Castel Sant'Angelo (comune)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castel Sant' Angelo
comune
Castel Sant' Angelo – Stemma Castel Sant' Angelo – Bandiera
un vicolo di Castel Sant'Angelo
un vicolo di Castel Sant'Angelo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Rieti-Stemma.png Rieti
Amministrazione
Sindaco Luigi Taddei (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 42°24′00″N 13°01′00″E / 42.4°N 13.016667°E42.4; 13.016667 (Castel Sant' Angelo)Coordinate: 42°24′00″N 13°01′00″E / 42.4°N 13.016667°E42.4; 13.016667 (Castel Sant' Angelo)
Altitudine 581 m s.l.m.
Superficie 31,27 km²
Abitanti 1 303[1] (1-1-2014)
Densità 41,67 ab./km²
Comuni confinanti Borgo Velino, Cittaducale, Micigliano, Rieti
Altre informazioni
Cod. postale 02010
Prefisso 0746
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 057015
Cod. catastale C268
Targa RI
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti Castellani
Patrono San Biagio
Giorno festivo Prima domenica di febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castel Sant' Angelo
Posizione del comune di Castel Sant'Angelo nella provincia di Rieti
Posizione del comune di Castel Sant'Angelo nella provincia di Rieti
Sito istituzionale

Castel Sant' Angelo è un comune italiano di 1.303 abitanti della provincia di Rieti, in Lazio. Fino al 1927 faceva parte della Provincia dell'Aquila, in Abruzzo e, dal 1233 al 1861, per oltre 600 anni, è stato parte integrante del Giustizierato d'Abruzzo e della provincia Abruzzo Ultra II, nel distretto di Cittaducale, con capoluogo L'Aquila. [2]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

In buona parte montuoso, a valle è attraversato longitudinalmente dal Fiume Velino, così come dalla Via Salaria.

Data la grande presenza di rocce calcaree, in questa zona l'attività carsica è ben sviluppata; non sono rari infatti i fenomeni di carsismo epigeo con doline, definite Puzzacchie nel dialetto locale.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica: zona E, 2487 GR/G


Storia[modifica | modifica wikitesto]


Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di Santa Maria della Porta, antica parrocchia del paese è situata nel cuore del borgo medioevale. Dal nome si capisce che l’edificio sorge a ridosso dell’antica porta principale, in corrispondenza del luogo dove anticamente sorgeva la sala d’armi del Castello. Dall’esterno essa si presenta come un classico edificio medioevale, all’interno è strutturata a tre navate suddivise da archetti a volte affrescati a cielo stellato e sulle pareti laterali sono disposti quattro altari. Di particolare interesse sono il fonte battesimale in pietra scolpita, l’altare maggiore decorato da colonne in marmo policromo e la nicchia centrale, devo è conservata una statua della Madonna con Bambino sormontata da angeli in festa. La chiesa ha ospitato per lungo tempo la sede dei Monti Frumentari e custodisce le preziose reliquie di San Biagio, patrono della parrocchia e del paese.
  • Chiesa di San Rocco, di origine altomedievale e trasformata nel XVI secolo, ha subito di recente un restauro. Si trova lungo la strada Vasche-Castel Sant'Angelo
  • Chiesa di San Biagio, la chiesa parrocchiale, in origine con funzione di chiesa del cimitero, presenta come caratteristica principale l’elegante portale risalente al 1564 dove nel timpano che sovrasta l’ingresso della chiesa è rappresentato il Dio Padre benedicente tra due cherubini, mentre nei pennacchi dell’arco l’Annunciazione. Consacrata nel 1879 a San Biagio è dotata di un'archittettura romanica che presenta una navata centrale e due navate laterali dove sono disposti sei altari dedicati ai Santi venerati in paese. È presente all’ingresso della Sacrestia una pregevole tela cinquecentesca raffigurante la presentazione al tempio di Gesù e la purificazione della Vergine Maria.
  • Chiesa di San Giovanni Battista, posta nella piazza di Paterno, presenta l'incisione “TEMPLUM DIVI IOANNIS MD MDLVIII” , posta sull’architrave del portale, ornato da formelle con simboli cristiani. All’interno sono conservati interessanti opere d’arte tra cui importanti affreschi cinquecenteschi, come “La Madonna del Rosario”, “La Vergine con il Bambino benedicente” e “l’Adorazione dei Pastori”. Nel 2001 sono stati eseguiti dei restauri nella chiesa, ad opera della Soprintendenza dei Beni Artistici del Lazio, nel corso dei quali è emersa la presenza di un affresco sottostante a quello della "Madonna del Rosario".

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Via Salaria, sono presenti alcuni tratti dell’antica via del sale; uno dei più lunghi e meglio conservati è visibile in un laghetto artificiale dedicato alla pesca sportiva.
  • Peschio del Principe, ruderi di una struttura fortificata, presenti a Vena Rossa, utilizzata probabilmente per il controllo sulla valle.


Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione straniera residente al 1º gennaio 2014 rappresenta il 6.75%. I gruppi nazionali sono così suddivisi, in percentuale rispetto al totale dei residenti stranieri:


Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

L'area del Comune di Castel Sant'Angelo è composto da un'unica circoscrizione.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Canetra
  • Castel Sant' Angelo (Castello)
  • Mozza
  • Pagliara
  • Paterno
  • Piè di Castello
  • Piedimozza
  • Ponte Alto
  • Ponte Basso
  • Ponte Santa Margherita
  • Terme di Cotilia (come unione delle frazioni di Piè di Paterno e Cotilia Terme)
  • Vasche
  • Villa Ornaro (Cucca Vecchia)
  • Ville


Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è posto lungo la Via Salaria, una delle più importanti strade statali a livello nazionale.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune sono presenti ben due stazioni ferroviarie, la Stazione di Castel Sant'Angelo e la Stazione di Canetra, entrambe poste sulla storica linea Terni-Sulmona, unica ferrovia presente nella zona.


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni Provinciali stabilito dal regio decreto N°1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Rieti, Castel Sant'Angelo passò dalla provincia dell'Aquila a quella di Rieti.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1995 2000 Luigi Taddei lista civica Sindaco
2000 2004 Luigi Taddei lista civica Sindaco
2004 2009 Paolo Annibaldi lista civica Sindaco
2009 2014 Paolo Annibaldi lista civica Sindaco
2014 in carica Luigi Taddei lista civica Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]


Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio