Carmen Consoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carmen Consoli
Carmen Consoli
Carmen Consoli
Nazionalità Italia Italia
Genere Folk
Pop rock
Periodo di attività 1995 – in attività
Album pubblicati 10
Studio 7
Live 2
Raccolte 1
Sito web

Carla Carmen Consoli, nota come Carmen Consoli[1][2] (Catania, 4 settembre 1974), è una cantautrice italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli anni della crescita: Moon Dog's Party[modifica | modifica sorgente]

Nata a Catania il 4 settembre 1974,[3] Carmen Consoli cresce nel vicino paese di San Giovanni La Punta.[4] Grazie al padre Giuseppe, appassionato sia di artisti della tradizione italiana come Domenico Modugno,[5] sia della black music e del blues,[6] si avvicina sin da bambina alla musica. È proprio il padre a motivarla nella composizione e nell'interpretazione di canzoni durante gli anni della scuola.[7] All'età di nove anni, Consoli inizia inoltre a studiare la chitarra.[6]

Già a 13 anni si esibisce nei club di Catania,[8] suonando con gruppi come gli Iris Monday,[9] con i quali esegue un repertorio di brani rock ispirati agli statunitensi R.E.M..[10] e i Moon Dog's Party, una cover band rock blues.[11] Nel frattempo, frequenta l'istituto scolastico Polivalente di San Giovanni La Punta, dove consegue il diploma come perito commerciale nell'indirizzo per programmatori informatici.[12]

I primi anni (1993-1995)[modifica | modifica sorgente]

Abbandonata l'esperienza con i Moon Dog's party, Carmen si muove verso Roma per cercare di elaborare i suoi pezzi e presentarli alle case discografiche.

È così che Carmen arriva anche alle orecchie di Michele Santoro, che la invita ad un tributo a Mia Martini nella trasmissione Tempo Reale su Rai Tre. In quell'occasione suona L'isola del tesoro (diventata poi Novembre '99) e si fa notare dal mondo discografico.

Il primo Sanremo e Due parole (1996)[modifica | modifica sorgente]

Continua il lavoro di Carmen al suo primo disco e partecipa a Battiato non Battiato, progetto tributo a Franco Battiato, con una cover del brano L'animale.[13]

Nel 1995 decide con il suo produttore Francesco Virlinzi, di presentare a Sanremo Giovani il brano Quello che sento. Introdotta da Pippo Baudo, Carmen si esibisce a Sanremo Giovani 1995 per ottenere l'accesso al Festival vero e proprio. Riesce a superare la selezione e comincia il lavoro sul primo album, Due parole, che risulterà costituito da 12 canzoni molto intime e rock. Destinata ad essere presentata a Sanremo è la canzone apripista dell'album: Amore di plastica, scritta insieme a Mario Venuti. Il brano ottiene l'ottavo posto e va molto bene in radio. Le vendite del disco però non sono particolarmente elevate: 10.000 copie. Anche il secondo singolo, Lingua a sonagli, non serve a risollevare le sorti del disco.

Tra gli altri, Carmen Consoli suona anche nel disco-pub "Il Locale" di Vicolo del Fico a Roma[senza fonte], storico locale della capitale nel quale hanno esordito anche artisti del calibro di Daniele Silvestri, Max Gazzé, Alex Britti, Sergio Cammariere.

Confusa e felice (1997)[modifica | modifica sorgente]

Carmen inizia a lavorare a un nuovo album e dal punto di vista live, apre nel 1997 i concerti di Raf. Partecipa al Festival di Sanremo 1997, nella categoria "Nuove proposte", cantando Confusa e felice, canzone scritta proprio l'anno prima, dopo essersi esibita su quel palco con Amore di plastica. Apparentemente la partecipazione a Sanremo è un fiasco: il pezzo non è capito e viene eliminato.

Però le radio iniziano a trasmettere Confusa e felice e il pezzo riscuote successo tra il pubblico, così che il disco viene ultimato in gran fretta.

Le tracce che compongono l'album sono registrate in modo differente dalla consuetudine: le canzoni sono registrate in presa diretta, come fosse un live, e in alcuni brani si sentono anche voci di fondo entrate nella storia dell'album, apprezzate dai fan più accaniti. Su tutte Carmen che dice "belle quelle lucine", e uno dei musicisti che urla durante la parte strumentale del secondo ritornello della canzone Fino all'ultimo.

Il disco rimane uno dei suoi migliori, con all'interno grandi classici: Venere, Blunotte, Per niente stanca. Entra al sesto posto in classifica e rimane per ventuno settimane tra gli album più venduti, raggiungendo il disco di platino. La Consoli riceve anche il P.I.M. come rivelazione dell'anno.[14]

Mediamente isterica (1998)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1998 canta in duetto con Mario Venuti nel brano Mai come ieri. Carmen così si mette al lavoro per il terzo album: viene fuori Mediamente isterica che deve il suo titolo alla settimana che precede il ciclo mestruale in cui lo scompenso ormonale agisce sulle donne. Sarà questo il disco più rock di Carmen, molto amato dai suoi fan più cari. Altri dodici pezzi, i cui singoli saranno Bésame Giuda, Eco di sirene, Puramente casuale, Autunno dolciastro. Ma anche pezzi come Geisha, Sentivo l'odore, Quattordici luglio diventeranno dei classici del suo repertorio.

L'album entra al quarto posto in classifica ma non decolla. Alla fine si raggiungono le 80.000 copie e Carmen è impegnata in un'intensa attività live e di promozione in TV tra cui la partecipazione al concerto del Primo Maggio (questa è la sua terza presenza).

Stato di necessità e L'anfiteatro e la bambina impertinente (2000-2001)[modifica | modifica sorgente]

Carmen Consoli nel 2000 a Cuneo.

Si affaccia nel 2000 la partecipazione nuovamente al Festival di Sanremo con In bianco e nero (preferita all'ultimo momento a Parole di burro) e nasce così Stato di necessità, quarto album in studio. Sanremo è un successo e Carmen partecipa a numerosissime trasmissioni televisive. Stato di necessità entra al nono posto in classifica e rimane per trentasei settimane nei primi 50 posti. Il disco avrà l'anno seguente una ritrovata fortuna grazie a L'ultimo bacio, film di Gabriele Muccino che volle come colonna sonora del suo lavoro l'omonima canzone di Carmen Consoli. Il brano L'ultimo bacio ha un successo enorme ed è trasmesso moltissimo dalle radio. Carmen così riceverà due Italian Music Awards, come miglior artista donna e miglior video per Parole di burro[15][16] e anche due P. I.M. nelle stesse categorie. A questo si aggiunge il Nastro d'argento come miglior canzone da film per L'ultimo bacio. Arriva così anche l'edizione francese del disco État de necessité, che include due brani in francese e una cover di Serge Gainsbourg realizzata con la produzione artistica di Henri Salvador. A confermare l'importanza di Stato di necessità sarà il fatto che nel 2010 il Corriere della sera lo indica tra i migliori 10 dischi italiani del decennio.

In seguito all'esperienza francese, Carmen si esibisce preferibilmente nei teatri, presentando i suoi brani in versioni più classiche, con archi e fiati ed un minor impatto degli strumenti elettrici. Scrive anche per Paola Turci il testo di Saluto l'inverno, presentato al Festival di Sanremo del 2001, a cui fa seguito un tour con Max Gazzè e con la stessa Turci.

Il gradimento di pubblico è notevole, e in estate è la volta del concerto nella suggestiva cornice del Teatro Greco di Taormina, con la partecipazione dell'Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele di Messina diretta da Paolo Buonvino; dall'evento vengono tratti il CD ed il DVD e VHS L'anfiteatro e la bambina impertinente, e seguono due repliche, al centro sociale CS Leoncavallo di Milano e all'Accademia di Santa Cecilia di Roma.

Una biografia ufficiale dell'artista, Quello che sento – Il mondo, i pensieri, la musica di Carmen Consoli, viene pubblicata dalla Giunti.

L'eccezione e Un sorso in più (2002-2003)[modifica | modifica sorgente]

Nell'ottobre 2002 esce L'eccezione, che esordisce al primo posto nella classifica delle vendite e guadagna un doppio disco di platino, e l'attività concertistica viene estesa in Europa. Il disco esce la stessa settimana di Veleno di Mina e sorprendentemente riesce a raggiungere comunque la prima posizione. Il disco si allontana ancora di più dalle atmosfere rock, che vengono mantenute in alcuni episodi come in Matilde odiava i gatti. Singoli saranno: L'eccezione, Fiori d'arancio e Pioggia d'aprile che avranno un buon successo e consentiranno a Carmen di vincere un altro P. I.M. come artista dell'anno. Una versione internazionale dell'album viene pubblicato con il nome Carmen Consoli, che include una versione rock di Can't get you out of my head di Kylie Minogue e in più due brani in inglese, Ain't that romantic e Lord of the oceans, oltre alle traduzioni in inglese di Matilde odiava i gatti e Fiori d'arancio.

Nel 2003 le vengono conferiti i premi "Civitanova Poesia" e "Grinzane Cavour", ed è la prima artista italiana ad esibirsi allo Stadio Olimpico di Roma. In novembre dello stesso anno esce Un sorso in più, registrato negli studi di MTV il 22 e 23 ottobre 2002 in occasione dell'anteprima di L'eccezione, su etichetta Due Parole gestita dalla stessa Consoli. È la prima volta che MTV promuove una operazione di questo tipo, nata dal fatto che al momento della presentazione de L'eccezione l'anno precedente il canale musicale aveva dedicato un intero giorno a Carmen, il 23 ottobre 2002, ribattezzato il Carmen Consoli Day.

Le prime avventure americane e i Giorni dell'abbandono (2004-2005)[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 2004 è la prima artista italiana a partecipare al South By South West Festival ad Austin, nel Texas, ed in maggio partecipa a We Are The Future, evento umanitario prodotto da Quincy Jones tenutosi a Roma e trasmesso in tutto il mondo da MTV. Alla fine dell'anno, tiene un breve tour in piccoli club su un repertorio soul e blues siglato Moon Dog's Party.

Nel febbraio 2005 partecipa come unica artista italiana alle celebrazioni dell'anniversario della scomparsa di Bob Marley organizzate dalla moglie Rita Marley in Etiopia, duettando con Angelique Kidjo, con la quale, in seguito, collabora alla scrittura di un brano. In aprile si esibisce a Miami, Chicago e New York in diverse date. Nel corso dell'anno, scrive assieme a Goran Bregović la canzone principale della colonna sonora del film I giorni dell'abbandono di Roberto Faenza. Otterrà grazie a questa canzone la nomination al David di Donatello nella categoria miglior canzone.

Eva contro Eva ed il tour oltreoceano (2006-2007)[modifica | modifica sorgente]

Carmen Consoli nel 2006 a Firenze.

Nel maggio 2006 pubblica Eva contro Eva, con la partecipazione di Angelique Kidjo, che esordisce al primo posto nella classifica delle vendite, a cui segue il tour europeo Dal Simeto al Tamigi. Le date sono aperte dal gruppo folk siciliano, prodotto dalla stessa Consoli, i Lautari, che intervengono anche nel brano Ciuri di campo, da loro composto su una poesia di Peppino Impastato. Il disco si allontana dai suoi precedenti e diventa un episodio unico nella carriera della "cantantessa" che dimostra una nuova volta grande raffinatezza musicale.

Abbandonati definitivamente i suoni rock, Carmen abbraccia suoni acustici e popolari, grazie all'utilizzo di strumenti proprio della musica etnica, folk e world. Singolo di apertura è la canzone Signor Tentenna che ottiene un discreto successo anche grazie alla partecipazione al Festivalbar. Seguirà Tutto su Eva che però per la sua struttura ottiene uno scarso airplay radiofonico.

In agosto partecipa al Festival Notte della Taranta con canzoni popolari salentine in griko, ma il tour è interrotto dalla scomparsa dello storico bassista della band Leandro Misuriello. In settembre le viene assegnato il "Premio Carosone alla Carriera" per la sua svolta mediterranea: le motivazioni del premio indicano che nell'album Eva contro Eva «... Ha realizzato con grazia, ironia e passione un percorso in equilibrio perfetto tra tradizione e modernità, evitando accuratamente qualsiasi ingerenza, d'oltralpe e d'oltreoceano, per proseguire una originale ricerca musicale e poetica che la conferma quale artista di riferimento del pop d'autore italiano». In settembre si esibisce in otto date negli Stati Uniti e in Canada.

Nel gennaio 2007 dà inizio ad un tour nazionale con la partecipazione della regista siciliana Emma Dante, che scrive alcuni testi su alcuni personaggi delle canzoni di Carmen, interpretati sul palco dall'attrice Simona Malato. La performance è giudicata Miglior Live Teatrale dell'anno dalla giuria di "Fatti di Musica 2007" diretta da Ruggero Pegna, che gli conferirà il "Riccio d'Argento" di Gerardo Sacco. In febbraio esce il film Saturno Contro di Ferzan Ozpetek, la cui colonna sonora include la versione di Je suis venue te dire que je m'en vais di Serge Gainsbourg già inserita nell'album État de necessité. Al concerto del 1º maggio, interpreta a cappella l'intro di Ball and chain, del repertorio di Big Mama Thornton e Janis Joplin. Dopo la tournée teatrale estiva, si esibisce nuovamente a New York, Montreal e Toronto. Nell'ambito dell'evento Women of the World Unite, al Delacorte Theater di New York, parte della rassegna Joès Pub in the Park, viene presentata come protagonista della musica moderna italiana.

L'anello mancante e di nuovo Mediamente Isterica (2008)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 conduce il tour nazionale "L'anello mancante" con un repertorio solistico: Carmen si presenta sola davanti al pubblico con la sua chitarra, l'anello mancante è la sua band.

In questo periodo, cura le musiche del nuovo film di Maria Sole Tognazzi L'uomo che ama. Canzone tema del film è Senza farsi male scritta dal giovane cantautore catanese Fabio Abate, per il quale Carmen diventa per la prima volta interprete. La canzone ottiene la nomination ai David di Donatello come miglior canzone originale.

Il 29 ottobre 2008 Mediamente isterica, l'album più rock di Carmen Consoli, ha compiuto dieci anni. Per festeggiare la ricorrenza l'album è stato ripubblicato in edizione deluxe (la prima in Italia), inserendo nel disco rarità e outtakes dell'epoca sia della lavorazione in studio che delle performance dal vivo. Il disco contiene anche un inedito, L'uomo meschino, escluso nel '98 e inserito nella riedizione del CD.

Nella stessa data è partito anche un tour, nel quale la cantautrice ha interpretato l'intera track list del disco e i brani in scaletta nei concerti di dieci anni prima.

Invitata dal suo conterraneo e amico Franco Battiato, ha duettato con lui nel brano Tutto l'universo obbedisce all'amore, inedito dall'album Fleurs 2, uscito il 14 novembre 2008, arrivato in classifica alla posizione numero 5[17] In passato la Consoli aveva già riproposto canzoni di Battiato, fra cui Stranizza d'amuri e L'animale.[18].

È stata la principale artefice del concerto tributo alla storica cantante siciliana Rosa Balistreri, organizzato per Etnafest 2008 con il nome di "Terra ca nun senti". Svoltosi in Piazza Università a Catania il 31 maggio 2008, ha visto la partecipazione altresì di Rita Botto, Giorgia, Patrizia Laquidara, Nada, Marina Rei, Etta Scollo, Tosca, Paola Turci, Ornella Vanoni, Alfio Antico e Emma Dante[19].

Amiche per l'Abruzzo, Elettra, la Targa Tenco (2009-2010)[modifica | modifica sorgente]

Carmen Consoli, Elisa Toffoli, Fiorella Mannoia, Laura Pausini e Giorgia Todrani al concerto "Amiche per l'Abruzzo" nel 2009

Carmen partecipa al brano Domani 21/04.2009, un progetto fortemente voluto da Mauro Pagani e Jovanotti in aiuto della popolazione abruzzese duramente colpita dal terremoto.

Il 21 giugno 2009 prende parte al concerto benefico "Amiche per l'Abruzzo" allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano, esibendosi al basso e accompagnata da Paola Turci alla chitarra, da Marina Rei alle percussioni e da Nada[20]. Inoltre, nella stessa occasione, Carmen si esibisce in Quello che le donne non dicono insieme a Fiorella Mannoia, Laura Pausini, Elisa e Giorgia.

Il 9 ottobre 2009 inizia l'airplay radiofonico del nuovo singolo Non molto lontano da qui, primo estratto dell'album di inediti Elettra pubblicato il 30 ottobre 2009[21]. Il disco esordisce alla seconda posizione nella classifica dei dischi più venduti e ottiene un grandissimo consenso da parte della critica, essendo giudicato da molti un vero capolavoro.

