Carestia olandese del 1944

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La carestia olandese del 1944 (in lingua olandese: «Hongerwinter», l'inverno della fame), è stata una carestia che si verificò durante l'inverno 1944-45, negli ultimi mesi prima della fine della seconda guerra mondiale, nella parte dei Paesi Bassi che era ancora occupata dall'esercito tedesco, in particolare nelle province occidentali, al di sopra dei grandi fiumi. È l'unica carestia della storia di cui si conoscano l'inizio, la fine e numerose conseguenze sanitarie[1].

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Ringraziamento ("Many Thanks") scritto con i tulipani per ringraziare gli aviatori Alleati dell'Operazione Manna, Olanda, maggio 1945
Diploma dato a un panettiere olandese che si era prodigato per fornire "pane svedese"

Dopo lo sbarco delle forze Alleate nel D-Day, le condizioni peggiorarono per i Paesi Bassi occupati dai Nazisti. Gli Alleati furono in grado di liberare la parte meridionale del paese, ma la loro avanzata fu bloccata quando l'Operazione Market Garden, il tentativo di guadagnare il controllo del ponte tra il Reno e l'Arnhem, fallì. Dopo che i ferrovieri olandesi accolsero l'appello del governo olandese in esilio di distruggere le linee ferroviarie per favorire gli sforzi Alleati per la liberazione, l'amministrazione tedesca reagì ponendo un embargo su tutti i trasporti di cibo nell'Olanda occidentale.

Per l'inizio del novembre 1944 l'embargo fu parzialmente allentato, e le autorità tedesche permisero trasporti di cibo limitatamente alle vie d'acqua, ma era già arrivato un inverno insolitamente precoce e rigido. I canali gelarono e divennero non navigabili per le chiatte. Nelle città occidentali le riserve di cibo si esaurirono rapidamente. Le razioni di cibo per gli adulti in città come Amsterdam scesero a 580 kilocalorie alla fine del mese di febbraio 1945[2]. Quell'inverno, che sarebbe rimasto inciso nella memoria degli olandesi come Hongerwinter (l'inverno della fame), mentre l'Olanda diventava uno dei principali campi di battaglia del fronte occidentale, un numero di fattori contribuirono alla denutrizione della popolazione: l'inverno stesso fu insolitamente duro e, insieme ai vasti e diffusi effetti distruttivi della guerra, la ritirata dell'armata tedesca distrusse le paratie e i ponti per allagare il paese e impedire l'avanzata degli Alleati, il che rovinò molta terra coltivabile e rese il trasporto delle riserve disponibili ancora più difficile.

Per cercare il cibo la popolazione era disposta a camminare per centinaia di chilometri nel tentativo di raggiungere le fattorie per poter scambiare beni preziosi con cibo. Si giunse a mangiare anche i bulbi dei tulipani e le barbabietole da zucchero. Mobili e case vennero smantellati per riscaldarsi. Dal settembre 1944 all'inizio del 1945 circa 18 000 olandesi trovarono la morte[3]. La carestia olandese del 1944 ebbe fine con la liberazione dell'Olanda da parte delle forze Alleate nel maggio dell'anno seguente. Subito prima un certo sollievo fu fornito dal «pane svedese», che in realtà era pane cotto in Olanda, ma con farina inviata dalla Svezia. Subito dopo gli occupanti tedeschi permisero alla Royal Air Force si sganciare aiuti in cibo sui territori occupati nella cosiddetta Operazione Manna. I due eventi sono spesso confusi, tanto che spesso si commemora il pane sganciato dagli aerei, cosa mai avvenuta.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

La carestia olandese del 1944 è finora l'unica carestia che ha avuto luogo in epoca moderna in un paese evoluto. I documenti dell'epoca riguardanti l'evento sono molto numerosi; poiché successivamente le autorità sanitarie olandesi hanno aggiornato i registri sanitari di tutti i cittadini, ciò ha permesso agli scienziati di misurare gli effetti della carestia sulla salute umana. Già nel 1945 si riconobbe che la carestia poteva essere intesa come un "esperimento naturale" utile per studiare gli effetti della malnutrizione, compresi gli effetti della malnutrizione della donna incinta sullo sviluppo del feto. Sono stati fatti numerosi studi epidemiologici di coorte che hanno mostrato come i soggetti esposti alla carestia materna in epoca fetale avessero, rispetto ai nati nei periodi precedenti o seguenti la carestia, un significativo rischio di obesità, ipertensione, diabete di tipo II, psicopatologia (schizofrenia e depressione[4]), trasmessi talora ai discendenti con meccanismi epigenetici, questo effetto viene chiamato anche "effetto De Hongerwinter"[5][1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Richard C. Francis, Epigenetics: the ultimate mistery of inheritance, New York: Norton, 2011, ISBN 0393070050, ISBN 978-0393070057 ; edizione italiana: L'ultimo mistero dell'ereditarietà; traduzione di Alfredo Tutino, Roma: Le Scienze, 2011
  2. ^ Stein, Z. (1975). Famine and human development: the Dutch hunger winter of 1944-1945. New York: Oxford University Press. ISBN 0-195-01811-7
  3. ^ Henri A. van der Zee, The Hunger Winter: Occupied Holland 1944-1945, University of Nebraska Press, 1998, pp. 304-305
  4. ^ Brown AS, Susser ES (November 2008). Prenatal Nutritional Deficiency and Risk of Adult Schizophrenia, Schizophr Bull 34(6): 1054–63, doi:10.1093/schbul/sbn096, PMC 2632499, PMID 18682377
  5. ^ Heijmans BT, Tobi EW, Lumey LH, Slagboom PE. The epigenome: archive of the prenatal environment, Epigenetics. 2009 Nov 16;4(8):526-31, PMID 19923908 (Free full text)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lizzie Collingham, The taste of war: World War Two and the battle for food, Allen Lane, 2011, ISBN 9780713999648

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]