Capsula (odontoiatria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Capsula è il termine con cui viene definito un manufatto protesico dentale, che a forma di guscio riveste un dente, dopo che questo è stato opportunamente limato (o "preparato), per garantirgli una maggiore resistenza ai carichi masticatori.

Indicazioni e metodologia[modifica | modifica wikitesto]

I denti che vengono incapsulati sono solitamente indeboliti da grandi carie o devitalizzazioni, oppure sono necessari come pilastri di un ponte; la preparazione del dente consiste nel rimuovere, limando con una fresa diamantata da turbina, gli strati più esterni del dente, per uno spessore pari a quello che avrà la capsula protesica.

Materiali[modifica | modifica wikitesto]

Il materiale di cui è fatta una capsula è solitamente una lega metallica (acciaio cromo-cobalto-molibdeno, leghe preziose a base di oro o platino, oppure zirconio) per l'armatura interna, che conferisce la funzione di protezione al dente, e ceramica per il rivestimento esterno, che ha lo scopo di dare una estetica accettabile, e fornire una superficie di masticazione con caratteristiche di durezza simili a quelle dello smalto; altre composizioni prevedono la ceramica integrale, la resina integrale (per le capsule provvisorie), oppure resina o composito su armatura metallica.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina