Catrinel Menghia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Catrinel Menghia
Altezza 177 cm
Misure 89-61-89
Taglia 34 (UE) - 4 (US)
Peso 51 kg
Scarpe 40 (UE) - 9 (US)
Occhi Castani
Capelli Castano scuro

Catrinel Menghia (Iași, 1º ottobre 1985) è una modella e attrice rumena, talvolta accreditata come Catrinel Marlon[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Iași, il suo fisico inizialmente sembra portarla verso una carriera da atleta olimpica, seguendo le orme del padre, campione romeno dei 400 metri ostacoli.[3] Catrinel diventa presto campionessa giovanile nella stessa disciplina,[3] ma all'età di 16 anni viene scoperta da un agente locale durante una gita scolastica a Bucarest. Sei mesi più tardi, i suoi genitori le permettono di trasferirsi nella capitale romena per iniziare la carriera di modella.[4]

Nel novembre 2001 partecipa al concorso Ford Supermodel of the World Contest, dove si classifica al secondo posto. Questo risultato le dà immediatamente popolarità nel mondo della moda.[4]

È protagonista di campagne per le principali case di moda, e diventa il volto nel mondo di Giorgio Armani.[4][5] Dal 2005 è inoltre testimonial della casa di intimo francese Lise Charmel.[4] È stata uno dei nuovi volti, nel 2006, dell'edizione sudafricana di Sports Illustrated Swimsuit Issue,[4] ed è apparsa su Cosmopolitan,[4] FHM, Maxim,[5] Elle e nel Calendario Peroni.[1]

Dopo aver seguito vari corsi di recitazione, nel 2011 inizia la carriera di attrice con il cortometraggio La promessa ed il lungometraggio Tutti i rumori del mare, entrambi di Federico Brugia (l'ultimo premiato all'Annecy cinéma italien). È inoltre la protagonista femminile del primo film da regista di Luigi Lo Cascio, La città ideale.[1]

Nel 2012 è nel cast del Chiambretti Sunday Show, programma televisivo di Italia 1.[1][2] A partire dallo stesso anno, negli Stati Uniti diventa testimonial FIAT, interpretando gli spot televisivi della casa automobilistica italiana in occasione del Super Bowl XLVI[6][7] e XLVII.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Vive tra la Romania, l'Italia (parte della sua famiglia abita ad Asti) e New York.[1]

Parla quattro lingue: rumeno, italiano, inglese, francese.

Ha l'hobby della fotografia.[1]

È stata sposata per sei anni con Massimo Brambati, ex calciatore e procuratore sportivo italiano, da cui si è separata alla fine del 2011.[8][9]

Ha una sorella, Lorena, atleta di salto in alto[3] negli Stati Uniti.[10]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Giovanni Luca Montanino, La bellissima che ha sedotto Chiambretti con un click in liberoquotidiano.it, 2 febbraio 2012. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  2. ^ a b Michele Biondi, Chi è la sexy fotografa del Chiambretti Sunday Show? È Catrinel Marlon in tvblog.it, 31 gennaio 2012. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  3. ^ a b c Raffaele Panizza, Quel giorno che io e Chiambretti scoprimmo Catrinel Menghia in max.gazzetta.it, 15 maggio 2012.
  4. ^ a b c d e f (EN) Catrinel Menghia Biography in uk.askmen.com. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  5. ^ a b (EN) Mike Spinelli, Catrinel Menghia is the hot model from the Fiat 500 Abarth ad in jalopnik.com, 25 novembre 2011. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  6. ^ (EN) Mihnea Radu, 2012 Fiat 500 Abarth Commercial: Sexy Seduction with Italian Model in autoevolution.com, 17 novembre 2011. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  7. ^ Paolo Siciliano, Catrinel Menghia: la Fiat, il Superbowl e gli spot sexy e stuzzicanti in teledicoio.blogosfere.it, 8 febbraio 2012. URL consultato l'8 febbraio 2012.
  8. ^ (RU) Catrinel Menghia divorţează după şase ani de căsnicie. Soţul italian era extrem de gelos şi nu dorea un copil in antena3.ro, 16 novembre 2011. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  9. ^ (RU) Catrinel Menghia, obligată să divorţeze de Massimo Brambati abia după cinci ani in gazetaromaneasca.com, 23 novembre 2011. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  10. ^ (EN) Zack Pumerantz, Lorena Menghia: Supermodel Catrinel's Sister Is a Hot High Jumper in bleacherreport.com, 23 marzo 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]