Carlo Teodoro di Baviera (1795-1875)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Teodoro di Baviera.

Carlo Teodoro Massimiliano Augusto di Wittelsbach (Monaco di Baviera, 7 luglio 1795Tegernsee, 16 agosto 1875) era il quinto figlio del principe elettore di Baviera Massimiliano IV Giuseppe e della prima moglie Augusta Guglielmina d'Assia-Darmstadt.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Principe di Baviera[modifica | modifica sorgente]

A meno di un anno d'età perse la madre e il padre nel 1797 si risposò con Carolina di Baden, da cui ebbe altri otto figli.

Nel 1805 Massimiliano divenne re di Baviera con il nome di Massimiliano I. Carlo Teodoro divenne di conseguenza, dopo il fratello Luigi, pretendente al trono.

Regno di Baviera
Wittelsbach
Wappen Deutsches Reich - Königreich Bayern (Grosses).png

Massimiliano I (1805 - 1825)
Luigi I (1825 - 1848)
Massimiliano II (1848 - 1864)
Luigi II (1864 - 1886)
Otto I (1886 - 1913)
Luigi III (1913 - 1918)
Rupprecht (1921 - 1955)

Nel 1825, alla morte del padre, fu chiamato a succedergli Luigi, il quale all'epoca aveva già tre figli maschi dalla moglie Teresa di Sassonia-Hildburghausen. La possibilità di sedere un giorno sul trono bavarese divenne quindi ancora più remota per Carlo Teodoro, che nel frattempo aveva intrapreso la carriera militare.

Carriera militare[modifica | modifica sorgente]

Entrato nell'esercito già nel 1813, nel 1841 venne nominato feldmaresciallo.

Quando la Confederazione Germanica, di cui faceva parte il Regno di Baviera, entrò in guerra contro la Prussia il 16 giugno 1865, Luigi II di Baviera nominò comandante supremo dell'esercito bavarese il prozio Carlo Teodoro, benché all'epoca avesse già 71 anni.[1]. Al suo fianco venne posto come stratega militare il generale Ludwig van der Tann

All'inizio della guerra le truppe bavaresi, che costituivano il VII corpo d'armata dell'Unione, vennero inviate verso Nord con l'obiettivo di unirsi al VIII corpo comprendente l'esercito del Wurttemberg, dell'Assia e del Baden.[1] La scelta di Carlo Teodoro, ormai anziano, e Van der Tann, che aveva fino ad allora ricoperto soltanto mansioni burocratiche presso il Ministero della Guerra, si rivelò sbagliato: le truppe austriache e quelle dell'Unione si ritrovarono separate permettendo all'esercito nemico di penetrare verso sud.[1]

Successivamente l'esercito bavarese, ridotto di dimensioni sotto gli energici assalti prussiani subiti precedentemente, ricevette l'ordine di unirsi ai soldati dello Hannover in ritirata.[1] Carlo Teodoro però, non sapendo dove si trovassero, ritardò la spedizione e l'esercito bavarese arrivò troppo tardi per prestare soccorso.[1]

Il 3 luglio a Koniggratz l'Austria ricevette una dura sconfitta, mentre l'Hannover si arrendeva a Langensalza. Venendo a conoscenza che i prussiani stavano ora marciando verso l'esercito bavarese, interi reggimenti di cavalleria si diedero alla fuga. Il 16 luglio il governo bavarese avviò trattative di pace con la Prussia, che si conclusero con il trattato di Nikolsburg, ponente fine alla Guerra austro-prussiana.[1]

Matrimoni e figli[modifica | modifica sorgente]

Si sposò due volte, contraendo in entrambe matrimonio morganatico.[2]

Il 1 ottobre 1823 sposò Maria Anna Sofia de Pétin (Neuburg, 27 luglio 1796 – Tegernsee, 22 febbraio 1838) dalla quale ebbe tre figli[2]:

  • Carolina Sofia (Monaco, 17 ottobre 1816 – Monaco, 25 maggio 1889), la quale sposò a Monaco il 1 maggio 1834 Adolfo, principe di Gumppenberg;
  • Massimiliana Teodora (Monaco, 30 settembre 1823 – Monaco, 19 marzo 1885), che sposò a Monaco il 7 luglio 1841 Augusto, conte di Drechselzu Deufstetten;
  • Francesca Sofia (Monaco, 10 ottobre 1827Starnberg, 2 marzo 1912), che sposò a Tegernsee il 7 luglio 1845 Paolo Martino, Visconte di Almeida.

Nel 1838 rimase vedovo e il 7 maggio 1859 sposò Henriette Schoeller (Monaco, 27 dicembre 1815Tegernsee, 20 maggio 1866) dalla quale non ebbe altri figli.[2]

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Carlo Teodoro I di Baviera Padre:
Massimiliano I Giuseppe di Baviera
Nonno paterno:
Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld
Bisnonno paterno:
Cristiano III del Palatinato-Zweibrücken
Trisnonno paterno:
Cristiano II del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld
Trisnonna paterna:
Caterina Agata di Rappoltstein
Bisnonna paterna:
Carolina di Nassau-Saarbrücken
Trisnonno paterno:
Luigi Cratone di Nassau-Saarbrücken
Trisnonna paterna:
Enrichetta Filippina di Hohenlohe-Langenburg
Nonna paterna:
Maria Francesca del Palatinato-Sulzbach
Bisnonno paterno:
Giuseppe Carlo del Palatinato-Sulzbach
Trisnonno paterno:
Teodoro Eustachio del Palatinato-Sulzbach
Trisnonna paterna:
Maria Eleonora d'Assia-Rotenburg
Bisnonna paterna:
Elisabetta Augusta Sofia del Palatinato-Neuburg
Trisnonno paterno:
Carlo III Filippo del Palatinato
Trisnonna paterna:
Ludwika Karolina Radziwiłł
Madre:
Augusta Guglielmina d'Assia-Darmstadt
Nonno materno:
Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt
Bisnonno materno:
Luigi VIII d'Assia-Darmstadt
Trisnonno materno:
Ernesto Luigi d'Assia-Darmstadt
Trisnonna materna:
Dorotea Carlotta di Brandeburgo-Ansbach
Bisnonna materna:
Carlotta di Hanau-Lichtenberg
Trisnonno materno:
Giovanni Reinardo III di Hanau-Lichtenberg
Trisnonna materna:
Dorotea Federica di Brandeburgo-Ansbach
Nonna materna:
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg
Bisnonno materno:
Cristiano Carlo Reinardo di Leiningen-Dachsburg-Falkenburg-Heidesheim
Trisnonno materno:
Giovanni di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg
Trisnonna materna:
Giovanna Maddalena di Hanau-Lichtenberg
Bisnonna materna:
Caterina Polissena di Solms-Rödelheim
Trisnonno materno:
Luigi di Solms-Rödelheim
Trisnonna materna:
Carlotta Sibilla di Ahlefeld

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Greg King, Ludwig. Mondadori, 2007, Milano.
  2. ^ a b c Wittelsbach 7

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54520802