L'album è incentrato su figure femminili forti, capaci di reagire alle situazioni che la vita pone loro davanti. La sonorità resta etnica e italiana, anche se la cantautrice non nega una certa tendenza alla musica nord europea[22]. Sul quotidiano La Repubblica il disco viene nominato da una giuria di critici musicali tra i 10 più bei dischi italiani del decennio.

Il secondo singolo estratto da Elettra è Mandaci una cartolina canzone dedicata da Carmen alla morte del padre.

Il 2 febbraio 2010 parte il suo doppio tour "Ventunodieciduemilatrenta", un tour dalle sonorità elettroniche e rock ed "Elettra", tour parallelo in teatro, dai suoni soffici e acustici.

È ospite al Festival di Sanremo 2010 durante la "Serata Leggenda" del 18 febbraio, dedicata alla storia della kermesse canora. In questa occasione, oltre ad esibirsi in Mandaci una cartolina, omaggia la storia del Festival eseguendo la prima canzone vincitrice, Grazie dei fiori, dopo la quale accoglie la novantunenne Nilla Pizzi sul palco per il suo trionfale e solenne saluto.

Viene annunciato che la canzone Mio zio è la vincitrice del Premio Amnesty Italia 2010 che, ogni anno, seleziona le canzoni maggiormente impegnate nel trattare i temi sociali di violazione dei diritti e difesa dei principi fondanti la Dichiarazione universale dei diritti umani. Subito dopo la canzone vince anche la settima edizione del concorso-web "Italian Music Festival".

Su invito dell'Auditorium Parco della Musica di Roma, il 16 marzo 2010 tiene a battesimo in veste di madrina Radio Parco della Musica, web radio ufficiale dell'istituzione musicale romana.

Dato il buon successo commerciale di Elettra, diventato disco di platino, viene estratto come terzo singolo 'A finestra in radio dal 16 aprile 2010.

Come già molte volte nella sua carriera, torna da protagonista al concerto del 1º maggio a Roma.

Il disco di platino di Elettra le frutta il Wind Music Awards 2010 che ritira, però, il premio per il disco d'oro, il 29 maggio nella splendida cornice dell'Arena di Verona.

Per il testo della canzone Mandaci una cartolina viene nominata al Premio Mogol 2010.

Partecipa agli MTV Days 2010 dove chiude con un set rock/elettronico la serata finale a Torino e duetta con Patti Smith sulle note di Mio Zio, alla quale la Smith aggiunge dei versi scritti per l'occasione, e sulla celebre Because the night.

Per la canzone Mio zio viene eletta Ambasciatrice dalla onlus Telefono Rosa; si legge nella motivazione: «Carmen Consoli ha spesso cantato di tematiche femminili, dosando con rara bravura, delicatezza e ironia tragedie che le donne vivono in tutta la loro drammaticità". Con Mio zio la cantautrice "affronta un argomento ancora più delicato, la più terribile delle violenze: l'abuso sessuale commesso da un pedofilo in un ambiguo contesto familiare dove molto spesso queste vergogne avvengono e sono taciute per omertà e vergogna e dove le vittime vengono abbandonate ad una terribile solitudine».

Il 28 settembre 2010 viene annunciato che Elettra vince la Targa Tenco 2010 nella categoria miglior album dell'anno. È la prima volta che una donna vince l'ambito premio in questa categoria, consacrando Carmen Consoli tra le maggiori interpreti della musica italiana d'autore.

Per niente stanca (2010-2012)[modifica | modifica sorgente]

