Carlo Emilio Bonferroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Emilio Bonferroni

Carlo Emilio Bonferroni (Bergamo, 28 gennaio 1892Firenze, 18 agosto 1960) è stato un matematico italiano, noto soprattutto per le disuguaglianze che portano il suo nome.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato a Torino, ottiene un posto di assistente al Politecnico di Torino. Spinto da Insolera, si interessa di matematica finanziaria e nel 1923 ottiene una cattedra per tale disciplina all'Università di Bari; di questa università è anche rettore. Nel 1933 si trasferisce all'Università di Firenze, dove rimane fino alla fine dei suoi giorni. Insegna anche alla Facoltà di Architettura di Firenze e all'Università Bocconi di Milano.

Propose le sue disuguaglianze in un primo articolo del 1935 rivolto alle applicazioni per le assicurazioni sulla vita e in un secondo più astratto del 1936. Egli si interessò anche di fondamenti della teoria delle probabilità; nei suoi lavori sostiene decisamente un punto di vista frequentista, escludendo che si possano considerare punti di vista soggettivisti in termini matematici.

Il figlio Marzio è uno scrittore e docente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. E. Bonferroni (1935): Il calcolo delle assicurazioni su gruppi di teste, pp. 13-60 in Studi in Onore del Professore Salvatore Ortu Carboni, Roma.
  • C. E. Bonferroni (1936): Teoria statistica delle classi e calcolo delle probabilità, Pubblicazioni del R. Istituto Superiore di Scienze Economiche e Commerciali di Firenze, 8 pp. 3-62.
  • Paolo Pagni (1960): Carlo Emilio Bonferroni, Bollettino UMI, 15 pp. 570-574
  • Bruno de Finetti (1964): Commemorazione del Prof. C. E. Bonferroni, Giornale di Matematica Finanziaria, 46 pp. 5-24

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 90244654 SBN: IT\ICCU\MILV\091767