Castello Orsini (Soriano nel Cimino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello Orsini
Il castello Orsini domina il centro abitato di Soriano nel Cimino.
Il castello Orsini domina il centro abitato di Soriano nel Cimino.
Ubicazione
Stato Stato della Chiesa, Regno d'Italia, Repubblica Italiana, Comune di Soriano nel Cimino
Stato attuale Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Città Soriano nel Cimino
Coordinate 42°25′10.66496″N 12°14′06.0037″E / 42.419629°N 12.235001°E42.419629; 12.235001Coordinate: 42°25′10.66496″N 12°14′06.0037″E / 42.419629°N 12.235001°E42.419629; 12.235001
Informazioni generali
Tipo Castello
Primo proprietario Guastapane-Pandolfo
Stile Guelfo
Funzione strategica Difesa del borgo di Soriano
Termine funzione strategica Nel 1848 viene adibito a carcere
Inizio costruzione 1200
Termine costruzione 1278
Condizione attuale Esterno: in buone condizioni.
Interno: completamente manomesso.
Proprietario attuale Stato italiano (demanio)
Visitabile Il sabato e la domenica[1]
Eventi Leggenda della Vecchia del Carnaiolo e battaglia del Fosso del buonincontro[2]

Fonti: Comune[1] e Pro Loco[2] di Soriano nel Cimino

voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

il castello Orsini è una struttura difensiva situata nel comune di Soriano nel Cimino in provincia di Viterbo. Costruito a partire dal XIII secolo, è stato ampliato e modificato nel corso dei secoli, arrivando ai giorni nostri in buone condizioni di conservazione.

Posto sulla sommità della collina sulla quale sorge l'abitato di Soriano nel Cimino, sul versante nord-orientale del monte Cimino, il castello Orsini, caratterizzato da un'architettura severa e maestosa, domina il borgo di origine medioevale e centro storico del paese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Residenza di nobili e papi[modifica | modifica wikitesto]

Il primo nucleo del castello è costruito all'inizio del Duecento, quando, sulle rovine di una precedente costruzione, il rudere di un castelletto eretto intorno all'anno 1000, viene edificato un palazzo-torre, di circa 35 metri di altezza, da parte dei Guastapane-Pandolfo. La torre, tuttora esistente, diviene poi il maschio del castello più ampio edificato attorno ad essa da papa Niccolò III Orsini tra il 1277 e il 1278; il pontefice,che amava molto la città, volle fortemente questa costruzione, nella quale si spegnerà due anni più tardi[3].

Il cassero, dalla forma di un massiccio parallelepipedo, è addossato alla torre più antica e a questa collegato, a nord, tramite un muraglione delimitato da una torre cilindrica e a sud con un braccio minore. L'intero complesso è interamente circondato da un cammino di ronda che si snoda in senso antiorario in salita e termina con un torrione, originario accesso al castello ed è delimitato da una cinta muraria e sormontato da merli guelfi.

Carcere[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1848, quando Soriano viene ceduta allo Stato pontificio, il castello è abbandonato dalla nobiltà e adattato a struttura carceraria: è prima carcere della Santa Sede e poi, dal 1871, dello Stato italiano.

È adibito a carcere, come casa di lavoro, fino alla fine degli anni ottanta: nel 1989 viene definitivamente chiuso.

Il castello oggi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la chiusura del carcere il complesso ha subito diverse vicissitudini: dapprima usato come sede di esposizioni temporanee è attualmente in attesa di una destinazione definitiva. Le ultime notizie lo danno tra i beni del patrimonio demaniale in procinto di essere vendute ai privati[4].

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Più volte restaurato nel corso dei secoli, il complesso edilizio ha subito nel Rinascimento notevoli trasformazioni e aggiunte e, in epoca recente, varie deturpazioni e manomissioni a causa della sua destinazione ad uso detentivo. Paradossalmente ciò ha permesso la perfetta conservazione esterna della struttura a causa dei continui lavori di manutenzione sostenuti dal Ministero di Grazia e Giustizia. È attualmente una splendida struttura architettonica che domina con imponenza la cittadina di Soriano nel Cimino[5].

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Arte e Monumenti: ll castello Orsini, Comune di Soriano nel Cimino. URL consultato il 3 maggio 2011.
  2. ^ a b Cultura e tradizioni » Sagra delle Castagne, Pro Loco di Soriano nel Cimino. URL consultato il 3 maggio 2011.
  3. ^ Valentino D'Arcangeli, Antonietta Santocchi, Soriano nel Cimino, Viterbo, Agnesotti, 1993.
  4. ^ Denise La Monica, L'Italia in vendita in Il Giornale dell'Arte, numero 299, 1° giugno 2010. URL consultato il 9 settembre 2010.
  5. ^ Guida di Soriano nel Cimino, 1995.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]