Carukia barnesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Carukia barnesi
Immagine di Carukia barnesi mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Cnidaria
Classe Cubozoa
Ordine Cubomedusae
Famiglia Carybdeidae
Genere Carukia
Specie C. barnesi
Nomenclatura binomiale
Carukia barnesi
(Southcott, 1967)
nomi comuni
  • Medusa Irukandji

La Carukia barnesi Southcott, 1967 è una cubomedusa della famiglia Carybdeidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

In una C. barnesi, l'esombrella è alta da 12 a 25 mm. Possiede quattro tentacoli contraibili, che variano in lunghezza da 5 cm ad 1 m.

Le meduse Irukandji[modifica | modifica wikitesto]

È una delle specie di meduse comunemente note come meduse Irukandji. Si sospetta che anche altre specie di Cubozoa possano causare la sindrome di Irukandji[1], ma si hanno dei riscontri scientifici di ciò soltanto per quanto riguarda 8 specie di medusa (oltre alla Carukia barnesi le altre sono: Malo kingi, Alatina mordens, Carybdea alata, Malo maxima, Carybdea xaymacana, l'ancora non meglio identificata fire jelly ed un'ultima ancora senza nome).[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grady J, Burnett J, Irukandji-like syndrome in South Florida divers in Ann Emerg Med, vol. 42, nº 6, 2003, pp. 763–6, DOI:10.1016/S0196-0644(03)00513-4, PMID 14634600.
  2. ^ Little M, Seymour J, Another cause of "Irukandji stingings" in Med J Aust, vol. 179, 11–12, 2003, p. 654, PMID 14636148.
  3. ^ Little M, P Pereira, T Carrette, J Seymour, Jellyfish Responsible for Irukandji Syndrome in Q J Med, vol. 99, nº 6, 2006, pp. 425–427, DOI:10.1093/qjmed/hcl057, PMID 16687419.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

animali Portale Animali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animali