Carlo Sigonio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Sigonio

Carlo Sigonio (Modena, 1520 circa – presso Modena, 28 agosto 1584) è stato uno storico italiano di espressione latina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Insegnò belle lettere a Modena e a Venezia, l'eloquenza a Padova e a Bologna, e lasciò numerosi scritti sulle antichità romane e la storia del Medioevo, dando un notevole contributo alla diplomatica.

A lui si devono dei commentari su Tito Livio e Cicerone e la pubblicazione dei Fasti consolari (1550).

La sua opera più nota è Historiae de regno Italiae ab anno 570 ad annum 1200 libri XX (1574) che fa dello storico un precursore di Ludovico Antonio Muratori.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • De nominibus Romanorum,
  • Fasti consulares (1550; nova ed., Oxoniae, 1802)
  • De antiquo jure Romanorum, Italiae, provinciarum (1560);
  • De Romanae jurisprudentiae judiciis (1574)
  • De republica Atheniensium (1564) ;
  • De Atheniensium et Lacedaemoniorum temporibus (1565)
  • Historia bononiensis (1578)
  • De occidentali imperio (1579)
  • De regno Italiae (1580)
  • De republica Hebraeorum (1582)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ * Autori vari, La Letteratura italiana vol. 8, Edizione speciale per il Corriere della Sera, R.C.S. Quotidiani S.p.A., Milano 2005, p. 435; Titolo dell'opera originale: Natalino Sapegno ed Emilio Cecchi (diretta da) Storia della letteratura italiana, Garzanti Grandi opere, Milano 2001 e De Agostini Editore, Novara 200

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J.P. Krebs, Carl Sigonius, 1840
  • Franciosi, Della vita e delle opere di Carlo Sigonio, Modena, 1872
  • Hessel, De regno Italiae libri XX. von Carlo Sigonio, eine quellenkritische Untersuchung, 1900

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 79727 LCCN: n88282599 SBN: IT\ICCU\SBLV\293699