Carbonato deidratasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
carbonato deidratasi
Modello tridimensionale dell'enzima
La anidrasi carbonica (in verde una sulfonamide, inibitore dell'attività enzimatica)
Numero EC 4.2.1.1
Classe Liasi
Nome sistematico
carbonato idro-liasi
Altri nomi
anidrasi carbonica; anidrasi; carbossianidrasi; anidrasi carbonica A
Banche dati BRENDA, EXPASY, GTD, KEGG, PDB
Fonte: IUBMB

La carbonato deidratasi (o anidrasi carbonica; CAH) è un enzima, appartenente alla classe delle liasi, che è presente nei globuli rossi e nei mesofilli delle piante C4 e CAM, il cui compito è quello di catalizzare la reazione tra anidride carbonica (CO2) e acqua (H2O) a dare acido carbonico (H2CO3) e la reazione inversa, da acido carbonico ad acqua e anidride carbonica, secondo l'equazione chimica:

H2O + CO2 \rightleftharpoons HCO3- + H+

La direzione in cui la reazione ha luogo dipende dalla concentrazione di CO2: se questa è bassa (come nei polmoni) l'acido viene dissociato, e viene liberata anidride carbonica; se questa è elevata, l'anidride si lega all'acqua che forma i carbonati e questi vengono trasportati dal sangue ai polmoni. Non è un enzima esclusivamente umano, è presente in svariati organismi biologici ed è fondamentale nella fotosintesi ossigenasica nel ruolo di concentrazione della CO2 che sarà fissata dall'enzima ribuloso bifosfato carbossilasi/ossigenasi Rubisco

Biologia e fisiologia[modifica | modifica wikitesto]

Della proteina ne esistono almeno 12 isoforme, contrassegnate con numeri romani; hanno svariata distribuzione tessuto-dipendente e tutte necessitano di zinco per la loro catalisi.

Tra i ruoli biologici oramai riconosciuti alle CAHs vi sono:

  • acidificazione del tessuto renale
  • controllo ionico dell'apparato riproduttivo
  • riassorbimento osseo
  • controllo della gluconeogenesi
  • secrezione acida gastrica.

Le isoforme IX e XII sono state correlate alla proliferazione cellulare ed all'oncogenesi, dato che sono espresse in elevate concentrazioni in molti tipi di tumori umani.

La distribuzione subcellulare delle isoforme è così disposta:

  • la CAH I, II, III e VII si trovano nel citoplasma;
  • la CAH V è mitocondriale;
  • la CAH VI è presente nella saliva e
  • la CAH IV, IX, XII e XIV sono proteine di membrana, di cui la VI è ancorata tramite un residuo di glicosil-fosfatidil-inositolo (GPI anchor), mentre le altre sono proteine transmembrana;
  • esiste anche una proteina CAH-simile nel nucleo cellulare chiamata p54nrb, che ha dimostrato attività enzimatica. Secondo alcuni Autori potrebbe servire alla regolazione del pH nucleare durante la mitosi.

Acidificazione gastrica e renale[modifica | modifica wikitesto]

L'anidrasi carbonica II è una delle isoforme maggiormente studiate. Serve alla secrezione protonica gastrica grazie alla sua interazione con lo scambiatore anionico cloro-bicarbonato (AE1), di cui esistono varie forme. Le proteine AE facilitano lo scambio elettro-neutro tra anioni bicarbonato e anioni cloro tra l'ambiente extracellulare e quello citoplasmatico; in tal modo contribuiscono alla regolazione del pH, alla regolazione del volume cellulare ed all'eliminazione dell'anidride carbonica. La CAH II interagisce con la proteina AE1 e nelle cellule ossintiche dello stomaco per controllare la secrezione di protoni nel lume gastrico, mentre gli anioni bicarbonato vengono re-direzionati nel torrente sanguigno. l'interazione è stata vista verificarsi anche a livello degli eritrociti. Il suo blocco tramite il farmaco acetazolamide (diuretico sulfamidico) risulta in una grossa riduzione del trasporto di bicarbonato nel sangue. La CAH II è espressa pure a livello renale, soprattutto nelle cellule intercalari, e con minore espressione nei tubuli prossimali, nell'ansa di Henle e nelle cellule principali del dotto collettore. È l'unica forma solubile di CAH nelle cellule epiteliali renali.

La CAH IV si trova nelle cellule dell'orletto a spazzola e sulle membrane basolaterali delle cellule del tubo prossimale, mentre la CA XII è stat riscontrata nelle membrane basolaterali della branca spessa asscendente dell'ansa di Henle e dei tubuli convoluti distali. Nei tubuli prossimali pare sia stato riscontrato anche l'mRNA per l'isoforma XIV. Il rene riassorbe in pratica quasi tutto il bicarbonato maneggiato dai glomeruli, l'80% del quale in media avviene nel tubulo prossimale. Qui, grazie all'interazione biochimica e funzionale con altre proteine, le CAH II e IV operano il riassorbimento dell'anione bicarbonato. Infatti, nel tubulo prossimale uno scambiatore sodio-protoni (NHE3) e la protone-ATPasi vacuolare secernono protoni nel lume che si combinano con gli anioni HCO3-, che vengono scissi in acqua e CO2 dalla CAH IV. La CO2 diffonde nelle cellule attraverso la membrana apicale e viene reidratata dalla CAH II citoplasmatica a bicarbonato e protoni. I protoni vengono così riciclati dall'NHE3 mentre il bicarbonato diffonde attraverso la membrana basolaterale tramite un cotrasportatore sodio-dipendente. Il processo si conclude con un netto riassorbimento di bicarbonato senza alcuna secrezione di protoni.

Regolazione endogena[modifica | modifica wikitesto]

L'anidrasi carbonica risente della presenza di anioni organici ed alcune isoforme possono risentire anche dell'effetto di cationi.

I migliori inibitori delle CAH I e II sono l'anione clorato, l'anione perclorato e silicato mentre il solfato è un inibitore debole. Possono però venire rallentate dal solfato di magnesio in toto. Anche il carbamil-fosfato (prodotto iniziale del ciclo dell'urea) esercita azione regolatrice su questi due isoenzimi. La CAH I, inoltre, può essere direttamente attivata dagli anioni fosfato mono- e dibasico (H2PO4- ed HPO42-).

L'isoforma III può essere attivata dal fosfato inorganico e da altri composti contenenti fosforo di importanza biologica, come l'ATP e l'acido 3-fosfoglicerico. È stato speculato che questo isoenzima regoli l'andamento del pH durante la glicolisi.

L'isoenzima IV è invece estremamente sensibile agli anioni ortofosfato, sensibile al solfato ma non al perclorato e può essere attivata dagli ioni cloruro e bromuro. La forma mitocondriale V fra tutte ha la più bassa affinità sia per il solfato che il carbonato, ed è resistente al fosfato inorganico. Invece, la CAH IX associata ai tumori è molto resistente all'inibizione da solfato ma è estremamente sensibile alle minime variazioni di carbonato e bicarbonato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Keilin, D. and Mann, T. Carbonic anhydrase. Nature 144 (1939) 442–443.
  • (EN) Murakami, H. and Sly, W.S. Purification and characterization of human salivary carbonic anhydrase. J. Biol. Chem. 262 (1987) 1382–1388. Entrez PubMed 2433278
  • Paranawithana SR et al. Enhancement of the catalytic activity of carbonic anhydrase III by phosphates. J Biol Chem. 1990 Dec 25; 265(36):22270-274.
  • Innocenti A et al. Carbonic anhydrase inhibitors. Inhibition of isozymes I, II, IV, V, and IX with anions isosteric and isoelectronic with sulfate, nitrate, and carbonate. Bioorg Med Chem Lett. 2005 Feb 1; 15(3):567-71.
  • Innocenti A et al. Carbonic anhydrase inhibitors: inhibition of the membrane-bound human isozyme IV with anions. Bioorg Med Chem Lett. 2004 Dec 6; 14(23):5769-73.
  • (EN) Badger, M. R.; Price, D. The role of carbonic anhydrase in photosynthesis. Annu. Rev. Plant Physiol. Plant Mol Biol. (1994) 45 369-392.
  • Geers C, Gros G Carbon dioxide transport and carbonic anhydrase in blood and muscle. Physiol. Rev 2000; 80:681-715.
  • Kivela A et al (2000): expression of a novel CAH isozyme XII in normal human gut and colorectal tumors. Am J Pathol. 156:577-584.
  • Reithmeier RAF (2001): A membrane metabolon linking carbonic anhyrase with chloride/bocarbonate anion exchangers. Blood Cells Mol Dis 27:85-89.
  • Tureci O et al (1998): Human carbonic anhydrase XII: cDNA cloning, expression and chromosomial localization of a carbonic anhydrase gene that is overexpressed in some renal cancer cells. Proc Natl Acad Sci. 95:7608-13.
  • Caflisch CR, DuBose TDJ. Direct evaluation of acidification by rat testis and epididymis: role of carbonic anhydrase. Am J Physiol 258: E143-150.
biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biologia