Carlo di Viana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo IV
Il principe Carlo di Viana
Il principe Carlo di Viana
Re (de jure) di Navarra
In carica 3 aprile 1441 - 23 settembre 1461[1]
Predecessore Bianca I di Navarra
Successore Bianca II di Navarra con Giovanni II
Altri titoli principe di Viana, duca di Gandia, principe di Girona e duca di Montblanc
Nascita Peñafiel, 29 maggio 1421
Morte Barcellona, 23 settembre 1461
Casa reale Trastamara
Padre Giovanni II
Madre Bianca I di Navarra
Consorte Agnese di Kleve
Figli Anna
Filippo di Navarra e
Giovanni Alfonso, illegittimi
Armi di Carlo di Viana

Carlo di Trastamara, o Carlo di Viana o Carlo IV di Navarra (Peñafiel, 29 maggio 1421Barcellona, 23 settembre 1461), fu principe di Viana e duca di Gandia, dal 1439 al 1461, principe di Girona e duca di Montblanc, dal 1458 al 1461 e re titolare di Navarra dal 1441 alla sua morte.

Origini familiari[2][3][4][5][6][modifica | modifica sorgente]

Figlio primogenito del principe di Castiglia e León e d'Aragona, duca di Peñafiel e futuro re di Navarra, della corona d'Aragona e di Sicilia, Giovanni II (figlio terzogenito del principe di Castiglia e León, e re della corona d'Aragona e di Sicilia, Ferdinando e di Eleonora d'Alburquerque[7]) e della sua prima moglie, la ex regina consorte di Sicilia e futura regina di Navarra, Bianca di Navarra, figlia terzogenita del re di Navarra, conte d'Évreux e duca di Nemours, Carlo III di Navarra detto il Nobile[8] e di Eleonora Enriquez, figlia secondogenita del re di Castiglia e León, Enrico II di Trastamara e di Giovanna Manuele figlia ultimogenita dello scrittore e uomo politico, Giovanni Manuele di Castiglia, duca di Penafiel (discendente di Ferdinando III di Castiglia, che era suo nonno, mentre Alfonso X di Castiglia era suo zio) e della sua terza moglie, Bianca de la Cerda (1311-1347).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Olite dove crebbe il principe Carlo di Viana.
Re d'Aragona
Casa di Trastámara
Escudo de Aragón-Sicilia.svg

Ferdinando I
Alfonso V
Figli
Giovanni II
Ferdinando II

Carlo fu educato nel palazzo reale (castello) di Olite, che il nonno, il re di Navarra, Carlo III il Nobile, aveva fatto costruire.
Il nonno Carlo III, nel 1423, lo insignì del titolo di principe di Viana, che sarebbe spettato ad ogni erede al trono di Navarra[2]. Da un documento del 23 gennaio 1423 risulta infatti che a Carlo (al infante D. Cárlos", son of "el infante D. Juan de Aragon y la reina Doña Blanca) dal nonno Carlo III (Carlos…rey de Navarra duque de Nemoux) fu concesso il titolo di principe di Viana (Principe de Viana), con inclusa la proprietà della città e del castello (nuestra villa y castillo de Viana)[2].

La madre nel 1425, alla morte del nonno, Carlo III il Nobile, divenne regina di Navarra, assieme al marito Giovanni che si autoproclamò re di Navarra[9], lasciando il governo del regno nelle mani del marito Giovanni.
Le cortes di Navarra confermarono Carlo erede al trono di Navarra[2], ma nonostante questo, suo padre Giovanni, nel 1427, cercò, invano, di far cambiare l'ordine di successione a favore dell'ultimogenita, Eleonora[2].

La regina Bianca ed il re Giovanni furono incoronati, a Pamplona, il 15 maggio 1429[9].

Il padre nel 1438, col fratello, Enrico, detti gli infanti d'Aragona, era tornato in Castiglia per partecipare alla ribellione dei nobili contro i conestabile di Castiglia, Álvaro de Luna e Carlo aveva assunto il governo del regno di Navarra.

Lo storico José Yanguas y Miranda riporta che nel testamento del 17 febbraio 1439, la regina Bianca tra le altre disposizioni lasciò il figlio Carlo (su hijo el principe D. Carlos) suo erede universale, chiedendogli però che, alla sua morte (di Bianca) non assumesse il titolo di re di Navarra, lasciandolo al padre Giovanni[2].

Il 30 settembre del 1439, a Olite, Carlo sposò Agnese di Kleve[2] (1422-1448), figlia del primo duca di Kleve, Adolfo II conte di Kleve e IV conte di Mark,e della sua seconda moglie, Maria di Borgogna, figlia del duca di Borgogna, Giovanni senza Paura. Agnese era la nipote del duca di Borgogna Filippo III il Buono (fratello della madre, Maria).

