Capo Leeuwin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capo Leeuwin e il suo faro, visti da nord

Capo Leeuwin (34°22′30″S 115°08′10″E / 34.375°S 115.136111°E-34.375; 115.136111Coordinate: 34°22′30″S 115°08′10″E / 34.375°S 115.136111°E-34.375; 115.136111) è la punta più a sud-ovest dell'Australia, sebbene il continente più a est del capo si estenda ulteriormente verso sud, a partire dalle isole di Saint Alouarn, che si trovano a sud-est. La cittadina più vicina è Augusta.

Leeuwin in olandese significa "leonessa", il nome di un vascello che navigò nei suoi pressi nel 1622. I registri di bordo vennero persi ma le coste circostanti compaiono in una mappa del 1627 di Hessel Gerritsz, sebbene il capo non vi sia identificato. Tale denominazione gli verrà data infatti solo nel 1801 dal navigatore e cartografo inglese Matthew Flinders,[1] che ha un suo memoriale nei pressi del capo.

In Australia è considerato il punto in cui l'Oceano Indiano incontra l'Oceano Glaciale Antartico, ma altrove di regola il limite settentrionale dei mari antartici è considerato essere il sessantesimo parallelo sud[2].

Assieme al vicino Capo Naturaliste fa parte di un parco nazionale.

Nel 1968 fu doppiato da Bernard Moitessier nella sua circumnavigazione del globo senza scalo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jean Fornasiero, Peter Monteath, John West-Sooby, Encountering Terra Australis, Adelaide, Wakefield Press, 2010, p. 69, ISBN 9781862548749.
  2. ^ Southern Ocean in World Factbook, CIA, 22-10-2009. URL consultato il 3-7-2011.