Castello di Poppiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox struttura militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Coordinate: 43°38′59.63″N 11°06′47.91″E / 43.649896°N 11.113308°E43.649896; 11.113308

Castello di Poppiano
Castello di Poppiano

Il castello di Poppiano si trova in via di Poppiano a Montespertoli.

Storia e descrizione[modifica | modifica sorgente]

Nel medioevo Poppiano faceva parte del sistema di difesa di Firenze, circondato da un triplice giro di mura, su un poggio dotato di terrazza naturale panoramica. Fu costruito circa dopo l'anno Mille ed è citato almeno dal 1199, quando apparteneva già ai Guicciardini, tuttora proprietari. Il nome deriva forse dalla gens romana Papia o Poppea. Nel 1359 vi si accampò Giovanni Acuto, di ritorno dalla battaglia di Fosso Armonico. Di proprietà dei Guicciardini da nove secoli, fu danneggiato durante l'assedio di Firenze del 1529 (come ricorda l'allora proprietario Francesco Guicciardini) e venne trasformato in villa nel Settecento e radicalmente ristrutturato in stile neogotico nell'Ottocento, dopo un terremoto nel 1812. Il restauro si basò su disegni delle proprietà Guicciardini in altre residenze della famiglia tra val di Pesa e val d'Elsa, secondo la moda settecentesca.

Il castello, situato su un'altura e circondato dall'antico borgo, ha una forma a "L", con un torrino nell'intersezione dei corpi di fabbrica. Il primo piano, merlato, venne realizzato nell'Ottocento, in stile neogotico. Vi si accede da una scala in pietra, sul lato sud.

La cappella della villa si trova nel piazzale antistante alla villa, risale al 1930. Sotto il terrapieno della terrazza si trova una piccola limonaia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ovidio Guaita, Le ville di Firenze, Newton Compton editori, Roma 1996.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]