Casio F-91W

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Casio F-91W

Il Casio F-91W è un orologio da polso digitale creato dalla Casio ed immesso nel mercato nel 1991. È diffuso ampiamente in tutto il mondo ancora oggi e viene considerato un classico.[1]

Specifiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Il Casio F-91W permette la regolazione di una sveglia che può suonare una volta e di un segnale orario. Ha un cronometro limitato ad un massimo di 59 minuti 59,99 secondi che può misurare il tempo netto, il tempo parziale e i tempi del primo e del secondo arrivato in una competizione. Possiede un calendario automatico, ma non registra l'anno e quindi, non riconoscendo i bisestili, associa a febbraio la durata di 28 giorni. L'accuratezza a temperatura normale è pari a ±30 secondi al mese, circa 6 minuti all'anno.

L'orologio è alimentato da una batteria a bottone al litio del tipo CR-2016 che dura circa 7 anni (supponendo un uso giornaliero della suoneria di 20 secondi e della luce di 1 secondo). Il quadrante misura 38,2 x 35,2 x 8,5mm e pesa 22 g. Il numero assegnato dalla Casio a questo modello è 593 ed è impresso sulla cassa. Come recita la scritta sottostante al display, il Casio F-91W è resistente all'acqua.

Uso nella creazione di esplosivi[modifica | modifica wikitesto]

Quadrante utilizzato per un ordigno artigianale del 2002

Alcuni documenti utilizzati per addestrare i militari del campo di prigionia di Guantánamo a valutare il livello di minaccia dei nuovi detenuti affermano che il possesso di un Casio F-91W (e della versione argentata A159W) è un tratto distintivo degli uomini addestrati da al-Qaida nella creazioni di bombe e, in quanto tale, può essere usato per riconoscerli. Viene consegnato agli studenti durante i corsi che il movimento terroristico svolge in Afghanistan, durante i quali viene insegnato loro ad utilizzarlo come timer. Approssimativamente un terzo dei detenuti trovati in possesso di questo tipo di orologio è risultato essere collegato alla fabbricazione di esplosivi.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Casio F-91W: The strangely ubiquitous watch in BBC News, 26 aprile 2011. URL consultato il 18 settembre 2013.
  2. ^ Guantánamo Bay files: Casio wristwatch 'the sign of al-Qaida' in The Guardian, 25 aprile 2011. URL consultato il 17 settembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]