Carlos Slim Helú

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlos Slim Helú (2007)

Carlos Slim Helú (Città del Messico, 28 gennaio 1940) è un imprenditore messicano. Di origini libanesi, opera in ogni campo: dalle telecomunicazioni, all'attività bancaria e assicurativa, al monopolio sul tabacco e sul petrolio nel suo Paese. È stato l'uomo più ricco del mondo dal 2010 al 2014, con un patrimonio stimato di circa 76 miliardi di dollari dalla rivista americana Forbes.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre Julian si trasferì in Messico nel 1902 all'età di quattordici anni e aprì un negozio chiamato "La estrella del Oriente" (in italiano "La stella dell'Oriente").

Carlos si iscrisse all'Universidad Nacional Autónoma de México conseguendo la laurea in ingegneria civile nel 1961 e iniziò subito a lavorare in varie aziende riuscendo anche a collaborare con importanti organismi internazionali. Cominciò ad avere fortuna con l'impiego in grandi multinazionali come Altria Group e Alcatel, in seguito si mise in proprio e fondò il Grupo Carso.

Oggi è il più importante magnate delle telecomunicazioni dell'America Latina: detiene infatti il controllo di tre delle più importanti compagnie del continente, la Telmex, la Telcel e la América Móvil. Messe insieme, le tre compagnie controllano circa il 73% del traffico di telefonia mobile dell'America latina, con oltre 100 milioni di utenti.

Il suo impero, che secondo la prestigiosa rivista Fortune realizza il 5% del PIL messicano, non si limita al mondo delle telecomunicazioni. La cassaforte di famiglia possiede banche e catene di ristoranti, piantagioni di tabacco e retailer informatici oltre al 3% delle azioni della Apple. Carlos Slim ha dedicato inoltre alla moglie scomparsa prematuramente, un museo, Soumaya Museum. La sua collezione di 70mila oggetti d'arte appartenenti a dieci secoli comprende opere di Leonardo da Vinci, quadri di Tiziano, Tintoretto, El Greco, Rubens, Dalí, Modigliani, Chagall e Mirò, per non parlare delle opere di Auguste Rodin, di cui Slim possiede la collezione privata più importante e la più ampia al di fuori della Francia.

Nel 2011 voleva formare un consorzio, insieme al magnate dei media Rupert Murdoch, per il controllo della Formula 1, ma il patron Bernie Ecclestone ha dichiarato che la Formula Uno "non è in vendita", definendo queste voci "spazzatura".[1]

Carlos Slim Helú è arabo cristiano - cattolico maronita.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bernie Ecclestone denies reports that News Corporation are ready to table a bid for Formula One - Telegraph
  2. ^ Andrew Allentuck, Carlos Slim Helu in Trade by Numbers, globeinvestor.com, marzo 2009. URL consultato il 26 maggio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 166339661 LCCN: no2003053882

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie