Capo Dežnëv

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Capo Dežnëv
Capo Dežnëv
Capo Dežnëv a sinistra
Stato Russia Russia
Distretto federale Estremo Oriente
Soggetto federale Circondario autonomo della Čukotka
Rajon Čukotskij rajon
Masse d'acqua Mare dei Ciukci
Mare di Bering
Coordinate 66°04′49″N 169°39′13″W / 66.080278°N 169.653611°W66.080278; -169.653611Coordinate: 66°04′49″N 169°39′13″W / 66.080278°N 169.653611°W66.080278; -169.653611
Altitudine 740 m s.l.m.
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Capo Dežnëv
Mappa del capo

Capo Dežnëv (in russo мыс Дежнёва; in eschimese Tugnechalcha) è un promontorio che costituisce il punto più orientale del continente Eurasia. Fa parte della penisola dei Čukči, nel Circondario autonomo di Čukotka, nell'estremo oriente russo. Separa il mare dei Čukči a nord, dal mare di Bering a sud, ed è il punto più occidentale dello stretto di Bering. Dista 82 km da capo Principe di Galles in Alaska.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Capo Dežnëv è la punta orientale di un alto promontorio roccioso, una montagna dalla cima piatta alta 740 m e a picco sul mare, che misura circa 20 km da capo Uėlen a nord, fino a capo Pėėk a sud e che è collegato alla terraferma da una parte di terra bassa e pianeggiante costellata di lagune e laghi poco profondi. Questo fa sì che il promontorio da una certa distanza appaia come un'isola. A est di capo Uėlen, su una lingua di terra tra il mare dei Ciukci e la laguna Uėlen, si trova l'omonimo villaggio (in russo: Уэлен) di circa 800 abitanti.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima artico della zona è aggravato dalla vicinanza del Circolo Polare Artico. Per tutto l'anno l'aria artica è secca e fredda. Le basse temperature sono costanti in inverno e fa molto freddo. L'estate è breve. In inverno, le temperature possono raggiungere i -40 °C, in estate gli 8 °C.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono colonie di trichechi, foche, e numerose colonie d'uccelli. Nelle acque costiere sono presenti balene grigie e orche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Capo Dežnëv prende il nome dell'esploratore russo Semën Dežnëv, che nel 1648 fu il primo europeo a doppiare il promontorio più orientale dell'Asia e a navigare attraverso lo stretto di Bering, scoprendo che l'Asia non era unita all'Alaska. La sua impresa fu dimenticata per quasi cent'anni e a Vitus Bering fu in seguito attribuito il merito per la scoperta dello stretto che porta il suo nome. Prima dell'inizio del XVIII secolo, il promontorio era stato indicato come Čukotskij Nos (Чукотский Нос). Nel 1778, il navigatore inglese James Cook lo mappò con il nome di East Cape (мыс Восточный, mys Vostočnyj). Nel 1879, l'esploratore polare svedese Adolf Erik Nordenskiöld propose di chiamarlo con il nome dello scopritore: Dežnëv. Alla vigilia del 250º anniversario della sua scoperta, la proposta è stata accettata e, su richiesta della Società geografica russa, nel 1898 è stato rinominato capo Dežnëv.

Monumento a Semën Dežnëv a capo Dežnëv

La penisola di capo Dežnëv (o East Cape, come veniva allora generalmente chiamato) è stato un centro per il commercio tra balenieri e commercianti di pellicce, e i nativi Yupik e Chukci della costa, tra il tardo XIX e l'inizio del XX secolo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia