Castello della Magliana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox struttura militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Il castello della Magliana è una costruzione fortilizia, nella via omonima, nella zona Magliana Vecchia, nei pressi del Tevere, a Roma. È chiamato anche villa pontificia alla Magliana, perché utilizzata in passato come residenza di campagna dai papi.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello è ricordato nell'XI secolo come possedimento del monastero di Santa Cecilia in Trastevere; ad esso era annesso un oratorio dedicato a Giovanni Battista, che risaliva anch'esso al Medioevo.

Il Castello o casale della Magliana in una foto degli anni 30

L'opera di completo restauro e riadattamento dell'edificio medievale fu iniziata nel 1480 sotto il pontificato di papa Sisto IV (1471-1484) e proseguì sotto quello di papa Innocenzo VIII (1484-1492), che nel 1490 fece abbattere gran parte delle strutture medievali e costruire un nuovo edificio che porta il suo nome. Agli inizi del XVI secolo, papa Giulio II (1503-1513) affidò a Giuliano da San Gallo la costruzione di un nuovo palazzetto con porticato e grandi finestre a croce mozza, le cui camere furono affrescate da alcuni pittori della scuola del Perugino. Durante lo stesso periodo fu ristrutturata anche l'antica cappella di San Giovanni Battista. L'epoca di maggior splendore fu durante il pontificato di papa Leone X (1513-1521) che, oltre ad abbellire ulteriormente gli edifici chiamandovi a lavorare Donato Bramante e Michelangelo Buonarroti, trasformò la villa in un luogo di incontri letterari, di concerti e spettacoli teatrali. Nella volta che sovrasta l'altare della cappella di San Giovanni Battista, Raffaello Sanzio dipinse l'Eterno Padre benedicente fra angeli e cherubini (oggi al Louvre), mentre sulla volta dell'arco della navata centrale dipinse il Martirio di santa Cecilia (frammenti nel Musée des Beaux-Arts di Narbonne).

Con la fine dell'epoca rinascimentale, anche il castello cadde in disuso e progressivamente abbandonato; fu dato in proprietà al monastero di santa Cecilia in Trastevere, che lo affittò a privati. Nel 1959 l'intero complesso è stato acquistato e restaurato dal Sovrano Militare Ordine di Malta. Oggi ospita gli uffici e la direzione del vicino ospedale San Giovanni Battista, di proprietà dello stesso Ordine.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emilio Venditti, Il Castello della Magliana, Roma, Tipolitografia Trullo, 1988.
  • Emilio Venditti, Il Castello della Magliana, Roma, Buffetti Grafica, 1995.
  • Anna Cavallaro, La villa dei Papi alla Magliana, Roma, Libreria dello Stato, 2005, ISBN 978-88-240-3567-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 41°49′39.19″N 12°25′02.23″E / 41.827554°N 12.417287°E41.827554; 12.417287