Carlo Oppizzoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Oppizzoni
cardinale di Santa Romana Chiesa
Carlo Cardinal Oppizzoni.jpg
Ritratto del cardinale Oppizzoni.
CardinalCoA PioM.svg
Nato 15 aprile 1769
Ordinato presbitero 25 marzo 1793
Consacrato vescovo 21 settembre 1802
Creato cardinale 26 marzo 1804 da papa Pio VII
Deceduto 13 aprile 1855

Carlo Oppizzoni, ma anche Opizzoni od Oppizoni (Milano, 15 aprile 1769Bologna, 13 aprile 1855), è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente ad una nobile famiglia milanese, era figlio del conte Francesco e della marchesa Paola Trivulzio. Studiò all'Università di Pavia ove si addottorò il 7 giugno 1790 in teologia e in diritto canonico.

Il 25 maggio 1793 fu ordinato sacerdote e nel 1799 divenne arciprete del Capitolo della Cattedrale milanese. Al Congresso di Lione tentò di sistematizzare le condizioni della chiesa nel territorio della Repubblica Cisalpina, difendendo con successo i diritti della chiesa. Declinò la nomina propostagli per divenire arcivescovo di Milano.

Il 20 settembre 1802 divenne arcivescovo di Bologna, venendo consacrato il 21 settembre di quell'anno con la consegna del relativo pallio. A questa cerimonia, svoltasi nella chiesa romana di San Carlo ai Catinari, presenziarono il cardinale Giovanni Filippo Gallarati Scotti come celebrante, assistito da Pietro Gravina, arcivescovo titolare di Nicea, nunzio in Svizzera, e da Benedetto Fenaja, arcivescovo titolare di Filippi, vice-gerente di Roma. Nel concistoro del 26 marzo 1804 papa Pio VII lo nominò cardinale con il titolo di cardinale presbitero di San Bernardo alle Terme Diocleziane (28 maggio).

Fu insignito da Napoleone del titolo di senatore del Regno d'Italia e membro dell'ordine della Corona di ferro. Sfruttando la sua posizione privilegiata in seno al nuovo governo francese in Italia, dal 1808 cercò di restaurare i diritti ed il prestigio della chiesa prima ancora dell'autorità politica, ma quando egli si rifiutò di assistere alle nozze di Napoleone con Maria Luisa d'Asburgo-Lorena (1810), fu da questi fatto rinchiudere nel castello di Vincennes, esiliato e privato della porpora cardinalizia.[1]

Ritornò a Bologna nel luglio del 1815 e prese parte al conclave del 1823 che elesse papa Leone XII. Arcicancelliere della Pontificia Università di Bologna dal 1824, prese parte nel 1829 al conclave che elesse papa Pio VIII e nuovamente a quello del 1830-31 che elesse Gregorio XVI. In quell'anno venne nominato anche legato a latere per le province di Metauro, Bologna, Ferrara, Forlì e Ravenna, ma diede le dimissioni dopo un mese e mezzo.

Nel 1839 optò per il titolo di San Lorenzo in Lucina e divenne protopresbitero. Partecipò al conclave del 1846 che elesse papa Pio IX.

Esercitò un lungo apostolato in Bologna, dimostrò grande moderazione nel corso delle repressione delle rivolte emiliano-romagnole del 1831 e appoggiò i suoi cittadini durante l'insurrezione del 1848, intervenendo più volte in loro favore.

Deceduto all'età di quasi 86 anni, la sua salma fu inumata nella Cappella dedicata a San Carlo nella Cattedrale di Bologna.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo cardinalato Carlo Oppizzoni partecipò a quattro conclavi:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Ferrea
— 1808

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La medesima sorte ebbero altri dodici cardinali, definiti i "cardinali neri" perché vestirono da quel momento in poi la sola veste nera presbiteriale anziché la rossa cardinalizia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo di Bologna Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Andrea Gioannetti 20 settembre 1802 - 13 aprile 1855 Michele Viale Prelà
Predecessore Cardinale presbitero di San Bernardo alle Terme Diocleziane Successore CardinalCoA PioM.svg
Giuseppe Maria Capece Zurlo 28 maggio 1804 - 8 luglio 1839 Filippo de Angelis
Predecessore Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore CardinalCoA PioM.svg
Joseph Fesch 8 luglio 1839 - 13 aprile 1855 Giacomo Filippo Fransoni
Predecessore Cardinale protopresbitero Successore CardinalCoA PioM.svg
Joseph Fesch 8 luglio 1839 - 13 aprile 1855 Giacomo Filippo Fransoni

Controllo di autorità VIAF: 89317364