Carrie Meek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carrie Meek
Carrie P. Meek.jpg

Membro della Camera dei rappresentanti - Florida, distretto n.17
Durata mandato 3 gennaio 1993 - 3 gennaio 2003
Predecessore William Lehman
Successore Kendrick Meek

Membro del Senato della Florida
Durata mandato 1983 - 1993

Membro della Camera dei Rappresentanti della Florida
Durata mandato 1978 - 1983

Dati generali
Partito politico Democratico

Carrie Meek, nata Pittman (Tallahassee, 29 aprile 1926), è una politica statunitense, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della Florida dal 1993 al 2003.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di mezzadri afroamericani, la Meek crebbe a Tallahassee, in Florida. Siccome all'epoca la gente di colore non poteva compiere gli studi universitari in quello stato, la giovane frequentò l'Università del Michigan, dove si laureò nel 1948. Successivamente divenne insegnante e si trasferì a Miami.

Nel 1978 venne eletta come democratica alla Camera dei Rappresentanti della Florida. Nel 1983 fu poi la prima donna afroamericana eletta al Senato di stato della Florida. Nel 1992 riuscì ad approdare al Congresso come deputata alla Camera. Appena eletta dovette affrontare i problemi del suo distretto dovuti alle conseguenze dell'uragano Andrew.

Nel corso degli anni la Meek si impegnò per tutelare i suoi elettori, perlopiù gente di colore meno abbiente[1]. Nel 1998 inoltre propose, in base ai risultati di uno studio scientifico, di scrivere sui pacchetti di sigarette che il fumo nuoce più alla salute degli afroamericani rispetto a quella dei caucasici[2].

Dopo dieci anni da deputata, la Meek decise di ritirarsi. Nelle elezioni seguenti il suo seggio venne vinto proprio da suo figlio Kendrick.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stati Uniti: Volete sapere chi vincerà le elezioni americane? Semplice. Basta fare i conti, D Repubblica. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  2. ^ FUMO: USA, 'NUOCE AGLI AFROAMERICANI' SU TUTTI I PACCHETTI, Adnkronos. URL consultato il 30 dicembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]