Carlo Bonini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Bonini

Carlo Bonini (Roma, 4 marzo 1967) è un giornalista e scrittore italiano.

Giornalista professionista, dopo aver lavorato per il manifesto e il Corriere della Sera, dove si è occupato di cronache giudiziarie, è diventato inviato del quotidiano la Repubblica. È uno degli appartenenti alla tradizione di giornalismo investigativo italiano.

Le inchieste[modifica | modifica sorgente]

Ha condiviso con il collega Giuseppe D'Avanzo i principali spunti investigativi di una carriera talentuosa e controversa, segnata da scoop importanti pubblicati da Repubblica, come quelli legati alla vicenda del rapimento (o meglio della extraordinary rendition) operata dalla Cia a Milano ai danni dell'imam Abu Omar, sospettato di appartenere a una rete di terrorismo internazionale.

Le critiche[modifica | modifica sorgente]

Anche a lui si estendono le critiche sulle fonti rivolte a Giuseppe D'Avanzo. Lamberto Dini definì in Parlamento (28 febbraio 2001) gli articoli del duo, che indagavano sullo scandalo Telekom Serbia, come ispirati da "manovali della CIA in Italia"[senza fonte] in odio alla sua politica balcanica. Bonini e D'Avanzo querelarono, ma in Senato - nel corso dell'esame della questione, terminata con la dichiarazione di insindacabilità parlamentare dell'opinione espressa - il senatore Dini insistette che "la stampa talvolta si vale anche di fonti non pubbliche, per la redazione dei suoi articoli: non è affatto deprecabile rivolgersi, per esigenze informative, a fonti segrete, e gli stessi Bonini e D’Avanzo lo ammettono in un articolo del 24 febbraio 2004 sul loro giornale (dichiarando, in riferimento al terrorismo, che una risposta ai quesiti che si pone l’opinione pubblica può derivare solo dalla raccolta dei dispacci trasmessi al Viminale dal Sismi e dal Sisde, contenuti in fonogrammi riservatissimi)".[senza fonte]

Libri[modifica | modifica sorgente]

Il suo primo libro La toga rossa, pubblicato nel 1998 per l'editore Tropea, vince il premio Rea per la saggistica. In seguito pubblica una biografia di Renato Vallanzasca che ha ispirato nel 2010 il film di Michele Placido, Vallanzasca - Gli angeli del male. Nel 2004 pubblica Guantanamo. Viaggio nella prigione del terrore, un saggio sulla prigione statunitense di Guantanamo. Nel 2009 pubblica ACAB. All cops are bastard sui membri dell'unità della celere della Polizia di Stato da cui è stata tratta nel 2012 l'omonima trasposizione per la regia di Stefano Sollima. Nel 2013 pubblica "Suburra", romanzo verità scritto con Giancarlo De Cataldo sull'abisso criminale della Roma dei nostri giorni.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Come Soggetto[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie