Carlo V d'Angiò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma di Carlo V d'Angiò.

Carlo V d'Angiò detto anche Carlo III di Provenza (1436Marsiglia, 1481) è stato conte del Maine, conte di Guisa, duca d'Angiò, conte di Provenza e Forcalquier e re titolare di Napoli.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Nato nel 1436 da Carlo IV d'Angiò (1414-1472) e da Cobella Ruffo († 1442), figlia di Carlo Ruffo, conte di Montaldo, e di Ceccarella Sanseverino.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1472, alla morte del padre, ereditò i titoli di conte del Maine e di Guisa.

Nel 1474 sposò Giovanna di Lorena (14581480), figlia del conte di Vaudemont Federico VI di Lorena (1425-1472) e della duchessa di Lorena Iolanda d'Angiò (1428-1483, figlia di Renato d'Angiò). Dal matrimonio non nacquero figli.

Nel 1480, alla morte dello zio (fratello del padre) Renato d'Angiò, ereditò i titoli di duca d'Angiò e conte di Provenza e Forcalquier, contrastato dal cognato Renato II di Lorena[1]. Il re Luigi XI di Francia intervenne in suo favore[2].

Morì a Marsiglia, l'anno dopo, e dato che non aveva eredi diretti, lasciò in eredità al nipote Luigi d'Armagnac, figlio della sorellastra, Luisa, la contea di Guisa; il ducato d'Angiò e le contee del Maine, di Provenza e di Forcalquier passarono alla diretta dipendenza della corona di Francia. Mentre il titolo di re del regno di Napoli non ebbe più alcun pretendente tra i discendenti degli angioini.

Predecessore Conte del Maine Successore
Carlo IV 14721481 Luigi XI


Predecessore:
Renato
Conte di Provenza e Conte di Forcalquier
1480–1481
Successore:
Luigi XI
Duca d'Angiò
1480–1481

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Renato II di Lorena era figlio di Iolanda d'Angiò, figlia di Renato d'Angiò, quindi era nipote di Renato.
  2. ^ Il re intervenne in favore della discendenza maschile.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Charles Petit-Dutaillis, Francia: Luigi XI, in «Storia del mondo medievale», vol. VII, 1999, pp. 657-695

Controllo di autorità VIAF: 5998613