Carlo Napoleone Bonaparte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo
Capo del Casato dei Bonaparte
In carica 3 maggio 1997–attuale
Predecessore Napoleone VI Luigi
Erede Napoleone VII, Jean-Christophe
Nome completo Charles Marie Jérôme Victor
Nascita Boulogne-Billancourt, Francia, 19 ottobre 1950
Padre Luigi, Principe Napoleone
Madre Alix de Foresta
Coniugi Principessa Beatrice di Borbone-Due Sicilie
Jeanne-Françoise Valliccioni
Figli Principessa Caroline Napoléon
Principe Jean-Christophe
Sophie
Anh (adottata)

Carlo Napoleone Bonaparte, nome completo Carlo Maria Girolamo Vittorio (Boulogne-Billancourt, 19 ottobre 1950), è un politico francese.

In quanto primogenito dell'unico ramo sussistente dei discendenti in linea maschile e legittima di Girolamo Bonaparte, fratello dell'imperatore Napoleone I, il principe Carlo è considerato da alcuni il capo della famiglia imperiale.

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Figlio primogenito di Luigi Girolamo Vittorio Napoleone Bonaparte (19141997) e di Alix de Foresta (1926 – vivente), è laureato in scienze economiche dell'università La Sorbona. Tramite la nonna paterna, la principessa Clementina del Belgio, è imparentato con la famiglia reale belga ma non compare mai nei raduni del Gotha.

Ha sposato con rito unicamente civile a Parigi, nel 1978, Beatrice di Borbone-Due Sicilie (nata il 16 giugno 1950, sorella di uno dei due pretendenti al trono delle Due Sicilie, Carlo di Borbone-Due Sicilie, duca di Castro), dalla quale ha avuto due figli e dalla quale ha divorziato nel 1989.

Ha successivamente (1996) sposato Jeanne-Françoise Valliccioni (nata in Corsica il 26 marzo 1958 e consulente in relazioni umane),[1] dalla quale ha avuto un'altra figlia.

Carriera professionale e politica[modifica | modifica sorgente]

Dopo un percorso nel mondo imprenditoriale e nell'alta funzione pubblica, Carlo Napoleone si è presentato una prima volta alle elezioni comunali nel marzo 2001. Ottenne al primo turno l'11% dei voti, alleandosi poi con la lista di sinistra. Venne quindi eletto e divenne il secondo assessore al comune di Aiaccio in Corsica, città di nascita di Napoleone Bonaparte.

Tornato nei dintorni di Parigi, si è candidato a Fontainebleau, altro feudo bonapartista, con il Movimento Democratico di François Bayrou alle politiche del 2007, dove ha raccolto l'8,76% dei voti al primo turno. Alle comunali del 2008 è stato candidato non eletto a Nemours, in una lista vicina al Modem, sempre di F. Bayrou, chiamata "Ensemble pour les Nemouriens". Era accompagnato da personalità locali di tutti i colori politici, come Ginette Tardy, assessore uscente, Jean-Pierre Béranger (PS).

Carlo Napoleone è peraltro presidente della Federazione Europea delle Città di Storia Napoleonica, presidente dell'Associazione Promuovuere il Sud della Seine-et-Marne, presidente d'onore di l'Institut Napoléonien Mexique-France e membro della Federazione degli Ufficiali Repubblicani della Riserva. È inoltre autore di varie opere storiche o politiche.[2]

Titoli[modifica | modifica sorgente]

  • dal 1950: "Sua Altezza Imperiale Carlo, principe francese", principe Napoleone

Carlo Napoleone è od è stato in concorrenza con il figlio Giovanni Cristoforo per il rango di «capo della casa imperiale ». In un testamento del 27 maggio 1996, suo padre Luigi Girolamo Vittorio Napoleone Bonaparte (deceduto il 3 maggio 1997) aveva infatti designato, in conformità con il sénatus-consulte del 7 novembre 1852, allo statuto della famiglia imperiale del 21 giugno 1853 (articolo 4), nonché alla tradizione familiare, Giovanni Cristoforo per succedergli a causa del divorzio dei suoi genitori. L'avvocato Jean-Marc Varaut, a titolo di esecutore testamentario, svelò questo testamento il 2 dicembre 1997 (data simbolica per i Bonaparte). Carlo Napoleone ha contestato questo testamento politico invocando le presenti leggi della Repubblica francese.

Matrimoni e discendenza[modifica | modifica sorgente]

  • da Jeanne-Françoise Valliccioni:
    • Sofia Maria Caterina (Parigi, 18 aprile 1992 – vivente).
    • Luigi Girolamo Vittorio Claudio Federico (Parigi, 22 aprile 1998 – vivente).