Alla morte della madre, nel 1441, Carlo divenne re di Navarra, ma in realtà non regnò mai, a causa della succitata clausola del testamento della defunta regina, (sembra che venne inserita seguendo le volontà di Carlo III il Nobile).
Perciò suo padre, invocando il testamento della moglie, usurpò il trono di Navarra al figlio, assumendo il titolo di re di Navarra come Giovanni II[2], lasciando al figlio il titolo di governatore.

Il padre in quel periodo pensava a risposarsi e, nel 1444, si unì in matrimonio con Giovanna Enriquez, figlia dell'ammiraglio di Castiglia, Federico Enriquez, acerrimo avversario del conestabile di Castiglia, Álvaro de Luna[2].

Dato che il padre continuava ad essere interessato agli affari ed agli intrighi della Castiglia, Carlo continuò a governare il regno di Navarra per conto del padre Giovanni, che, dopo la sconfitta subita, nel 1445, alla prima battaglia di Olmedo, rientrò in Aragona con lo zio di Carlo, Enrico, ferito ad una mano e che morì circa un mese dopo per la gangrena.

Dopo essere rimasto vedovo, Carlo si fidanzò con la principessa portoghese, Caterina d'Aviz[2] (1436-1463), figlia del re del Portogallo, Edoardo e di Eleonora d'Aragona, che era in convento, e dove rientrò dopo la rottura del fidanzamento.

Álvaro de Luna, nel frattempo, cercava di riconciliarsi con la Navarra; per questo prese contatti con Carlo, che accolse favorevolmente la proposta, mentre il padre era contrario.
In poco tempo il clima si surriscaldò e, nel 1451, Carlo lasciò la Navarra, riparando in Guipúzcoa[2], dove trovò l'appoggio dei beamonteses, seguaci della famiglia Beaumont (trapiantata in Navarra dalla contea di Evreux[2]), mentre gli agramonteses partigiani dell'antica casa nobiliare degli Agramont parteggiarono per Giovanni II, ed in poco tempo, scoppiò la guerra civile tra Carlo e suo padre, Giovanni II, che ebbe la meglio, nella battaglia di Aibar, nel 1452, nonostante che la moglie dell'erede al trono di Castiglia, Enrico l'Impotente, Bianca, sorella e figlia dei due contendenti, avesse chiesto al suocero, il re di Castiglia, Giovanni II di aiutare il fratello, Carlo.
Carlo fu catturato e messo in prigione, dove rimase dal 1453 al 1455[2].
Carlo fu liberato solo dopo aver promesso al padre che avrebbe rispettato le volontà testamentatrie della madre e avrebbe preteso la corona di Navarra solo alla sua morte.

Giovanni II di Aragona contrastò per tutta la vita l'ascesa di Carlo alla corona di Navarra.

Quando Carlo fu liberato si recò in Italia, presso lo zio, il re della corona d'Aragona e di Napoli, Alfonso V, dove trovò appoggio; inoltre Carlo trovò sostegno anche da parte del papa Callisto III, eletto l'8 aprile 1455; entrambi favorevoli ad una regolare successione sul trono di Navarra.
Giovanni, nel frattempo, in accordo col genero, Gastone IV di Foix, marito della figlia prediletta, Eleonora, aveva iniziato i preparativi per lasciare a quest'ultima il regno.

Purtroppo per Carlo, nel 1458, lo zio Alfonso contrasse la malaria ed a giugno morì, mentre il papa ottantenne lo seguì nella tomba in agosto.
Alla morte dello zio, Carlo che si trovava a Roma si recò immediatamente a Napoli, dove aveva parecchi sostenitori, tra gli ufficiali, i mercenari catalani ed i baroni scontenti, ma il cugino Ferrante I, figlio illegittimo di Alfonso V ed erede del regno di Napoli, non gli diede alcun aiuto.

Carlo, accompagnato da un buon numero di Catalani, abbandonò la penisola e si recò in Sicilia, che faceva parte della corona d'Aragona, che era stata ereditatan da suo padre Giovanni. Molti Siciliani, memori della regina di Sicilia, Bianca, sua madre, lo avrebbero visto di buon occhio sul trono di Sicilia, gli offrirono il trono, in quanto erede di Giovanni II (Carlo aveva ricevuto il titolo di principe di Girona, cioè erede del trono della corona d'Aragona).
Carlo rifiutò e, preferendo mantenere un buon rapporto col padre, tornò nel regno d'Aragona.

Rientrato in Navarra, sul finire del 1459, Carlo, trentottenne, intavolò trattative per unirsi in matrimonio con la sorellastra del re di Castiglia, Enrico l'Impotente, Isabella di Castiglia, di nove anni; ma il padre e soprattutto la matrigna, Giovanna Enriquez, si opposero perché nelle loro intenzioni Isabella avrebbe dovuto sposare il loro figlio Ferdinando, di sette anni.
La controversia portò nuovamente la tensione ad alti livelli con suo padre, tanto che il re Giovanni ordinò che Carlo venisse arrestato, a Lleida il 2 dicembre del 1460[2]. In seguito fu imprigionato ad Aitona e poi a Morella.

Le cortes catalane si riunirono il 25 febbraio del 1461 e decretarono che il re dovesse liberare il figlio, cosa che avvenne immediatamente e imposero al re il concordato di Villafranca, del 21 giugno 1461, in cui Carlo risultava essere il re legittimo di Navarra ed il luogotenente della Catalogna ed erede della corona d'Aragona[2].

Carlo però morì circa tre mesi dopo avere ottenuto ciò che gli spettava, il 23 settembre di quello stesso anno[2] (ben prima del padre Giovanni II d'Aragona) per cui non riuscì mai ad essere incoronato re di Navarra.
La sua morte fu causata, forse, da tubercolosi[2], però vi furono voci che attribuirono la morte ad avvelenamento[2], da addebitare alla regina Giovanna, che, nel frattempo, era stata nominata luogotenente della Catalogna. Le cortes allora si riunirono e notificarono a Giovanni ed alla regina di non mettere piede in Catalogna senza il loro permesso. Da ciò si riaccese la guerra in Catalogna ed Aragona, che si ribellarono ai sovrani e diedero inizio alla guerra contro Giovanni II, che durò una decina d'anni.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi guerra contro Giovanni II.
Re di Navarra
Casa di Trastamara
Armoiries Aragon Navarre.svg

Giovanni II
Carlo IV
Figli
  • Anna (figlia naturale)
  • Filippo di Navarra (figlio naturale)
  • Giovanni Alfonso (figlio naturale)
Bianca II
Eleonora
Giovanni Alfonso, figlio illegittimo di Carlo, fu abate del monastero di San Juan de la Peña, a sud-ovest di Jaca, Huesca.

Sul trono navarrese avrebbe dovuto succedere a Carlo la sorella Bianca, che però venne impriginata e morì tre anni dopo. Quindi, alla morte del padre, salì al trono navarrese Eleonora, sorella di Carlo, che portò in dote la Navarra alla Casata di Foix.

Discendenza[2][3][10][modifica | modifica sorgente]

Carlo da Agnese non ebbe alcun figlio.

Carlo, da diverse amanti, ebbe tre figli: da Maria de Armendariz:

  • Anna di Navarra (?-dopo il 1477, anno in cui fu legittimata), che, nel 1471, sposò Luigi de la Cerda, duca de Medinaceli. Nel 1457, il padre, per il matrimonio della madre con il segretario di Carlo, Francesco Barbastro le lasciò le proprietà di Pueyo e Berbinzana, incluso il castello di Pueyo

da Brianda Vaca:

da Margherita Cappa:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Regnò unitamente (anche contrastandolo e combattendolo) al padre, Giovanni II
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s (EN) Reali di Aragona
  3. ^ a b (EN) Casa d'Ivrea- genealogy
  4. ^ (EN) Giovanni II d'Aragona PEDIGREE
  5. ^ (DE) Giovanni II d'Aragona genealogie mittelalter
  6. ^ (DE) Bianca I di Navarra genealogie mittelalter
  7. ^ Eleonora d'Alburquerque (1374 - 1435) era la figlia secondogenita dell'infante di Castiglia e conte d'Alburquerque, Sancho Alfonso.
  8. ^ Carlo III di Navarra detto il Nobile era il figlio maschio primogenito del re di Navarra Carlo II il Malvagio e di Giovanna di Francia, figlia del re di Francia, Giovanni II il Buono e Bona di Lussemburgo
  9. ^ a b (EN) Reali di Navarra
  10. ^ (DE) Carlo IV di Navarra genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rafael Altamira, Spagna, 1412-1516, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 546-575
  • Joseph Calmette, Il regno di Carlo VIII e la fine della guerra dei cent'anni in Francia, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 611-656
  • Edward Armstrong, Il papato e Napoli nel XV secolo, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 696-751

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

separatore

Preceduto da: Re de jure di Navarra Succeduto da:
Bianca di Navarra
1425 - 1441
Carlo IV di Navarra
Armoiries Aragon Navarre.png
(14411461)
con
Giovanni II
1441 - 1479
Bianca di Trastamara
14611464
con
Giovanni II
1441 - 1479

Controllo di autorità VIAF: 39403883