Carcinoma adenoido-cistico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Carcinoma adenoido-cistico
Adenoid cystic carcinoma (1).jpg
Immagine istopatologica di un Carcinoma adenoido-cistico localizzato alle ghiandole salivari
Codici di classificazione

Il carcinoma adenoido-cistico (AdCC), definito un tempo cilindroma, è una neoplasia maligna, localizzata in varie parti del corpo fra cui la trachea e le ghiandole salivari. Di lenta evoluzione, mostra carattere invasivo degli organi adiacenti. A seconda degli studi le metastasi si formano nel 20 o 35% dei casi, le parti del corpo dove esse si manifestano sono principalmente fegato e polmoni. Caratteristica della comparsa delle metastasi è che esse possono formarsi anche a distanza di molti anni.

Cenni storici ed Istologia[modifica | modifica sorgente]

Tale forma è stata individuata per la prima volta nel 1859; il tumore era definito cilindroma per via dell'accumulo nei tubuli che questo forma di materiale PAS positivo. Inoltre le cellule sono positive per il marcatore c-KIT, e tendono a invadere i nervi.

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

Esistono 3 forme in cui variano la loro differenziazione:

  • Tubulare
  • Cribriforme
  • Solido

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

Costituisce la seconda forma più comune di tumore tracheale (30 -50% ) ed il tumore più frequente nella ghiandola salivare sottomandibolare.

Prognosi[modifica | modifica sorgente]

Se trovato precocemente può essere curato meglio, la sopravvivenza a 10 anni è del 50%.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Trattato di chirurgia oncologica. Di Francesco Mazzeo, Pietro Forestieri. Piccin, 2003. ISBN 9788829916542
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina