Castello di Ponferrada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(LA)
« Nisi Dominus custodierit civitatem frustra vigilavit qui custodit »
(IT)
« Finché il Signore sorveglia la città, il guardiano rimane sveglio invano »
(Motto dei Templari (Salmo 127) inciso nella torre principale del castello[1])
Castello dei Templari di Ponferrada
Castillo de los Templarios de Ponferrada
Castillo templario de Ponferrada.JPG
Mappa di localizzazione: Spagna
Ubicazione
Stato attuale Spagna Spagna
Comunità autonoma Castiglia e León
Città Ponferrada
Coordinate 42°32′37.48″N 6°35′37.31″W / 42.543744°N 6.593697°W42.543744; -6.593697Coordinate: 42°32′37.48″N 6°35′37.31″W / 42.543744°N 6.593697°W42.543744; -6.593697
Informazioni generali
Tipo fortezza
Inizio costruzione 1178
Termine costruzione 1282-XV/XVI secolo
Condizione attuale Aperto al pubblico
Visitabile

http://www.ponferrada.org/turismo/es/monumentos/castillo-templarios

voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Facciata principale del Castello di Ponferrada
Entrata del Castello di Ponferrada
Le mura del castello

Il Castello di Ponferrada (in spagnolo: Castillo de Ponferrada), conosciuto anche come Castillo de los Templarios ("Castello dei Templari") o come Castillo del Temple[2] è un castello templare della città spagnola di Ponferrada, nella provincia di León (Spagna nord-occidentale), lungo il Cammino di Santiago, costruito nella forma attuale tra il 1178[1][3][4][5] e il 1282[3][4][5] ed ampliato tra il XV e il XVI secolo[3][4].

Annoverato tra le maggiori fortezze del nord-ovest della Spagna nel corso del Medioevo[6], è ora classificato come monumento storico-artistico (dal 1924) [3][4][5].

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello si trova in Avenida del Castillo[4], in una collina situata alla confluenza dei fiumi Sil e Boeza[1].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il castello occupa un'area di circa 8.000 mq[7] ed ha una pianta irregolare[7].

L'entrata principale si trova nella parte sud-occidentale del castello[1] ed è difesa da un fossato, una cancellata in ferro e, ai lati, da due torri[1].
Un'enorme muraglia caratterizza invece la parte orientale dell'edificio.[1]

Veduta panoramica del castello

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sul luogo dove ore sorge la fortezza attuale si ergeva in origine una cittadella romana con una piccola fortezza.[3]
Dopo che nel 1178 la città di Ponferrada fu ceduta dai regnanti del León ai Templari[3][4], quest'ultimi iniziarono ad ampliare la fortezza preesistente[3][4] con lo scopo di proteggere i pellegrini lungo il loro cammino verso Santiago de Compostela[1][6][8].

La prima costruzione terminò nel 1282.[3][4][5]

Dopo che nel 1312 fu sciolto l'Ordine dei Templari, il castello finì nelle mani di diversi proprietari.[5]
Tra questi vi furono Pedro Fernández de Castro (? - 1342) e Fadrique Enríquez, duca di Arjona, che intrapresero alcune opere di restauro.[5] Quest'ultimo fece costruire la Torre del Rastrillo o Torre de los Caracoles, che fu in seguito completata da Pedro Álvarez Osorio.[5]

Successive opere di ampliamento furono poi intraprese tra il XV e il XVI secolo.[3][4][5]

Nel 1811, furono fatte saltare in aria alcune torri del castello per impedire che fosse preso in possesso dai Francesi.[5]

Nel 1848, fu aggiunta al castello una scuderia.[3][4]

Nel 1924, l'edificio fu dichiarato monumento storico-artistico.[3][4][5].

Punti d'interesse[5][modifica | modifica wikitesto]

  • Torre Rastrillo o Torre de los Caracoles
  • Nueva Torre del Homenaje, la torre meglio conservata del castello[5]
  • Vieja Torre del Homenaje

Il Castello di Ponferrada in letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Pilmgrim Path Ways: The Castle of Ponferrada
  2. ^ Castelli Web.info: Castello di Ponferrada
  3. ^ a b c d e f g h i j k Ponferrada Turismo: Castillo de los Templarios
  4. ^ a b c d e f g h i j k Ponferrada Virtual: Castillo Templario
  5. ^ a b c d e f g h i j k l Camino Santiago: Castello di Ponferrada
  6. ^ a b A.A.V.V., Spagna, Dorling Kindersley, London - Mondadori, Milano, 1996 e segg.
  7. ^ a b Every Castle.com: Ponferrada Castle
  8. ^ Spain.info: Castillo de los Templarios - Castello dei Templari
  9. ^ Ponferrada - Castle Templar - Ponferrada - IgoUgo - Zhebiton

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]