Caterina d'Aviz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno del Portogallo Casa d'Aviz
Ordem Avis.svg

Giovanni I
Edoardo I
Figli
Alfonso V
Figli
Giovanni II
Figli
Manuele I
Giovanni III
Figli
Sebastiano I
Enrico I

Caterina d'Aviz oppure Caterina d'Aviz e Trastámara. Caterina anche in catalano, Catarina in portoghese, in asturiano, in galiziano e in aragonese, Catalina in spagnolo,Katalina in basco, Catherine in inglese e in francese, Katharina in tedesco e Catharina in fiammingo (Lisbona, 26 novembre 1436Lisbona, 17 giugno 1463) fu una principessa della casa reale portoghese, avviata alla vita religiosa, che, uscita di convento, fu fidanzata all'erede al trono di Navarra, che dopo la rottura del fidanzamento, rientrò in convento e si fece suora..

Origine[1][2][3][modifica | modifica sorgente]

Era l'ottava figlia del re del Portogallo e dell'Algarve, Edoardo d'Aviz[4] e di Eleonora di Trastámara (1402-1445), figlia del re della corona d'Aragona e di Sicilia, Ferdinando I[5] e di Eleonora d'Alburquerque (1374 - 1435), figlia dell'infante Sancho di Castiglia[6], Conte di Alburquerque e di Beatrice del Portogallo[7].
Sua sorella Eleonora del Portogallo (1434-1467), sposò l'imperatore del Sacro Romano Impero, Federico III.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Caterina, fin da giovane, venne destinata alla vita religiosa, entrando nel convento di Santa Chiara di Lisbona.

In seguito, quando Caterina era circa dodicenne, la politica del fratello, Alfonso V, re dal 1338, che da poco aveva assunto la guida del regno del Portogallo, in quanto divenuto maggiorenne, la rese oggetto di trattative matrimoniali con il cugino, il principe di Viana, Carlo[8], che pur essendo il titolare del trono di Navarra, aveva dovuto cedere il titolo a suo padre, il principe di Castiglia e León e d'Aragona, duca di Peñafiel e futuro re, della corona d'Aragona e di Sicilia, Giovanni (figlio terzogenito del principe di Castiglia e León, e re della corona d'Aragona e di Sicilia, Ferdinando e di Eleonora d'Alburquerque).
Carlo, principe di Viana, nella primavera del 1448, era rimasto vedovo della moglie, Agnese di Kleve[8] (1422-1448),[9].
Ma, nel corso delle trattative, il rapporto tra Carlo ed il padre Giovanni si guastò[8][10]. Questa situazione determinò l'interruzione della trattativa, con conseguente rottura del fidanzamento[1][8].

A seguito della rottura del fidanzamento, prima delle nozze (soprattutto prima di aver raggiunto un accordo tra le parti), Caterina venne di nuovo inviata nel convento di Santa Chiara di Lisbona, dove, prendendo i voti, divenne suora[1] e, data la sua notevole cultura fu autrice e traduttrice di molte opere sulla moralità e sulla religione.
Caterina morì in quel convento all'età di ventisei anni e fu sepolta nella chiesa di Sant'Eligio, sempre a Lisbona.

Figli[1][2][3][8][11][12][modifica | modifica sorgente]

Da nessuna fonte risulta che Caterina abbia avuto figli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Reali del Portogallo
  2. ^ a b (EN) Capetingi del Portogallo-genealogy
  3. ^ a b (DE) Edoardo del Portogallo genealogie mittelalter
  4. ^ Edoardo d'Aviz era figlio del re del Portogallo e dell'Algarve, João I o Giovanni I d'Aviz e di sua moglie, Filippa di Lancaster, figlia di Giovanni di Gand, duca di Lancaster (figlio di Edoardo III d'Inghilterra e zio del re d'Inhilterra, Riccardo II) e di Bianca di Lancaster (1345-1369), figlia di Enrico di Grosmont, primo duca di Lancaster.
  5. ^ Ferdinando I di Aragona era il figlio del re di Castiglia e León, Giovanni I e della sua prima moglie Eleonora di Aragona
  6. ^ Sancho di Castiglia era il figlio del re Alfonso XI di Castiglia e della sua amante, Eleonora di Guzmán
  7. ^ Beatrice del Portogallo era la figlia del re del Portogallo, Pietro I il Giustiziere e della sua amante e poi moglie segreta Inés de Castro.
  8. ^ a b c d e (EN) Reali di Aragona
  9. ^ Agnese di Kleve era la figlia del primo duca di Kleve, Adolfo II conte di Kleve e IV conte di Mark, e della sua seconda moglie, Maria di Borgogna, figlia del duca di Borgogna, Giovanni senza Paura.
  10. ^ Il rapporto tra Carlo ed il padre Giovanni si fece tanto teso che, nel 1451, sfociò in guerra aperta. Carlo fu incarcerato (1453-1455) e poi esiliato nel regno di Napoli, presso lo zio, il re della corona d'Aragona e di Napoli, Alfonso V; rientrato in Navarra, morì, forse avvelenato, nel 1461, dopo essere stato riconosciuto re di Navarra ed erede al trono della Corona di Aragona.
  11. ^ (EN) Casa d'Ivrea- genealogy
  12. ^ (DE) Carlo IV di Navarra genealogie mittelalter

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Caterina d'Aviz Padre:
Edoardo del Portogallo
Nonno paterno:
Giovanni I del Portogallo
Bisnonno paterno:
Pietro I del Portogallo
Trisnonno paterno:
Alfonso IV del Portogallo
Trisnonna paterna:
Beatrice di Castiglia
Bisnonna paterna:
Teresa Lourenço
Trisnonno paterno:
Lourenço Martins
Trisnonna paterna:
Sancha Martins
Nonna paterna:
Filippa di Lancaster
Bisnonno paterno:
Giovanni di Gand
Trisnonno paterno:
Edoardo III d'Inghilterra
Trisnonna paterna:
Filippa di Hainaut
Bisnonna paterna:
Bianca di Lancaster
Trisnonno paterno:
Enrico di Grosmont, primo duca di Lancaster
Trisnonna paterna:
Isabella di Beaumont
Madre:
Eleonora di Trastámara
Nonno materno:
Ferdinando I di Aragona
Bisnonno materno:
Giovanni I di Castiglia
Trisnonno materno:
Enrico II di Castiglia
Trisnonna materna:
Giovanna Manuele
Bisnonna materna:
Eleonora d'Aragona (1358-1382)
Trisnonno materno:
Pietro IV di Aragona
Trisnonna materna:
Eleonora di Sicilia
Nonna materna:
Eleonora d'Alburquerque
Bisnonno materno:
Sancho d'Alburquerque
Trisnonno materno:
Alfonso XI di Castiglia
Trisnonna materna:
Eleonora di Guzmán
Bisnonna materna:
Beatrice del Portogallo
Trisnonno materno:
Pietro I del Portogallo
Trisnonna materna:
Inés de Castro

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]