Casa di York

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Casato di York)
Regno d'Inghilterra
York

White Rose Badge of York.svg

Edoardo IV (1442-1483)
Figli
  • Elisabetta (1466-1503)
  • Maria (1467-1482)
  • Cecilia (1469-1507)
  • Edoardo V (1470-1483?)
  • Margherita (1472-)
  • Riccardo (1473-1483?)
  • Anna (1475-1511)
  • Giorgio (1477-1479)
  • Caterina (1479-1527)
  • Brigitta (1480-1517)
Edoardo V (1483)
Riccardo III (1483-1485)
Figli

La Casa di York fu la dinastia inglese fondata da Edmondo di Langley, primo duca di York e quartogenito di Edoardo III d'Inghilterra. Salì al trono quando il figlio minore di Edmondo, Riccardo di Conisburgh, terzo conte di Cambridge, sposò la cugina Anna Mortimer (anch'essa discendente di Edoardo III) ed avanzò pretese alla corona in favore del figlio Riccardo di York in opposizione a Enrico VI, anch'egli nipote di Edoardo III e figlio di Giovanni di Gand, primo duca di Lancaster. Tale contrasto diede origine alla guerra delle due rose.

Inquadramento storico-politico[modifica | modifica sorgente]

Il duca Riccardo di York. XV secolo ca., Saint Laurence's Church, Ludlow, Shropshire.
Edoardo IV di York, re d'Inghilterra. XV secolo ca., Saint Laurence's Church, Ludlow, Shropshire.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra dei Cent'anni e Casato dei Lancaster.

A partire dal 1399 la corona inglese era possesso del Casa di Lancaster, la potentissima famiglia feudale fondata da Giovanni di Gand, duca di Lancaster, che era salita al trono grazie all'ambizione del figlio di quest'ultimo, Enrico IV.

Enrico V, valoroso soldato e abile stratega, rafforzò la sua autorità e il prestigio della famiglia infliggendo al regno di Francia numerose e pesanti sconfitte (la più famosa delle quali fu quella d'Azincourt, nel 1415), e facendosi riconoscere erede di Carlo VI di Francia (Trattato di Troyes, 1420).

Con Enrico VI (incoronato nel 1422), sovrano incompetente e afflitto da schizofrenia e demenza, il trono cominciò a vacillare: incapace di governare il suo paese, il sovrano fu affiancato da William de la Pole, I duca di Suffolk, e, soprattutto, da Margherita d'Angiò, la regina consorte.

La Casa di York[modifica | modifica sorgente]

La rosa bianca, simbolo del casato degli York

La pretesa al trono d'Inghilterra, che era caduta dal momento che i Lancaster avevano regnato per tre generazioni, fu avanzata da Riccardo di York grazie al malgoverno della regina Margherita e dei suoi favoriti. Tuttavia, essa era fondata genealogicamente, poiché il duca discendeva direttamente da Lionello di Clarence, mentre la casa di Lancaster discendeva da Giovanni di Gand, fratello minore di Lionello. Certo, la discendenza era per via femminile, ma l'obiezione non poteva sollevarsi ora che l'Inghilterra era governata a tutti gli effetti dalla regina consorte[senza fonte]. La pretesa di Riccardo era anche favorita dall'accentramento dei titoli e dei domini ereditari nelle sue mani, e dalla sua parentela, attraverso il matrimonio con Cecily Neville, con i potenti conti di Westmorland. Era stata soprattutto la grande popolarità acquistata da Enrico V con le sue vittorie sui francesi, che aveva impedito per quarant'anni ogni invalidazione del diritto della casa di Lancaster.

Riccardo di York[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra delle due rose.
Ducato di York
York

Arms of Richard of York, 3rd Duke of York.svg

Riccardo, duca di York, dopo aver tentato con altri mezzi di porre rimedio alla debolezza del governo di Enrico VI, prese le armi contro i suoi cattivi consiglieri, che erano anche i suoi nemici personali, e infine in Parlamento pretese come di diritto la corona. I lord suggerirono come compromesso, che venne accettato, di lasciar regnare Enrico fino alla morte e di trasmettere poi la corona a Riccardo e ai suoi eredi. Ma l'atto fu respinto da Margherita d'Angiò e dai suoi seguaci. Il duca Riccardo fu allora ucciso a Wakefield. Era cominciata la Guerra delle Due Rose.

I discendenti di Riccardo - gli York al trono[modifica | modifica sorgente]

Poco dopo, il figlio del duca fu incoronato sovrano a Londra col nome di Edoardo IV e assicurò il trono con la vittoria di Towton (1461). Tuttavia, i dissensi minavano l'unità della sua stessa famiglia. Nel 1478, l'erede del re, Giorgio Plantageneto, I duca di Clarence, fu messo a morte come traditore. Re Edoardo morì inaspettatamente nel 1483, passando il trono al figlio Edoardo V, sotto la tutela dello zio, Riccardo di Gloucester. Quest'ultimo fece sparire dalla circolazione il nipote, insieme al fratellino Riccardo, duca di York. Sbarazzatosi degli ingombranti parenti, fu investito del titolo di re col nome di Riccardo III.

Il termine della dinastia reale[modifica | modifica sorgente]

Quest'ultimo sovrano fu ucciso dopo soltanto due anni di regno nella battaglia di Bosworth. Dato che non c'erano eredi legittimi, il conte di Richmond, proclamato re col nome di Enrico VII, che era della famiglia Tudor ma strettamente imparentato con i Lancaster, mantenne la sua promessa di sposare Elisabetta di York, unendo così le due case reali; ebbe così fine la Guerra delle Due Rose.

I Tudor daranno all'Inghilterra alcuni dei più famosi e importanti monarchi della sua storia, quali Enrico VIII ed Elisabetta I, che porteranno il proprio paese dal Medioevo all'Età moderna.

Il titolo di Duca di York[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Duca di York.

Il titolo di duca di York fu più volte ripreso nella casa reale inglese. In particolare lo assunsero i pretendenti giacobiti, come Enrico Benedetto Stuart mentre il re Giorgio III conferiva il titolo di duca di York al proprio figlio Federico Augusto di Hannover.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Treccani: Enciclopedia italiana Treccani, Istituto Poligrafico dello Stato, Roma, 1950.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia