Carlo Promis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Promis

Carlo Promis (1808Torino, 1873) è stato un architetto, archeologo e filologo italiano, sostenitore dell'Eclettismo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello di Domenico Promis. Carlo Promis si laureò in architettura a Torino nel 1828 e di seguito lavorò a Roma sotto la direzione dei più importanti storici dell'architettura della sua epoca, tra cui Carlo Fea, Luigi Canina, e Antonio Nibby. Studiò vari siti archeologici, tra cui quello di Alba Fucens, e realizzò alcuni importanti progetti urbanistici ed architettonici a Torino, tra cui l'edificio di accesso alla vecchia stazione di Porta Susa, la casa Rizzetti davanti al santuario della Consolata, il piano urbanistico (ed il modello architettonico) degli edifici a ridosso della stazione di Porta Nuova e corso Vittorio Emanuele II.

È sepolto nel Cimitero monumentale di Torino.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 14898965 · LCCN: n85083014 · SBN: IT\ICCU\CFIV\007250 · GND: 119282208 · BNF: cb128134523 (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie