Castello di Artstetten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Artstetten
Veduta del castello di Artstetten dal villaggio sottostante
Veduta del castello di Artstetten dal villaggio sottostante
Ubicazione
Regione Bassa Austria Bassa Austria
Città Artstetten-Pöbring
Informazioni generali
Tipo Castello
Stile Rinascimentale

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castello di Artstetten (in lingua tedesca Schloss Artstetten) è un castello austriaco situato nella Bassa Austria, presso la valle di Wachau, nell'abitato di Artstetten-Pöbring.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Edificato già dal XIII secolo, il castello era anticamente di proprietà della famiglia Artstetten. Nel 1835 il complesso venne acquistato dall'arciduca Francesco Carlo d'Asburgo-Lorena, padre del futuro Imperatore Francesco Giuseppe d'Austria, ed utilizzato come residenza estiva della famiglia. Successivamente il castello passò al fratello di Francesco Giuseppe, Carlo Ludovico il quale, nel 1889, lo passò al figlio primogenito, l'arciduca Francesco Ferdinando d'Austria e di sua moglie Sofia, duchessa di Hohenberg.

Nella cappella del palazzo vennero poi inumate anche le due salme degli arciduchi quando questi vennero uccisi nel tragico attentato di Sarajevo del 1914 che diede inizio alla prima guerra mondiale.

Attualmente il castello è di proprietà privata della famiglia Hohenberg, ma dal 1977 è stato aperto ufficialmente al pubblico e dal 1982 accoglie il museo "Arciduca Francesco Ferdinando" che ripercorre le tappe fondamentali della vicenda personale, storica e politica dell'arciduca.

Nel 2002 la Repubblica Austriaca ha dedicato a questo castello una moneta commemorativa da 10 euro in argento.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]