Discendenza da Carlo Maria Bonaparte e Maria Letizia Ramolino[modifica | modifica sorgente]

Carlo Maria Buonaparte (17461785) sposa Maria Letizia Ramolino (17501836)

       └──>Giuseppe Bonaparte (17681844)
       └──>Napoleone Bonaparte (17691821), 1º Imperatore dei Francesi
       └──>Luciano Bonaparte (17751840)
       └──>Elisa Bonaparte (17771820)
       └──>Luigi Bonaparte (17781846)
       └──>Paolina Bonaparte (17801825)
       └──>Carolina Bonaparte (17821839)
       └──>Girolamo Bonaparte (17841860) da Caterina di Württemberg (17831835):
            └──>Matilde (18201904), sposò nel 1840 il principe di San Donato, Anatole Demidoff (1813 – 1870)
            └──>Napoleone Giuseppe Carlo Paolo Bonaparte (18221891) sposò nel 1859 Maria Clotilde di Savoia (18431911)
            └──>Maria Letizia Bonaparte, (1866 – 1926), principessa, sposò nel 1888 lo zio Amedeo di Savoia (1845 – 1890)
            └──>Napoleone Luigi Giuseppe Girolamo, (18641932), principe e generale russo
            └──>Napoleone Vittorio Bonaparte (1862-1926), sposò Clementina del Belgio (18721955)
                 └──>Maria Clotilde (19121996)
                 └──>Luigi Girolamo Vittorio Napoleone Bonaparte (19141997) sposò nel 1949 Alix de Foresta (1926)
                       └──>Girolamo Bonaparte, Saverio Maria Giuseppe Vittorio (14 gennaio 1957 – vivente), celibe
                       └──>Caterina Elisabetta Alberica Maria (1950 – vivente), sposò nel 1974 Nicolò San Martino d'Agliè
                       │   dei Marchesi di Fontanetto; divorziata, nel 1982 sposò Jean Dualé
                       └──>Laura Clementina Genoveffa (Parigi, 8 ottobre 1952), sposò nel 1982 Jean-Claude Leconte (1948 – vivente)
                       └──>Carlo Napoleone Bonaparte (19 ottobre 1950 – vivente)

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Carlo Napoleone Bonaparte Padre:
Luigi Napoleone Bonaparte
Nonno paterno:
Napoleone Vittorio Bonaparte
Bisnonno paterno:
Napoleone Giuseppe Bonaparte
Trisnonno paterno:
Girolamo Bonaparte, Re di Vestfalia
Trisnonna paterna:
Caterina di Württemberg
Bisnonna paterna:
Maria Clotilde di Savoia
Trisnonno paterno:
Vittorio Emanuele II d'Italia
Trisnonna paterna:
Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena
Nonna paterna:
Clementina del Belgio
Bisnonno paterno:
Leopoldo II del Belgio
Trisnonno paterno:
Leopoldo I del Belgio
Trisnonna paterna:
Luisa d'Orléans
Bisnonna paterna:
Maria Enrichetta d'Asburgo-Lorena
Trisnonno paterno:
Giuseppe Antonio d'Asburgo-Lorena
Trisnonna paterna:
Maria Dorotea di Württemberg
Madre:
Alix de Foresta
Nonno materno:
Marchese Joseph Albéric de Foresta
Bisnonno materno:
Marchese Henri Marie Joseph de Foresta
Trisnonno materno:
Marchese Marie Maxence de Foresta
Trisnonna materna:
Eugénie dei Baroni de Bully
Bisnonna materna:
Marie Joséphine de Bonet d'Oléon
Trisnonno materno:
Henri Joseph Xavier de Bonet d'Oléon
Trisnonna materna:
Emma Granier
Nonna materna:
Geneviève Yvonne Frédet
Bisnonno materno:
Henri Jean Pierre Frédet
Trisnonno materno:
Amable Alfred Frédet
Trisnonna materna:
Eugénie Augustine Chevrant
Bisnonna materna:
Hélène Jeanne Léonie Bonnet
Trisnonno materno:
Léon Cyprien Bonnet
Trisnonna materna:
Hélène Côte

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jeanne-Françoise Valliccioni aveva sposato il 15 luglio 1978 a Casaglione, in Corsica, Erik Langrais, dal quale aveva divorziato nel 1990
  2. ^ Secondo un articolo del settimanale francese L'Express Carlo Napoleone Bonaparte sarebbe membro di una loggia massonica

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sito ufficiale del principe

Controllo di autorità VIAF: 27187357 LCCN: n82061046

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie