Castello di Vicalvi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox struttura militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Il castello di Vicalvi, risalente all'XI secolo, si trova sulla sommità del colle interessato dall'omonimo paese della Valle di Comino, in provincia di Frosinone. Benché si presenti come rudere, questo forma con le due cinte murarie poligonali, quasi integre, una vasta area fortificata, che consente di leggerne le varie fasi di costruzione, le funzioni e la strutturazione all'interno di un più ampio sistema difensivo, comprendente anche i vicini manieri di Alvito e Picinisco.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Prima possedimento longobardo, con principi di Capua, nel 1017 entrò nel possesso di Montecassino. I monaci lo tennero fino all'inizio del XIII secolo, quando passò alla famiglia d'Aquino, che ne rafforzò la fortificazione, cingendola di un doppio anello di mura.

Dopo una breve successione, nel possedimento, fra gli Étendard e, ancora, i conti d'Aquino, il castello passò ai Cantelmo, i quali però, scegliendo come dimora il castello di Alvito, ne decretarono il repentino abbandono e la più lenta e graduale rovina.

I resti consentono di testimoniare le prime fasi di fortificazione all'epoca preromana, in particolare al V o al IV secolo a.C., laddove i primi documenti che attestano la presenza del castello sono del 937.

A parte diversi successivi ampliamenti, la prima vera ristrutturazione si collocherebbe nel XIV secolo, durante il possesso degli Étendard, in base all'insieme di elementi strutturali orizzontali e verticali richiamanti lo stile gotico, compresa l'originale copertura a falda unica pendente verso l'interno.

La leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Vicalvi è anche noto alle cronache esoteriche, per le visioni che si sarebbero qui registrate. Secondo la leggenda[1], in effetti, il luogo sarebbe teatro delle apparizioni di una ex-cortigiana, tal Aleandra Maddaloni, un nome però del tutto estraneo alla storia del castello di Vicalvi e ai suoi diversi feudatari nel tempo[2]. Lei sarebbe vissuta nel castello nel XVIII secolo[3], segnalandosi per aver fatto uccidere i giovani che seduceva, durante le assenze del marito. Questi però, avendola scoperta, la fece murare viva in una delle torri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M. Fenoglio - A. Fenoglio, Guida ai fantasmi d'Italia, Meb, Padova 1986.
  2. ^ C. Lapucci, Dizionario delle figure fantastiche, Vallardi 1991, ad vocem.
  3. ^ Alcune fonti riportano, invece, il XV secolo, facendo leva sulla dominazione aragonese nel Regno di Napoli a giustificazione del nome «Aleandra». Cfr. l'art. Il castello della signora incantenata (Vicalvi) online in «Art-Litteram.com» del 2009

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • ANTONELLI (1986), Abbazie, prepositure e priorati benedettini ecc., Sora, Pasquarelli.
  • BIDDITTU e RIZZELLO (1987), Contributo alla storia di Vicalvi, Anagni, Isalm.
  • DE RUGGIERO OCCHIUZZI (1992), Il Castello di Vicalvi, "Spazio Aperto", IV, 5: 17-18.
  • ROGACIEN (1992), Un esempio di gotico italiano, "Spazio Aperto", IV, 5: 19-20.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]