Carmen Consoli al Giffoni Film Festival nel 2010

Il 22 ottobre 2010 entra in rotazione radiofonica il suo nuovo singolo, Guarda l'alba, frutto di una collaborazione con il cantante Tiziano Ferro, che anticipa il primo "Best of" della cantante catanese, Per niente stanca, in vendita dal 16 novembre. L'album debutta alla posizione numero 6 della classifica ufficiale FIMI. Viene realizzato anche un videoclip di Guarda l'alba girato sulla Circumetnea alla stazione di Bronte, in provincia di Catania. Al video prende parte anche la madre di Carmen che compare in una delle ultime scene, come se si vedesse Carmen da grande. Il Greatest Hits contiene 40 brani in 2 cd con 2 inediti appunto, Guarda l'alba e AAA Cercasi (2 cd al prezzo di uno). Presenta anche una versione parzialmente modificata di Tutto l'universo obbedisce all'amore in duetto con Franco Battiato ed una nuova versione di Anna Magnani, canzone con musica di Carmen e testo di Vincenzo Cerami cantata nella sua versione originale da Adriano Celentano. E presenta anche il brano dell'amico e emergente della musica italiana Fabio Abate, con il suo singolo Senza farsi male, ovviamente cantata dalla voce di Carmen.

Il 21 gennaio 2011 va in tutte le radio italiane il singolo AAA Cercasi, scritto a quattro mani con il cantautore Mauro Lusini. Il brano elettro-rock descrive, utilizzando la forma degli "annunci", uno spaccato dell'Italia, delle vicende politiche degli ultimi anni e della figura della donna contemporanea. Uscito in pieno scandalo Ruby che ha coinvolto l'allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, la canzone è stata però ispirata da un fatto di cronaca diverso, anche se l'artista ha dichiarato che poi "il senso si è esteso automaticamente" alla vicenda di Berlusconi[23].

Il 18 febbraio 2011, in occasione della 61ª edizione del Festival di Sanremo, si esibisce nella serata dedicata ai duetti insieme ai concorrenti Luca Madonia e Franco Battiato nel brano da questi ultimi presentato alla gara canora, L'alieno. Un'interpretazione con in mano la sua Fender rosa.

Il 6 luglio 2011 è tra i principali firmatari dell'appello promosso dalla SIAE atto a sostenere l'azione di lobby affinché venga difesa e approvata, nella sua prima e più stringente stesura, la delibera AgCom (presieduta da Corrado Calabrò) 668/2010[24]; delibera che dichiara lo scopo di combattere possibili violazioni del diritto d'autore e di proteggere gli interessi economici legati all'industria discografica e del multimediale in rete; grazie a questa delibera, all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, semplice autorità amministrativa indipendente di nomina politica, si dovrebbe dare il potere di bloccare, oscurare, censurare o cancellare qualsiasi sito sospettato di violare un copyright, tramite una semplice azione amministrativa (anche indotta dalla segnalazione della lobby che si ritenesse danneggiata), senza una previa azione dell'autorità giudiziaria che dovrebbe appurare l'effettiva presenza della violazione[25].

Il 15 novembre 2011 AAA Cercasi vince il premio come miglior videoclip dell'anno 2011 nella categoria artista donna.

Nel 2012 scrive a quattro mani con Nina Zilli il brano Un'altra estate, contenuta nell'album L'amore è femmina di quest'ultima.

Nel novembre 2012 riceve ufficialmente il riconoscimento di Cavaliere dell'ordine al merito della Repubblica italiana,[26] che le era stato assegnato il 2 giugno 2011.[27]

Il 21 marzo 2013, tramite un post su Facebook, annuncia di essere incinta[28].

Mercoledì 10 luglio 2013, sempre dalla sua pagina Facebook, annuncia la nascita di suo figlio, Carlo Giuseppe.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia di Carmen Consoli.

Album di studio[modifica | modifica sorgente]

Album live[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Band[modifica | modifica sorgente]

Ex componenti[modifica | modifica sorgente]

  • Enzo Ruggiero - basso (fino al 1998)
  • Leandro Misuriello - basso (dal 1999-scomparso nel 2006)

Collaboratori[modifica | modifica sorgente]

Premi[modifica | modifica sorgente]

Tour[modifica | modifica sorgente]

Anno Nome Tour
1996 Due Parole Tour
1997 Confusa & Felice Tour
1999 Mediamente Isterica Tour
2000 Stato di Necessità Tour
2001 Tour Acustico
2003 L'Eccezione Tour
2003 European Club Tour
2006 Dal Simeto Al Tamigi Tour
2007 Eva Contro Eva Tour Teatrale
2008 L'Anello Mancante Tour unplugged
2008 Mediamente Isterica Tour
2010 Elettra Tour
2010 Ventunodieciduemilatrenta Tour

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— Roma, 2 giugno 2011[27]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Francesca Marchese, Carmen Consoli Cavaliere. Con lei 34 catanesi, LiveSicilia.it, 10 novembre 2012. URL consultato il 30 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2012).
  2. ^ Emanuele De Lucia, Carmen Consoli diventa Cavaliere della Repubblica, JulieNews.it. URL consultato il 3 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2012).
  3. ^ Andrea Scanzi, Io e la Rai sul palco da ragazze cattive, La Stampa. URL consultato il 6 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2012).
  4. ^ Claudia Pajewski, Carmen Consoli, la terza intervista. Ore 1., la Repubblica XL. (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2012).
  5. ^ Gigi Vesigna, Tutta un'altra Carmen, Famiglia Cristiana. Edizioni San Paolo, 13 dicembre 2009. (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2012).
  6. ^ a b Biografia di Carmen Consoli, RAI. URL consultato il 6 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2012).
  7. ^ Stas’ Gawronski, Le letture di Carmen Consoli, RAI. URL consultato il 6 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2012).
  8. ^ Paolo Perazzolo, Carmen Consoli. L'amica siciliana, Famiglia Cristiana. Edizioni San Paolo, 31 dicembre 2000. URL consultato il 6 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2012).
  9. ^ Giorgio Dell'Arti. Massimo Parrini, Cinquantamila - Carmen Consoli, Corriere della Sera. URL consultato il 6 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2012).
  10. ^ Enrico Deregibus, Carmen Consoli in Dizionario completo della canzone italiana, Giunti Editore, 2010, p. 122, ISBN 978-88-09-04602-3. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  11. ^ Claudio Fabretti, Carmen Consoli. La punkette mediterranea, Ondarock.it. (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2012).
  12. ^ Isidoro Trovato, Carmen Consoli: Avrà cambiato idea chi mi appioppò quel 2 in musica?, Corriere della Sera, 29 maggio 1998. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  13. ^ Renzo Stefanel, Voli imprevedibili - tributo a F. Battiato, Rockit.it, 10 settembre 2004. URL consultato il 19 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2012).
  14. ^ a b Sono questi tutti i vincitori, la Repubblica, 23 aprile 1997, p. 42. URL consultato il 19 novembre 2012.
  15. ^ a b Gloria Pozzi, Poker dei Lùnapop agli Oscar della musica italiana, vincono anche Consoli e Celentano, Corriere della Sera, 6 febbraio 2001, p. 39. URL consultato il 19 novembre 2012.
  16. ^ a b Luca Benedetti, La notte della musica italiana, Corriere della Sera, 27 novembre 2002. URL consultato il 19 novembre 2012.
  17. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Classifiche
  18. ^ Battiato – Consoli: un duetto d'eccezione in largonauta.altervista.org. URL consultato il 29 novembre 2009.
  19. ^ STASERA A CATANIA Per Rosa Balestrieri concerto di artiste in Corriere della Sera, 31 maggio 2008. URL consultato il 29 novembre 2009.
  20. ^ Amiche per l'Abruzzo in www.amicheperlabruzzo.com. URL consultato il 30 settembre 2009.
  21. ^ Ad ottobre il nuovo album di Carmen Consoli in www.rockit.it. URL consultato il 28 settembre 2009.
  22. ^ Carmen Consoli: Elettra e mio padre in www.freequency.it. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  23. ^ AAA cercasi la forza e l'onore delle donne La tripla provocazione di Carmen Consoli. La Repubblica.
  24. ^ DELIBERA N. 668/10/CONS, AgCom, 17 dicembre 2010. URL consultato il 26 luglio 2011.
  25. ^ Il provvedimento AGCOM per il diritto d’autore - Appello della Siae, SIAE, 6 luglio 2011. URL consultato il 26 luglio 2011.
  26. ^ Carmen Consoli dal palco alle onorificenze. Ora è «Cavallerizza» della Repubblica, Corriere del Mezzogiorno, 30 novembre 2012. URL consultato il 30 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2012).
  27. ^ a b Consoli Sig.ra Carla Carmen - Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana, Presidenza della Repubblica Italiana. URL consultato il 30 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2012).
  28. ^ Matteo Cruccu, Carmen Consoli è incinta in Corriere della Sera, 21 marzo 2013. URL consultato il 22 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 30438273 LCCN: no00042119