Cappella Marciana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cappella musicale patriarcale di San Marco
Nazione Italia Italia
Città Venezia
Direttore Marco Gemmani
Organico coro misto, pueri cantores
Repertorio Polifonia canto gregoriano canto patriarchino
Periodo attività XIV secolo-in attività

La Cappella musicale patriarcale di San Marco, più conosciuta col nome di cappella Marciana, è il celebre coro della basilica di San Marco di Venezia, ed è considerato uno dei due cori liturgici storicamente più importanti d'Italia, con quello della cappella Sistina di Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Periodo ducale[modifica | modifica wikitesto]

Attiva fin dal XIV secolo, nel 1403 diventa anche scuola musicale per volontà del Senato veneto, con il compito conferito al maestro di cappella di istruire nel canto anche chierici e seminaristi. Essa è la cappella ducale, essendo la basilica marciana la chiesa di palazzo del Doge; il suo nome ufficiale era quello di "Serenissima cappella ducale di San Marco".

In questo periodo la cappella Marciana fu una tra le istituzioni musicali più importanti del tempo, e divenne il centro propulsore a capo della gloriosa "scuola veneziana". Qui nacque il cosiddetto stile policorale, sotto la guida di maestri insigni quali Andrea e Giovanni Gabrieli, Gioseffo Zarlino, Giovanni Legrenzi o Claudio Monteverdi. Alle voci si unirono gli strumenti e lo stile divenne sempre più concertato, tendenza che soprattutto da Venezia si diffuse poi nel resto del mondo cattolico.

Il Settecento confermò il prestigio della formazione, basti pensare che a guidarla furono chiamate personalità del calibro di Antonio Lotti o Baldassarre Galuppi.

Periodo patriarcale[modifica | modifica wikitesto]

Con la caduta della Serenissima lo spostamento della cattedrale a San Marco, la Marciana diventa cappella patriarcale, assumendo l'attuale denominazione, ma la nuova gestione non sempre si dimostra generosa nei confronti di questa antica e gloriosa istituzione: l'orchestra si riduce gradualmente fino a scomparire alla fine del secolo e la cappella viene privata della voci acute.

Nel 1890 viene aggiunta una formazione di voci bianche, riprendendo la tradizione dei primi secoli, per permettere l'esecuzione di antiche musiche cinquecentesche. Fu soppressa nell'anno 1960.

Fecondo, invece, fu il periodo ceciliano, a cavallo tra i due secoli, che vide a Venezia, attorno alla basilica, alcuni tra i maggiori protagonisti di quell'epoca, merito anche del cardinale Giuseppe Sarto (che fu patriarca di Venezia tra il 1893 e il 1903, quando venne eletto papa col nome di Pio X), da sempre sensibile alla musica sacra. In quel periodo tra Direttori e organisti primi e secondi si possono contare personalità assolute quali Giovanni Tebaldini, Lorenzo Perosi, Oreste Ravanello e Matteo Tosi.

La Cappella oggi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2000 è Primo Maestro di Cappella Marco Gemmani affiancato dal Maestro Sostituto Justine Zara Rapaccioli. Il Primo Organista è Roberto Micconi (dal 1975) e il Secondo Organista è Pierpaolo Turetta

Nel 2002 sono nati i solisti della cappella Marciana i quali operano anche separatamente dalla cappella dedicandosi in particolare all'attività concertistica.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Oggi la Cappella Marciana officia alle liturgie solenni del Capitolo (tutte le domeniche, ore 10:30) e ai Pontificali celebrati dal Patriarca di Venezia.

Negli ultimi anni, sotto la guida del Maestro Marco Gemmani, la Cappella Marciana ripropone nelle liturgie le musiche della grande tradizione veneziana tra cui - cosa unica a livello mondiale - il repertorio policorale eseguito nelle originali disposizioni e spazialità per cui i grandi autori - Andrea e Giovanni Gabrieli, Giovanni Croce, Baldassarre Galuppi ed altri - composero.

Accanto al servizio liturgico la cappella musicale svolge anche attività concertistica sia con l'organico completo, sia con organico ridotto, in particolare con l'impiego dei suddetti Solisti.

Nella Pasqua del 2014 la Cappella Marciana dopo secoli ha riproposto al Pontificale della Festa di San Marco composizioni a 12 voci in tre cori spaziati di Giovanni Gabrieli quali Kyrie, Gloria e Sanctus (della raccolta Sacrae Symphonie edita nel 1597).

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Maestri di Cappella[modifica | modifica wikitesto]

Primi Organisti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]