Catena (esogeologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mosaico della Tvashtar Catena su Io

Catena (plurale: catenae) è un termine latino comunemente utilizzato in esogeologia per designare un allineamento, sulla superficie di un corpo celeste, di crateri oppure di depressioni (che a differenza dei crateri non sono dotate di bordi sopraelevati rispetto alla superficie circostante).
Una catena può avere origine come risultato di un affondamento del terreno o dello scorrimento di un tubo di lava nel sottosuolo in tempi antichi.
Formazioni di questo tipo sono state individuate sulla Luna, su Mercurio, su Marte, sui satelliti gioviani Ganimede e Callisto e sul satellite nettuniano Tritone; sulla superficie di Io, un altro dei satelliti medicei, vi sono alcune formazioni designate come paterae, note in precedenza come catenae.

Convenzioni di nomenclatura[modifica | modifica sorgente]

  • Luna: le catenae prendono il nome dai crateri circostanti, oppure da nomi femminili presenti nelle diverse culture.
  • Mercurio: le catenae prendono il nome da osservatori astronomici.
  • Marte: le catenae mantengono i nomi classici precedentemente utilizzati per descrivere le regioni circostanti.
  • Ganimede: le catenae sono intitolate a divinità dell'acqua o della creazione secondo le diverse culture.
  • Callisto: le catenae prendono il nome da fiumi situati in Norvegia.
  • Tritone: le catenae prendono il nome da mostri acquatici presenti nelle differenti mitologie.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Catenae sulla Luna:

Catenae su Marte:

Catenae su Ganimede:

Catenae su Callisto:

Catenae su Tritone:

Geologia lunare La Luna
Formazioni geologiche: CatenaeCrateriDorsaFossaeLacūsMariaMontesOceaniPaludesPlanitiaePromontoriaRimaeRupēsStationesSinūsValles
Voci correlate: LunaEsogeologia
Stub astronomia.png Questo box:     vedi · disc. · mod.