Caramel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caramel
Caramel01.jpg
Le protagoniste in una scena del film (da sinistra): Nisrine, Layale, Jamale e Rima
Titolo originale Sukkar banat
Lingua originale arabo, francese
Paese di produzione Libano, Francia
Anno 2007
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia drammatica
Regia Nadine Labaki
Soggetto Nadine Labaki, Jihad Hojeily
Sceneggiatura Nadine Labaki, Jihad Hojeily, Rodney El Haddad
Produttore Anne-Dominique Toussaint, Raphaël Berdugo (produttore associato)
Fotografia Yves Sehnaoui
Montaggio Laure Gardette
Musiche Khaled Mouzannar
Scenografia Cynthia Zahar
Costumi Caroline Labaki
Interpreti e personaggi

Caramel è un film del 2007 diretto dall'attrice libanese Nadine Labaki, al suo debutto nella regia cinematografica.

Il film[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato nella Quinzaine des Réalisateurs al 60º Festival di Cannes.[1]

Caramel è stato distribuito in oltre 40 paesi, divenendo ben presto uno dei film libanesi più conosciuti e acclamati a livello internazionale. Il pubblico nel mondo è rimasto colpito dalla storia semplice, ma viva di cinque donne libanesi che si confrontano con un amore proibito, il rispetto delle tradizioni, la repressione della sessualità, lo sforzo per accettare l'incombere dell'età, il conflitto tra dovere e desiderio. Il film di Labaki è unico nel non voler mostrare una Beirut devastata dalla guerra, ma farla conoscere nelle forme calde e esotiche di un invitante locale, dove le persone si rapportano con temi largamente universali. Il titolo Caramel fa riferimento a una tecnica di epilazione usata in Medioriente, che usa zucchero, acqua e succo di limone riscaldati assieme. Labaki può riferirsi simbolicamente al carattere dolce-amaro della vita che emerge nel film, e mostra che, anche le protagoniste, sebbene le relazioni d'ogni giorno possano presentare qualche screzio, tra loro siano come delle sorelle.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Caramel è incentrato sulle vite incrociate di cinque donne libanesi. Layale (Nadine Labaki) lavora in un salone di bellezza assieme ad altre due donne, Nisrine (Yasmine Al Masri) e Rima (Joanna Moukarzel). Ognuna ha un problema: Layale è imprigionata in una relazione con un uomo sposato, Nisrine non è più vergine ma il suo futuro marito è musulmano, Rima è attratta dalle donne. A loro si aggiungono Jamale e Rose. Jamale, una cliente fissa e aspirante attrice, è preoccupata di stare invecchiando; Rose, una sarta con il negozio accanto al salone, è una signora ormai anziana che ha dedicato la sua vita a prendersi cura della sorella maggiore, Lili (Aziza Semaan), malata psicologicamente. Il film non fa mai riferimento esplicito ai problemi politici del Libano o ai recenti conflitti. Al contrario, la storia presentataci da Labaki ritrae con tocco sensibile e delicato persone comuni alle prese con i problemi di tutti i giorni.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese di Caramel sono finite appena nove giorni prima che scoppiasse la guerra con Israele nel luglio del 2006, ed è stato pubblicato a Cannes un anno dopo. Un vecchio negozio di vestiti nel distretto di Gemmayze a Beirut è stato trasformato nel salone in cui le riprese del film hanno avuto luogo. Caroline Labaki, sorella di Nadine, è stata una delle responsabili dei costumi. La musica è stata composta da Khaled Mouznar, che Labaki ha sposato poco dopo il rilascio del film.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Quinzaine 2007, quinzaine-realisateurs.com. URL consultato l'11 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema