Carlo Pascale D'Illonza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Conte Carlo Pascale D'Illonza, (o Pascal D'Illonza[1]) (Cuneo, 19 aprile 1761Torino, 13 febbraio 1824), è stato un pittore italiano, attivo principalmente in Piemonte, tra il XVIII e il XIX secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in un'antica famiglia nobile di Cuneo, i Pascale, fu allievo del pittore francese attivo in Italia nel Settecento Laurent Pécheux.

Lo storico Casimiro Turletti definì Carlo Pascale D'Illonza, "molto esageratamente"[2], "uno dei migliori pittori che all'inizio dell'Ottocento vivessero in Piemonte"[3].

Tra gli allievi del Pascale può essere ricordato il pittore di Saluzzo Felice Muletti[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pascale, Pascal, Pascalis o Pasquale D'Illonza Cfr. Antonio Manno, Il Patriziato Subalpino, volumi I e II, Firenze 1895-1906
  2. ^ Arabella Cifani, Franco Monetti, I piaceri e le grazie: collezionismo, pittura di genere e di paesaggio fra Sei e Settecento in Piemonte, Editore Fondazione Pietro Accorsi, Torino 1993, Volume 2, p. 354.
  3. ^ "Un conte Paschal, che fu detto uno dei migliori pittori che al principio di questo secolo vivessero in Piemonte...". Cfr. Casimiro Turletti, Storia di Savigliano, II, p. 869
  4. ^ Alessandro Baudi di Vesme, Schede Vesme: l'arte in Piemonte dal XVI al XVIII secolo, Società piemontese di archeologia e belle arti, Volume 3, Torino 1968, p. 782.