Carlos Víctor Aramayo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carlos Víctor Aramayo (Parigi, 1889Parigi, 1981) è stato un imprenditore boliviano. Era considerato, assieme a Simón Iturri Patiño e Moritz Hochschild, uno dei tre "baroni dello stagno" della prima metà del XX secolo.

Cresciuto in Francia, nel 1926 divenne presidente dell'azienda mineraria Compañía Aramayo de Minas de Bolivia. Nel 1929, fu nominato ambasciatore presso il Regno Unito. Successivamente, ricoprì le cariche di Ministro delle Finanze e di Ministro degli Affari Esteri.

Fu anche proprietario del quotidiano La Razón de Bolivia.

Premi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Cabot Prize Winners by Name, 1939-2009, Columbia University Graduate School of Journalism. URL consultato il 15 maggio 2012.