Castello di Grinzane Cavour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Grinzane Cavour
Grinzane cavour castello.jpg
Ubicazione
Stato attuale ben conservato
Regione Piemonte Piemonte
Città Grinzane Cavour
Informazioni generali
Tipo Castello medievale
Inizio costruzione XIII secolo
Note sede dell'Enoteca Regionale Piemontese Cavour e del Museo delle Langhe
Sito web http://www.castellogrinzane.com/

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Grinzane Cavour è un'imponente fortificazione situata a Grinzane Cavour in provincia di Cuneo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Paesaggio vitivinicolo del Piemonte - Il Castello di Grinzane Cavour
(EN) The Vineyard Landscape of Piedmont: Langhe-Roero and Monferrato
Castle of Grinzane Cavour.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iii) (v)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2014
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Estremamente scarse sono le notizie storiche sulle sue origini e vi sono non pochi dubbi sulla sua data di costruzione: c'è chi lo colloca nel XIII secolo e chi sostiene invece che la costruzione della torre risalga al 1350 e il resto ad epoca successiva. È effettivamente probabile che la grossa torre costituisse il primitivo nucleo della costruzione e i successivi corpi l'abbiano quindi completata dando all'insieme un'impronta di struttura unitaria, forte e armoniosa.

Attorno al Quattrocento il castello e i circostanti terreni appartenevano al marchese di Busca, i cui stemmi nobiliari furono infatti scoperti sotto gli intonaci di alcune stanze.

Il castello passò poi numerosi proprietari dei quali non restano che poche notizie finché, nell'Ottocento il castello non ospitò per quasi vent'anni un illustre personaggio del Risorgimento: Camillo Benso Conte di Cavour. Lo statista vi giunse nel 1830, ospite degli zii, la famiglia De Tonnerre.

Il castello

Incaricato di amministrare questi beni di famiglia, dimostrò capacità organizzativa e apertura verso le nuove acquisizioni scientifiche. Conferì una nuova impronta all'agricoltura locale: tracciò canali, adottò nuovi sistemi razionali di coltivazione, fece piantare duecentomila nuove viti e tentò la coltivazione delle barbabietole. Fu nominato sindaco del piccolo comune nel maggio 1832 a ventidue anni e tale carica mantenne fino al febbraio 1849.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Il castello è ben conservato, si presenta come un imponente edificio a pianta rettangolare con un poderoso mastio, che occupa tutta un'ala, ed una fabbrica a "U" ornata da una serie di torrette: due quadrate e due, esterne e pensili, a pianta rotonda. Molte finestre si aprono sulle facciate principali ad est e ad ovest, due sole sulla facciata a nord, mentre nel versante a sud sono numerose e ordinatamente allineate su tre piani.

Il 23 ottobre 2010 è stato inaugurato un nuovo edificio, costruito all’interno della collina sulla quale si erge l’antico maniero. La nuova ala include uffici ed ambienti polifunzionali: una Sala Didattica da 60 posti ed una Sala Congressi con oltre 250 posti a sedere e attrezzature audio e video.

In occasione dell’inaugurazione è stata allestita la mostra Brume di Langa: paesaggi, oggetti, pensieri, a cura dell’interior designer Letizia Rivetti e dello scrittore Giordano Berti.

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Ogni anno, agli inizi di novembre, nel castello di Grinzane Cavour si svolge l'Asta Mondiale del Tartufo Bianco d'Alba[1], che vede la partecipazione di famose personalità della politica italiana, della cultura e del jet set internazionale.

L'Asta non ha finalità di lucro, in quanto il ricavato dalla vendita degli esemplari di tartufo bianco (Tuber Magnatum Pico) viene interamente devoluto ad Ospedali, Istituti di ricerca medica o altri Enti benefici.

Immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito dell'Asta