Castello di Conversano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Conversano
Veduta della torre cilindrica rinascimentale e di parte della residenza signorile da Piazza Castello; sulla destra si intravede la testata del transetto della Cattedrale e una delle torri campanarie
Veduta della torre cilindrica rinascimentale e di parte della residenza signorile da Piazza Castello; sulla destra si intravede la testata del transetto della Cattedrale e una delle torri campanarie
Ubicazione
Stato Ducato di Puglia
Ducato di Puglia e Calabria
Regno di Sicilia
Regno di Napoli
Regno delle Due Sicilie
Regno d'Italia
Stato attuale Italia Italia
Regione Puglia Puglia
Città Conversano
Informazioni generali
Tipo Castello medievale - rinascimentale
Primo proprietario Famiglia Altavilla-Bassavilla
Funzione strategica Difensiva
Inizio costruzione XI secolo (età normanna)
Termine costruzione XV secolo
Materiale Pietra calcarea
Altezza 25 m ca. (torre maestra quadrangolare)
Condizione attuale Discreta
Proprietario attuale Comune di Conversano
Visitabile Si
Comandanti storici Giovannantonio Del Balzo Orsini
Giangirolamo II Acquaviva d’Aragona

http://www.mondimedievali.net/castelli/Puglia/bari/conversano.htm

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Conversano è una struttura trapezoidale di origine normanna, ma successivamente modificata e rimaneggiata, soprattutto nel XV e nel XVII secolo, in modo da tramutarla da fortezza originaria qual era in fastosa dimora signorile.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

Effettuando il giro del perimetro della costruzione, possiamo notare ancora un grosso torrione cilindrico (XIV secolo), un bastione dodecagonale munito di merlatura per le bocche da fuoco, risalente al 1460, tre massicci torrioni quadrati (XI-XII secolo), di cui il torrione maestro è di età normanna e sorge su preesistenti mura megalitiche (per alcuni tratti ancora visibili), e qualche resto di finestre ogivali e circolari. La porta d'ingresso, il muro di cinta del cortile e la pregevole galleria che gira nell'interno dell'atrio risalgono invece al 1710, anno in cui furono fatte costruire dalla contessa Dorotea Acquaviva. Sul lato di Piazza della Conciliazione sorge l'ingresso monumentale tardo barocco.[1]

Interno[modifica | modifica wikitesto]

La torre del castello)

L'ingresso nel castello avviene non da Piazza Castello, bensì dalla adiacente Piazza della Conciliazione, dove si accede tramite il portale del 1710, di linee barocche. Si arriva così nel cortile interno, a portico e loggia su due lati. L'appartamento dei signori presenta ancora in alcune sale l'antico arredamento dei secoli XVI-XVII. Spettacolare, per bellezza ed estensione, è inoltre la vista dall'alto della torre che domina il cortile, eretta nel XIV secolo da Gualtiero di Brienne. Attualmente, alcune parti del Castello restano in mano di privati.[2]

Pinacoteca comunale[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del castello, dopo una serie di restauri, è stata collocata la pinacoteca comunale. In essa Sono contenute svariate opere tra le altre cose le grandi tele raffiguranti episodi della Gerusalemme Liberata ad opera del pittore seicentesco napoletano Paolo Domenico Finoglia, invitato a Conversano da Giangirolamo II d'Acquaviva; il ciclo di opere serve per esaltare il potere e il prestigio della casata che ha commissionato l'opera al pittore.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Appulus, p. 20
  2. ^ Appulus, p. 30
  3. ^ D'Elia, p. 10

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Puglia, Touring Club Italiano, Milano 1978.
  • N. Appulus, Il castello di Conversano, Conversano 1935.
  • P. e M. D'Elia, I pittori del Guercio, Molfetta 1970.
  • G. Bolognini, Storia di Conversano, Bari 1935.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]