ancora qui?". Questa domanda li confonde facendoli poi ricrede e tutti insieme cantano e ballano davanti al pubblico lasciandolo senza parole. Darla decide di sabotare lo spettacolo, ma i suoi tentativi con i riflettori rendono il musical degli animali ancora più stupefacente per il pubblico che alla fine della canzone applaude emozionato. Darla è furiosa e rivela davanti agli animali del suo sabotaggio e di quanto lei odiasse gli animali senza accorgersi però di avere un microfono tra i capelli. Il pubblico la sente e il capo la licenzia permettendo così agli animali di riavere un ruolo da star. Alla fine del film si vedono manifesti di varie imitazioni e parodie di film con gli animali al posto dei personaggi umani fino ad un manifesto con scritto "THE END" che Darla, vestita da bidello e con il broncio, attacca finché non si staccherà e la farà cadere dando così inizio ai crediti.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Danny: Un gatto ingenuo, ma molto ambizioso e ottimista che desidera diventare una star di Hollywood. In seguito si innamora della micetta bianca Sawyer.
  • Sawyer:
  • Darla Dimple:
  • Max:
  • Tillie Hippo:
  • Woolie Mammoth:
  • L.B. Mammoth:
  • Flanigan:
  • Frances:
  • Cranston:
  • Peabo:
  • T.W. Turtle:
  • Farley Wink:
  • Autista bus:

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, diretto da Mark Dindal su una sceneggiatura di Roberts Gannaway, Cliff Ruby, Elana Lesser e Theresa Cullen con il soggetto di Mark Dindal, Robert Lence, Brian McEntee, Rick Schneider, David Womersley e Kelvin Yasuda,[1] fu prodotto da Bill Bloom, Timothy Campbell, Paul Gertz e David Kirschner per la David Kirschner Productions e la Turner Feature Animation.[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito negli Stati Uniti nel 1997[3] dal 26 marzo 1997 al cinema dalla Warner Bros. Pictures[2] con il titolo Cats Don't Dance.

Alcune delle uscite internazionali sono state:[3]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

La tagline è: "For a Bunch of Funny Friends Trying to Break Into Show Business...".[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cats Don't Dance - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 18 novembre 2012.
  2. ^ a b Cats Don't Dance - IMDb - Crediti per le compagnie di produzione e distribuzione. URL consultato il 18 novembre 2012.
  3. ^ a b Cats Don't Dance - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 18 novembre 2012.
  4. ^ (EN) Cats Don't Dance - IMDb - Tagline. URL consultato il 18 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema