Capraia e Limite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capraia e Limite
comune
Capraia e Limite – Stemma Capraia e Limite – Bandiera
Scorcio di Capraia Fiorentina
Scorcio di Capraia Fiorentina
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Firenze-Stemma.png Firenze
Amministrazione
Sindaco Alessandro Giunti (PD) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 43°45′00″N 10°59′00″E / 43.75°N 10.983333°E43.75; 10.983333 (Capraia e Limite)Coordinate: 43°45′00″N 10°59′00″E / 43.75°N 10.983333°E43.75; 10.983333 (Capraia e Limite)
Altitudine 28 m s.l.m.
Superficie 24,92 km²
Abitanti 7 268[1] (31-12-2010)
Densità 291,65 ab./km²
Frazioni Capraia Fiorentina, Castra, Limite sull' Arno, Pulignano
Comuni confinanti Carmignano (PO), Empoli, Montelupo Fiorentino, Vinci
Altre informazioni
Cod. postale 50050
Prefisso 0571
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 048008
Cod. catastale B684
Targa FI
Cl. sismica zona 3s (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 658 GG[2]
Nome abitanti capraini e limitesi
Patrono santo Stefano (Capraia)
Giorno festivo 26 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Capraia e Limite
Posizione del comune di Capraia e Limite all'interno della provincia di Firenze
Posizione del comune di Capraia e Limite all'interno della provincia di Firenze
Sito istituzionale

Capraia e Limite (pronuncia: /ka'praja e l'limite/[3]) è un comune di 7.204 abitanti[4] della Provincia di Firenze.

Il nome comunale deriva dall'unione dei due centri abitati, Capraia Fiorentina e Limite sull'Arno. Per abbreviare la denominazione che avrebbe accomunato le due parti è stato scelto di tenere soltanto il nome principale dei due centri; tale scelta però ha valore solo in ambito burocratico perché i due centri abitati sono ben distinti, sia storicamente che come conformazione urbanistico-territoriale, pertanto i nomi correntemente usati continuano ad essere Capraia Fiorentina e Limite sull'Arno.

"Capraia" compare prima nel nome comune (Capraia e Limite) perché così si consente al nominativo comunale una posizione fra le prime, in qualsiasi elenco o lista, per la gerarchia alfabetica dell'iniziale "C" rispetto alla lettera "L".

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del Comune di Capraia e Limite, che si stende lungo il medio corso dell'Arno, sulla riva destra, è prevalentemente collinare ed è costituito da una considerevole varietà di paesaggi.

La parte settentrionale del territorio comunale è occupata dal versante sud del Montalbano, una catena di colline che raggiunge i 627 metri di altezza. La parte più elevata del Comune di Capraia e Limite è un territorio prevalentemente boschivo con alberi d'alto fusto.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Limite sull'Arno[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato un possesso dei conti Guidi, passò al comune di Pistoia e dal secolo XIV alla Repubblica Fiorentina. Successivamente, fin dal diciottesimo secolo, Limite è stato uno dei più importanti centri navali della Toscana grazie alla presenza nel suo territorio di grandi cantieri che rifornivano i nobili ed i porti di gran parte dell'Italia. In quel tempo dunque si affermò a livello nazionale e non solo, nel campo navale, la personalità e l'abilità dei Maestri d'Ascia limitesi.

Oggi, ventunesimo secolo, Limite sull'Arno è un paese relativamente piccolo, sviluppato per la gran parte della sua estensione territoriale fra le pendici del Montalbano (a nord) e lungo il corso del fiume Arno (a sud); è attraversato dalla strada provinciale 106 che si collega con i centri limitrofi, quali, verso ovest, Sovigliana (Spicchio) del Comune di Vinci e verso est Capraia Fiorentina e, passando il fiume, il centro di Montelupo Fiorentino.

Molti sono i luoghi a Limite che narrano la storia, le tradizioni, la personalità del paese e della propria gente. Piazza Vittorio Veneto, la piazza più importante, per storia, detta anche dai cittadini "Piazza Nova", è il centro nevralgico di Limite; è uno spazio con una fontana al centro, è tagliata dalla strada principale ed è dominata dalla facciata monumentale dell'ex cinematografo ed ex casa del fascio (accanto all'attuale Casa del Popolo C.D.P). Qui si riuniscono principalmente gli anziani del paese.

Dietro la Casa del Popolo, lungo Via Borsino, è situata una piazzetta caratterizzata da una piccola fontana ed è chiamata appunto piazza "Della Fontanella". Altro luogo di rilevante importanza per la storia del paese è Piazza San Lorenzo, che prende il nome dal santo patrono di Limite sull'Arno festeggiato il 10 di agosto di ogni anno con cene a base di "pastasciutta e nana"(anatra), piatto tipico limitese. Situata nella parte ovest, sulla riva dell'Arno, costituisce una delle più importanti figure della cultura storica limitese. Questo luogo, racchiuso su tre lati dalle abitazioni, è segnato principalmente dalla facciata della chiesa omonima la quale spicca non per la grandezza ma per il rosso della sua facciata a mattoni e la grande finestra circolare soprastante il portale. Percorrendo poi il Vicolo delle Botti, cioè un vicolo stretto ed angusto dal quale si lascia Piazza Vittorio Veneto sul lato destro in fondo per giungere in Piazza San Lorenzo, è possibile arrivare alla cosiddetta "Corte dei Paperi", posta dietro alla Chiesa con attorno vecchie abitazioni tipiche del centro storico del paese. Seguendo, lungo le sponde, il corso del fiume Arno nel senso opposto alla corrente, si arriva davanti a Villa Fucini, adesso caserma del corpo dell'Arma dei Carabinieri di Capraia e Limite, che sul lato est si affaccia su una piazza circoscritta da abitazioni storiche; essa è chiamata con lo stesso nome della Villa.

Rientrando nel cuore del paese, a nord di Piazza Fucini, si arriva a Piazza 8 marzo 1944. Tale area è sovrastata dall'edificio più alto di Limite sull'Arno il quale è chiamato dai cittadini "grattacielo" o "palazzone" per la sua altezza che, anche se non elevata, è sufficiente a renderlo visibile da molti punti e a farne un riferimento del paese. Questa struttura fu realizzata negli anni settanta del ventesimo secolo; oggi ospita al suo interno la sede del Comune di Capraia e Limite.

Attraversando la strada provinciale 106, dalla parte opposta di piazza 8 marzo 1944, si arriva alla ex area del cantiere Picchiotti (tale cantiere era per tutto il 1800 e nei primi del 1900 uno dei più rinomati d'Italia). Del cantiere, caduto in disuso, fu deciso l'abbattimento per costruire nuovi edifici condominiali; rimane invece la testimonianza dell'abitazione della famiglia Picchiotti, che risiedeva nella Villa situata in passato proprio accanto al cantiere navale abbattuto. Oggi l'abitazione dell'autorevole famiglia è stata ristrutturata e divisa in appartamenti per ospitare diverse famiglie.

Proseguendo verso nord-est, lungo la strada principale, ci imbattiamo in Piazza Cesare Battisti. Questa piazza è caratterizzata nella parte che si affaccia sull'Arno da una zona verde con un monumento ai caduti della seconda guerra mondiale e nella parte opposta da alcuni edifici risalenti alla seconda metà dell'Ottocento.

Qui possiamo osservare gran parte della storia limitese, infatti troviamo in questa piazza uno dei simboli per eccellenza del paese; la sede storica della Società Canottieri Limite, fondata nel 1861; entrando al suo interno infatti risalta subito all'occhio il corridoio completamente tappezzato di foto, le quali narrano la storia, sia lontana che recente, della società più antica d'Italia. Proseguendo, il corridoio finisce e arriviamo nella sala trofei, dove le bacheche per l'esposizione sono ormai colme e strapiene di coppe e medaglie. Accanto alla sala trofei è collocata la sala "della Vasca", ovvero una sala caratterizzata da una enorme vasca piena d'acqua con in mezzo posta una fila di 8 postazioni, simil imbarcazione, per l'allenamento dei canottieri. Accanto a questa sala poi troviamo il salone composto da un piccolo campo da pallacanestro e da uno spazio dove sono collocati i vari strumenti per la ginnastica ed il potenziamento muscolare. Oltre a tutto ciò troviamo gli spogliatoi maschili e femminili. Tornando all'esterno, in piazza Cesare Battisti, è ubicata anche la sede storica della Misericordia con annesso il circolo MCL e nell'edificio in angolo, alla sinistra della Società di Canottaggio, nella costruzione risalente alla fine del diciannovesimo inizio ventesimo secolo, troviamo lo stabile nel quale avevano sede gli uffici comunali.

Continuando a spostarci lungo la strada provinciale 106 in direzione Capraia Fiorentina, rileviamo alla nostra sinistra, all'angolo tra Via Giacomo Matteotti e Via Bruno Buozzi la Scuola Materna San Francesco, la quale era gestita fino a pochi anni fa da suore francescane; poco dopo poi troviamo, tra Via Polverosi e la via principale (via G. Matteotti) la scuola elementare pubblica (la scuola elementare di Limite sull'Arno, nel periodo antecedente alla Seconda Guerra Mondiale, era situata accanto alla sede della Società Canottieri Limite; l'edificio attuale fu edificato dagli anni 50 del '900).

Nelle zone interne del paese, avvicinandosi alle pendici dei colli situati a nord troviamo, in fondo a Via Cavour, la zona di "Casa Cani" (così chiamata dai cittadini); uno dei quartieri storici di Limite. Proseguendo verso ovest, sempre lungo le pendici delle colline, si arriva al cimitero dei limitesi e ad un'area prevalentemente costituita da prati, giardini ed edifici condominiali; a nord di quest'area, dietro al cimitero arriviamo invece nella zona del paese denominata "Il Praticcio", qui è stata edificata e terminata nel 2010 la nuova struttura pubblica della scuola materna del paese. Quasi di fronte al camposanto è ubicata la nuova sede della Pubblica Assistenza-Croce d'Oro, inaugurata nel 1996, con annessi i vari locali medici, garage per ambulanze ed ambulatori. Tale costruzione è uno dei punti focali della zona in quanto spicca su gli altri edifici per il suo colore roseo e per la posizione al centro del quartiere. Poco distante, in Via Amilcare Ponchielli, ha sede l'ultima fabbrica di imbarcazioni rimasta a Limite sull'Arno, la Salani, la quale realizza barche per le società di canottaggio.

Un altro dei luoghi che caratterizzano Limite sull'Arno è Piazza Don Valiani (comunemente chiamata Piazza della Chiesa). Questa piazza è composta a sud dalla parte che confina con Via G. Matteotti, con annesso l'edificio che ospita la cartoleria "L'Angolo" (soprannominata dai limitesi " I' Citto "), e ad ovest da abitazioni private. Nella parte nord quest'area termina alle pendici di una collina dove sulla quale si erge una villa misteriosa, protagonista nella cultura recente del paese di storie di paura. Essa è circondata da un folta e non curata vegetazione che l'avvolge in una surreale oscurità; pare infatti che questo edificio sia abbandonato e lasciato a sé stesso. Nella porzione ad est della piazza invece è situata la Pieve di Santa Maria a Limite, la principale del paese, nonché la più grande. La particolarità di questo edificio è che dall'esterno appare come una unica grande struttura, invece se entriamo al suo interno scopriamo che è composta da due chiese separate; quella di sinistra, chiamata "La Compagnia", anche se il nome completo sarebbe Oratorio della Compagnia della Santissima Trinità (Limite), la quale è di dimensioni ridotte ma presenta un altare imponente, è ornata al suo interno da vari dipinti ed affreschi ed è utilizzata solo per eventi eccezionali; la chiesa realizzata nella parte destra è più grande rispetto all'altra ma prevalentemente spoglia, al suo interno spiccano solo due affreschi non molto grandi sulla parete destra e sinistra della navata ed un organo in fondo alla parte presbiterale; questa chiesa viene utilizzata per tutte le funzioni e rimane sempre aperta per raccogliere i fedeli. Tornando all'esterno, accanto alla Pieve si trova un edificio appartenente al clero limitese il quale funge da abitazione, luogo di preghiera e di ritrovo. Dietro la chiesa invece è posto uno stabile, sempre di proprietà del clero limitese, che funge da ritrovo per il catechismo; tale edificio è chiamato "Casa dei Ragazzi".

Proseguendo in direzione nord, la strada (Via Palandri) inizia pian piano a salire lungo le pendici del Montalbano, da qui questo quartiere del paese prende il nome di "Molino della Botta" per la preesistenza di un molino alimentato ad acqua dal rio della Botta; continuando a percorrere tale strada poi si può arrivare alla località di Castra, frazione del comune di Capraia e Limite a circa 360/380 metri di altezza sul livello del mare; salendo ancora poi si può giungere nell'area protetta del Montalbano, posta sulla vetta del monte a circa 620 metri di altezza sul livello del mare, qui è possibile osservare alcuni insediamenti di origine Etrusca. Sempre riferite a quest'area esistono varie leggende popolari; una si riferisce ad un enorme masso con una impronta "scavata" su di esso affermando che tale calco sia stato rilasciato dal diavolo mentre si posava su questo grande blocco di pietra, da qui deriva il nome datogli di "Masso del Diavolo". L'altra leggenda si riferisce invece al bosco di alberi secolari che circonda l'insediamento etrusco e racconta di uno spirito (di appartenenza etrusca e chiamato "L'Etrusco") che vaga per questo parco con il compito di proteggerlo, infatti le colline del Montalbano sono state negli anni spesso colpite da incendi, ma mai nessuno di questi è riuscito ad arrivare a bruciare gli alberi di questo parco, perciò si dice che sia questo spirito "dell' Etrusco" ad impedire al fuoco di arrivare fino alla suddetta area.

Tornando sulla strada principale (Strada Provinciale 106), percorrendola in direzione est si arriva nel quartiere della Castellina, esso fino alla prima metà del 1900 è sempre stato un centro abitato separato da Limite sull'Arno, poi nel dopoguerra (Seconda guerra mondiale) e dopo il Boom economico degli anni sessanta dell'Italia i due agglomerati urbani, grazie allo sviluppo economico ed alla costruzione di nuovi edifici, si sono espansi fino a divenire un unico paese. Il quartiere della Castellina è uno dei più sviluppati del comune limitese; in esso sono presenti grandi zone residenziali realizzate di recente, la Scuola Media inferiore Statale Enrico Fermi, lo Stadio Comunale Mauro Cecchi e nella parte più ad est è situata la zona industriale paesana. Oltre a tutto ciò troviamo anche la piazza simbolo e ritrovo dei giovani di Limite, ovvero Piazza Sandro Pertini (soprannominata dai cittadini "Giochini Blu" per la presenza di un'area giochi per bambini di colore blu); accanto ad essa è ubicato il Circolo ARCI intitolato ad Antonio Negro il quale si identifica come ritrovo per gli adulti del quartiere e sempre più verso Capraia Fiorentina, tra la fine della parte residenziale e l'inizio di quella industriale, lungo la strada provinciale, è collocato il rinomato Pub LowenGrube, attivo dal 2005. Davanti ad esso, dalla parte opposta della strada, posizionata su un'altura, troviamo una grande casa colonica con fienile, la quale prende il nome di "Salano" per la passata appartenenza alla famiglia limitese dei Salani.

Nella porzione più a sud del rione della Castellina, cioè lungo la riva del fiume Arno, è ubicata la zona della Mollaia. In essa è stata realizzata ed inaugurata nell'anno 2008 la nuova sede della Società Canottieri Limite.

Continuando a muoversi verso levante, dopo l'area industriale, la strada più importante diventa alberata al centro delle due carreggiate e sulla destra (se si viaggia in direzione est) prende corpo una pista ciclabile la quale corre adiacente alla strada fino a Capraia Fiorentina. Dall'inizio del viale alberato il territorio circostante cambia radicalmente volto, da totalmente edificato e cementato a libero e verde, con terreni collinari e boschivi sulla sinistra e coltivati e piani sulla destra. A circa metà di tale viale è posta la strada di accesso per la Villa di Bibbiani (Villa ispirata alla tipologia Medicea Fiorentina); essa attualmente è famosa oltre che per la sua storia anche per la sua cantina di vino rosso e per il suo parco, uno dei più importanti giardini di acclimatazione d'Italia; oltretutto può essere presa in affitto per feste o cerimonie di qualunque tipo.

Nella parte di terreno tra Limite sull'Arno e Capraia Fiorentina, adiacente all'Arno è stata realizzata, intorno all'anno 2008, una cassa di espansione per il fiume, per evitare che eventuali esondazioni possano colpire in modo devastante i centri abitati.

Seguitando lungo il viale principale, sempre in direzione est, dopo qualche chilometro riprende forma il territorio urbanizzato e si giunge a Capraia Fiorentina.

Capraia Fiorentina[modifica | modifica wikitesto]

Fu un feudo degli Alberti di Mangona, prima sotto il controllo di Pistoia, poi di Firenze (anno 1204).

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Limite sull'Arno.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Capraia

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

  • Parco archeologico di Montereggi

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 489 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Albania Albania 130 1,79%

Romania Romania 101 1,39%

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Fuochi di S. Grania

Fuochi di Santa Grania[modifica | modifica wikitesto]

A Capraia Fiorentina ogni anno, la sera del 1º maggio, i capraini onorano la loro santa "Santa Grania" protettrice dei bambini accendendo dei falò che illuminano a giorno tutto il paese. Questi falò sono chiamati "i fochi di Santa Grania". Nel passato, non troppo remoto, ogni famiglia accendeva nel proprio orto o giardino un fuocherello. Ancora oggi qualcuno continua tradizionalmente ad accendere il proprio fuocherello, ma nella maggioranza dei casi vengono accesi grandi falò gestiti da più famiglie.

Palio dei Rioni[modifica | modifica wikitesto]

A Limite sull'Arno ogni anno si svolge il "Palio dei Rioni" che vede in gara gli abitanti del paese divisi secondo la loro zona di residenza. I rioni sono 4: "La Punta", "La Castellina", "Il di Sopra" e "Il di Sotto"

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Capraia un tempo grande produttrice di oggetti in terracotta oggi caduti in disuso, hanno lasciato spazio alle industrie di oggettistica in ceramica, industrie calzaturiere e quelle delle cere e candele artistiche.

A Limite primeggiavano le industrie cantieristiche navali, oggi trasferite in prossimità del mare causa la scarsa navigabilità dl fiume Arno. A mantenere la tradizione sono rimaste aziende specializzate in meccanica navale e piccoli cantieri di costruzione e riparazione di piccole imbarcazioni. Troviamo inoltre le industrie del mobile, dell'abbigliamento e della produzione dei nastri adesivi.

Nelle campagne è importante la produzione di pregiate olive da olio e di uva da vino. Inoltre molte aziende agricole hanno incluso nella loro tradizionale attività anche quella dell'agriturismo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2009 2014 Enrico Sostegni centrosinistra Sindaco
2014 in carica Alessandro Giunti PD Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Cfr., nel Dizionario d'ortografia e di pronunzia, [1] e [2].
  4. ^ Dato Istat al 28/02/2010
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28 dicembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana