Casa Martí

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vista generale dell'edificio

La Casa Martí è un edificio modernista di Barcellona costruito da Josep Puig i Cadafalch nel 1896 su incarico dell'industriale tessile Francesc Vilumara.

L'edificio, d'impronta più europea che catalana, si distingue per le grandi finestre ogivali e le vetrate policrome oltre che per i curiosi ornamenti delle finestre e del balcone. La parte esterna è ricca di sculture di Eusebi Arnau e di Josep Llimona i Bruguera.

Sfortunatamente, l’edificio non si è conservato integro, in quanto la linea originale della porta, opera di Puig i Cadafalch, è scomparsa in uno dei restauri subiti dal locale nell'arco della sua più che centenaria esistenza.

Al piano terra vi è la taverna Els Quatre Gats, uno degli epicentri artistico-culturale della Barcellona degli anni 1897-1903. Ramon Casas, Santiago Rusiñol e Pablo Picasso furono infatti alcuni degli avventori più illustri di questo peculiare cenacolo inaugurato nel 1897.

Dal 1903 al 1936 ha accolto il Cercle Artístic de Sant Lluc, come ricorda la lapide commemorativa posta sulla facciata.

Nel 1976 Casa Martí è stata dichiarata "Bene Culturale d'Interesse Nazionale".

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]