Carmen Hernández

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carmen Hernández (GMG Madrid 2011).

María Carmen Hernández Barrera (Ólvega, ...) è la co-iniziatrice, insieme a Kiko Argüello, del Cammino Neocatecumenale, itinerario di formazione cattolica e di evangelizzazione.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Di famiglia facoltosa, avviata agli studi scientifici in vista di un futuro imprenditoriale, Carmen Hernández, dopo la laurea in Chimica, decise di diventare missionaria cattolica e si ritirò nell’Istituto Misioneras de Cristo Jesús delle carmelitane scalze, a preparare il cammino spirituale per una missione in Bolivia. Diplomatasi in teologia, rimase tuttavia allo stato laicale. Il progetto di missione in Bolivia fu poi accantonato definitivamente negli anni anni sessanta quando, a seguito dell'influenza del Concilio Vaticano II, la Hernández rivolse l'attenzione ai poveri e agli emarginati.

Nel 1961, a seguito di un incontro avvenuto a Barcellona con un dottore in Liturgia, Carmen Hernández intensificò il suo impegno religioso nel solco del rinnovamento tracciato dal Concilio[1]. Compì poi una serie di viaggi di formazione spirituale tra Roma e la Terra Santa, dai quali ella sostiene di aver tratto ispirazione per il suo impegno[2].

Kiko Argüello e Carmen Hernández si incontrarono tramite la sorella di lei, che all'epoca lavorava come volontaria in un'associazione di riabilitazione delle prostitute. Dall'esperienza comune nell'assistenza agli emarginati delle baraccopoli di Palomeras Altas (ai margini di Madrid), prese corpo un progetto di evangelizzazione a cui fu dato il nome, negli anni settanta, di cammino neocatecumenale. I primi nuclei di questo itinerario di formazione cattolica si formarono a Madrid e a Roma. Successivamente si estesero in quasi tutto il mondo, fino ad arrivare alle attuali 17.500 comunità sparse su 900 diocesi e 6.000 parrocchie.

Nell'ambito del movimento da lei fondato, la Hernández rappresenta l'anima più mistica e influenzata dall'impostazione teologica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervento di Carmen Hernández nel giorno dell'approvazione degli Statuti al Pontificio Consiglio per i Laici il 28 giugno 2002.
  2. ^ «Una delle grazie più forti che ho avuto è stata a Ein Karem: io pensavo di fondare, con alcune amiche, un’associazione nuova, un movimento, ma ho sentito dalla Madonna "No … è la Chiesa: Benedetta tu fra le donne, sarà la Chiesa"», int. cit.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]