Castello di Kantara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Kantara
Mappa di localizzazione: Cipro
Ubicazione
Stato attuale Cipro Cipro
Coordinate 35°24′23.04″N 33°55′23.88″E / 35.4064°N 33.9233°E35.4064; 33.9233Coordinate: 35°24′23.04″N 33°55′23.88″E / 35.4064°N 33.9233°E35.4064; 33.9233
Informazioni generali
Stile medievale
Inizio costruzione X secolo

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castello di Kantara è il più esterno dei tre castelli medievali situati sulla catena montuosa di Kyrenia, a Cipro.[1]

Trovandosi ad un'altitudine di 630 metri sul livello del mare, il castello è ben posizionato per sorvegliare le entrate alla penisola di Karpassia e alla piana di Mesaoria.

Il nome "Kantara" deriva probabilmente dall'arabo qantara, che significa "piccolo ponte".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello fu costruito dai bizantini durante il X secolo, come vedetta contro i pirati arabi. Viene menzionato per la prima volta in relazione alla conquista di Cipro da parte di Riccardo Cuor di Leone, nel 1191. In quell'anno, infatti, l'imperatore bizantino Isacco Comneno si rifugiò nel Castello di Kantara.

Successivamente, nel 1228, i realisti ridussero così male le mura che dovettero essere interamente ricostruite.

In seguito, i nobili del luogo utilizzarono il castello come residenza di caccia; si usava infatti cacciare capre di montagna con l'aiuto di leopardi addomesticati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli altri due sono Buffavento e Sant'Ilario.