Capitano d'armi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il capitano d'armi è il sottufficiale, che a bordo alle navi passeggeri di bandiera italiana, direttamente dipendente dal comandante in seconda o dal primo ufficiale di coperta, è addetto alla tutela della disciplina, dell'ordine e della polizia a bordo.

È gerarchicamente posto nel livello di secondo nostromo. Per la peculiarità del suo incarico e per l'ufficialità della sua funzione a bordo, opera sotto l'esclusivo controllo del comandante in seconda o del primo ufficiale di coperta sulle navi a bordo delle quali il comandante in seconda non risulta nell'organico.

Quale delegato dal comando di bordo, opera per la prevenzione e per l'eventuale repressione delle attività che possono essere intraprese a danno della nave, del proprio armatore, di terzi partecipanti alla spedizione, dei passeggeri e dei componenti l'equipaggio. Tra queste attività: le infrazioni contrattuali come l'astensione arbitraria dal lavoro, i ritardi o le ingiustificate assenze nel corso dell'espletamento di alcuni servizi di bordo, l'imbarco e il trasporto non autorizzato di merci e di colli privati, infrazioni disciplinari riguardanti la buona condotta e il rispetto dei contenuti di cui al "Regolamento di bordo".

Compito del capitano d'armi è inoltre prevenire e reprimere reati d'ogni genere, come: l'ubriachezza molesta; l'ubriachezza relativamente ai contenuti dell'art. 1120 del codice della navigazione; il furto; il contrabbando; gli atti vandalici; la detenzione, lo spaccio, il consumo o il trasporto di stupefacenti; la detenzione o il traffico di armi e di esplosivi.

In alcuni momenti ed a fronte di particolari necessità, previo autorizzazione del comando di bordo, può avvalersi della collaborazione di comuni di coperta e macchina di sua fiducia per le azioni da intraprendere a tutela dell'ordine.

All'arrivo ed alla partenza della nave, coordina le manovre di messa in opera, di dismessa e di rassetto delle scale reali, delle scale di banda e degli scalandroni, inoltre coordina il personale addetto all'apertura ed alla chiusura della portelleria di murata, quali portellini per l'imbarco di provviste, portellini per l'imbarco e lo sbarco del Pilota, portelloni di murata per le scale di accesso a bordo dal piano di calata.

In gergo marittimo il "capitano d'armi" viene anche chiamato "capo d'armi" o "capitan d'arme".

Per l'espletamento di questo incarico a bordo, un tempo veniva richiesto il Giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana ed al suo Capo.

I galloncini distintivi di grado per questa funzione, saranno formati da: controspalline a fondo nero con doppio binario in galloncino di oro da 8 mm. sormontato dall'Emblema della Repubblica Italiana ricamata in canutiglia in oro. Il ruolo del capitano d'armi, chiamato in inglese master at arms, sulle navi, sia da parte degli equipaggi che da parte dei passeggeri, è ritenuto un ruolo di notevole prestigio.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]