Carolina Rosati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carolina Rosati nella parte di "Medora" in Le Corsaire 1856

Carolina Rosati (Bologna, 1826Cannes, 1905) è stata una ballerina italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo cognome da nubile era Galletti, ma divenne nota soprattutto con il cognome del marito Francesco Rosati, ballerino anche lui, e con il quale spesso si esibì, nel corso della sua carriera.

Si era formata alla scuola del Teatro alla Scala di Milano sotto la guida di Carlo Blasis[1]. Non era una ballerina dotata di grandissima tecnica e difatti venne definita ballerina "terre à terre" (il che sta a significare che i salti non erano la sua specialità), ma in compenso, aveva notevoli doti interpretative.

Ballò in Italia, in Inghilterra (danzò Giselle a Londra) e sostituì Lucile Grahn nel Pas de Quatre di Jules Perrot, in Francia dove riuscì, grazie alle sue grandi doti di attrice, a far dimenticare Fanny Cerrito, idolo delle platee francesi. Nel 1848, insieme alla Cerrito e alle altre grandi stelle femminili dell'epoca, Carlotta Grisi e Maria Taglioni, danzò Les Quatre Saisons, coreografia di Jules Perrot, a Londra. All'Opéra, a Parigi, nel 1856 fu la protagonista di Le Corsaire, balletto di Joseph Mazilier. Nello stesso teatro, nel 1857, un suo grande successo Marco Spada, ou La Fille du Bandit , la vide in scena insieme ad un'altra grande ballerina della sua epoca, Amalia Ferraris, considerata la sua diretta rivale artistica. Infine approdò in Russia dove danzò, a 36 anni, il suo balletto d'addio alle scene, creato apposta per lei in sei settimane dal grande coreografo francese Marius Petipa: La Figlia del Faraone. Nello stesso, interpretò la parte della protagonista, la principessa Aspicia[2].

Dopo aver dato l'addio alle scene restò comunque nel mondo della danza.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Virtuosity and Spectacle, articolo in inglese sul sito della New York Public Library
  2. ^ Articolo in francese sul sito Les étoiles de l'Opéra de Paris

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]