Carollia brevicauda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Carollia brevicauda
Carollia brevicauda.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Phyllostomidae
Sottofamiglia Carolliinae
Genere Carollia
Specie C.brevicauda
Nomenclatura binomiale
Carollia brevicauda
Schinz, 1821
Sinonimi

C.bicolor, C.grayi, C.lanceolatum, C.minor

Areale
Carollia brevicauda map.png

Carollia brevicauda (Schinz, 1821) è un Pipistrello della famiglia dei Fillostomidi diffuso nell'America meridionale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 53 e 70 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 37,4 e 41,8 mm, la lunghezza della coda tra 4 e 12 mm, la lunghezza del piede tra 11 e 15 mm, la lunghezza delle orecchie tra 15 e 21 mm e un peso fino a 19 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è lunga, soffice e si estende densamente sugli avambracci. Le parti dorsali variano dal marrone scuro al bruno-grigiastro, mentre le parti ventrali sono leggermente più chiare. Il muso è allungato e conico. La foglia nasale è ben sviluppata, lanceolata, con la porzione inferiore saldata al labbro superiore mentre i bordi laterali sono ben separati. Sul mento è presente una grossa verruca circondata da altre più piccole disposte a U. Le orecchie sono di normali dimensioni, triangolari ed appuntite. Le ali sono attaccate posteriormente lungo le anche. La coda è corta, circa un terzo della profondità dell'uropatagio. Il calcar è corto. Il cariotipo è 2n=20-21 FNa=36.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di frutta, in particolare del genere Piper e di qualche insetto..

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Femmine gravide sono state osservate in Perù ad ottobre.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa in Colombia, Ecuador, Perù settentrionale, Venezuela meridionale e Guyana occidentale. È presente anche sull'isola di Trinidad.

Vive in diversi tipi di habitat, dalle foreste sempreverdi tropicali, foreste pluviali, savane e zone disturbate.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la relativa tolleranza a diversi tipi di habitat e la popolazione numerosa, classifica C.brevicauda come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Sampaio, E., Lim, B. & Peters, S. 2008, Carollia brevicauda in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Carollia brevicauda in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Tirira, 2007

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Diego S. Tirira, Mamíferos del Ecuador: Guía de campo, Ediciones Murciélago Blanco, 2007. ISBN 9789978446515
  • Alfred L. Gardner, Mammals of South America, Volume 1: Marsupials, Xenarthrans, Shrews, and Bats, University Of Chicago Press, 2008. ISBN 9780226282404

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi