Carne di balena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carne di balena in vendita al mercato del pesce di Tsukiji a Tokyo nel 2008
Tvøst og spik: carne di balena (a destra) e grasso di balena (al centro) e pesce essiccato (a sinistra) e patate, come sono servite alle Isole Faer Oer

La carne di balena è la carne dei cetacei (capodogli, balenottere, megattere, balene) usata nell'alimentazione dagli uomini o da altri animali, in senso più ampia si intente anche il consumo di altri parti come la pelle, i suoi organi e il grasso di balena. Si prepara in diverse maniere, ed è stata mangiata in molte parti del mondo, tra cui anche l'Europa occidentale e l'America.

Il consumo di carne di balena continua oggi in paesi quali il Giappone, la Norvegia, le isole Faer Oer, dai baschi, dagli inuit e altri popoli indigeni degli Stati Uniti, del Canada e della Groenlandia, dai ciukci della Siberia in Russia e dagli abitanti dell'isola di Bequia nel mar dei Caraibi.

Il consumo di carne di balena da parte degli uomini è stato denunciato dai detrattori sulla conservazione della fauna selvatica, e sulla tossicità di questi animali, a causa del loro contenuto di mercurio.

Nel 2007 l'associazione ambientalista Greenpeace vengono messi in mostra davanti alla Porta di Brandeburgo a Berlino delfini e balene morte catturati nelle reti dei pescatori come protesta contro la caccia commerciale di queste due specie in pericolo e per far prendere provvedimenti ai governi che partecipano agli incontri dell'IWC, la commissione internazionale sulle balene[1].

Tossicità[modifica | modifica wikitesto]

Impatto ambientale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ alene e delfini uccisi portati in piazza a Berlino per denunciarne la caccia incontrollata in Greenpeace, 21-05-2007. URL consultato il 31-10-2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]