Capricornis thar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Capricorno dell'Himalaya[1]
Bundesarchiv Bild 135-S-08-22-30, Tibetexpedition, Serauziege.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Caprinae
Genere Capricornis
Specie C. thar
Nomenclatura binomiale
Capricornis thar
Hodgson, 1831
Sinonimi
Capricornis sumatraensis thar
Hodgson, 1831

Il capricorno dell'Himalaya (Capricornis thar Hodgson, 1831) è un mammifero artiodattilo della sottofamiglia dei Caprini. È stato riconosciuto solo recentemente come specie a parte; in passato, infatti, così come altre specie di capricorno, era considerato una sottospecie del capricorno di Sumatra (Capricornis sumatraensis).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il capricorno dell'Himalaya, così come tutti i capricorni e le altre specie della sottofamiglia dei Caprini, è un animale ben adattato a uno stile di vita basato sull'arrampicata. Il suo lungo e folto mantello è di colore grigio-biancastro sul dorso, mentre il ventre e l'interno delle zampe sono di colore grigio chiaro. La testa è nera, e spesso sulla regione della spalla si trova una chiazza di colore rossastro. Entrambi i sessi sono muniti di corna, relativamente brevi e leggermente piegate all'indietro.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Come indica il nome, il capricorno dell'Himalaya abita nella regione himalayana, prevalentemente nel nord dell'India, in Nepal e in Bhutan, sebbene si possa trovare anche nella parte orientale del Bangladesh e nel Myanmar occidentale. Il suo habitat è costituito da aree montane ricoperte di macchie o foreste. Si può incontrare fino a 3500 m di quota.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È un animale abbastanza vivace, ma nelle scalate è piuttosto lento. È attivo soprattutto la mattina presto e nel tardo pomeriggio, quando si sposta dalle zone in cui riposa per andare in cerca di cibo, costituito da erbe, muschi e altri vegetali. I maschi sono solitamente solitari, ma le femmine spesso si riuniscono in piccoli gruppi.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Le principali minacce per il capricorno dell'Himalaya sono la caccia e la distruzione dell'habitat. La IUCN lo inserisce tra le specie prossime alla minaccia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Capricornis thar in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Duckworth, J.W. & MacKinnon, J. 2008, Capricornis thar in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi