Capitano Spaulding

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capitano Spaulding
Sid Haig nel ruolo di Capitano Spaulding
Sid Haig nel ruolo di Capitano Spaulding
Saga La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo
Soprannome
  • Mr. Ding Dong
  • Bo-Bo
  • Clown
Autore Rob Zombie
1ª app. in La casa dei 1000 corpi (2003)
Ultima app. in La casa del diavolo (2005)
Interpretato da Sid Haig
Voce italiana
Specie Caucasica
Sesso maschile
Data di nascita 8 settembre 1917
Professione Assassino
Parenti

Capitano Spaulding è un personaggio creato da Rob Zombie per i film La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo. È stato interpretato in entrambe le pellicole da Sid Haig.

Background[modifica | modifica sorgente]

Per promuovere l'uscita dei film sulla famiglia Firefly, Rob Zombie ha creato dei retroscena per i tre protagonisti (Baby, Otis e Spaulding) sul sito web ufficiale, usando vecchie fotografie degli attori e finti ritagli di giornali per renderli più realistici. Nel caso di Spaulding, sono state usate foto e immagini di precedenti interpretazioni di Sid Haig.

Secondo la sua biografia, Capitano Spaulding, il cui vero nome è Johnny Lee Johns, è nato il 13 aprile 1918 a El Paso, Texas. Trascorso un breve periodo nell'orfanotrofio della contea, viene adottato da una famiglia di colore nella quale cresce accanto al fratello adottivo Charlie. Johnny Lee manifesta molto presto un morboso interesse per deformità, fenomeni da baraccone e fotografie che ritraggono crimini violenti. La personalità deviata di Johnny Lee comincia quindi ad emergere e cominciano anche i primi omicidi per i quali assume lo pseudonimo di Mr. Ding Dong a Bo-Bo prima di essere ribattezzato Cutter da Charlie. Intorno al 1947, Cutter incontra Mother Firefly (alias Eve Wilson in quel periodo) che ha già due figli, Rufus e Tiny. Cutter e Eve si mettono insieme e dalla coppia nasce Vera Ellen (alias Baby Firefly). Durante l'estate del 1965 giunge nella contea un violento psicopatico, Otis B. Driftwood. Otis e Cutter diventano presto compagni affiatati ma nello stesso tempo rivali, litigando spesso per il controllo della famiglia. Lo stesso Otis crea i nomi "Firefly" per la famiglia e Capitano Spaulding per Cutter. Nel contempo, Spaulding e Charlie iniziano un commercio illegale di alcolici nel ranch, ormai trasformato a tutti gli effetti in un bordello. In questo periodo cominciano anche a nascere le prime ostilità tra Charlie e Otis. Non è chiaro quale sia la causa ma si pensa che Charlie rifornisca di donne e alcolici le forze dell'ordine locali all'insaputa di Spaulding, tenendo per sé i profitti. Nel 1971, Spaulding costruisce il Captain Spaulding's Museum of Monsters and Madmen vero e proprio museo degli orrori che richiama curiosi e appassionati da tutto il Paese, attratti soprattutto dalla leggenda che riguarda Doctor Satan, uno psicopatico locale del quale Otis e Baby sono nel frattempo diventati adepti.

Film[modifica | modifica sorgente]

Capitano Spaulding (al centro) con Baby Firefly e Otis B. Driftwood ne La casa del diavolo

Nel primo capitolo della serie, Spaulding gestisce il "Capt. Spaulding's Museum of Monsters and Madmen", attrazione che richiama soprattutto teenager incuriositi dai racconti sullo scienziato pazzo Doctor Satan. Il ruolo di Spaulding in questo film è ancora piuttosto marginale, anche se il suo museo degli orrori rappresenta il punto cruciale attraverso il quale passano inizialmente tutte le vittime dei Firefly: prima i quattro ragazzi, poi i due poliziotti col padre di una delle ragazze scomparse. Tutti infatti cominciano il loro calvario proprio da Spaulding, prima di finire nelle grinfie della famiglia omicida e, infine, in quelle di Doctor Satan.

Il ruolo di Capitano Spaulding è ampliato in La casa del diavolo, nel quale viene dato maggior risalto alla sua figura patriarcale nella famiglia Firefly. Alcuni mesi dopo le vicende del primo film, Baby e Otis si riuniscono a Spaulding, col quale raggiungono il fratellastro Charlie Altamont in cerca di rifugio. Più avanti, quando Wydell sottopone i Firefly ad una serie di torture, Spaulding cerca di prendersi la colpa di un omicidio commesso da Baby, tentando invano di salvarla, in un momento di surreale tenerezza. Nelle sequenze finali, quando i tre "reietti del diavolo" sono in auto davanti alla polizia che li sta braccando, Otis porge a Spaulding la pistola più grande (gesto che potrebbe simboleggiare l'accettazione da parte di Otis della leadership di Spaulding nella famiglia) e dirige l'auto verso i poliziotti nell'epico scontro a fuoco finale, perdendo la vita.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • L'ispirazione per il nome "Capitano Spaulding" viene dal personaggio interpretato da Groucho Marx nel film Animal Crackers. Questo aspetto viene reso esplicito solo in La casa del diavolo dove lo sceriffo Wydell consulta un critico cinematografico locale per essere aiutato nelle indagini. Anche Rufus T. Firefly e Otis B. Driftwood furono nomi di personaggi interpretati da Groucho rispettivamente in Duck Soup (La Guerra Lampo dei Fratelli Marx) e A Night At The Opera (Una Notte All'Opera).
  • Sid Haig si è trovato in difficoltà a girare alcune scene, soprattutto quelle particolarmente violente. La scena più difficile in assoluto però è stata quella con la ex pornostar Ginger Lynn in cui ha dovuto faticare non poco per riuscire a "concentrarsi", e «per evitare che il film cambiasse totalmente genere…».[1]
  • Stando alle informazioni presenti sulla fedina penale, i lavori che svolge Spaulding sono: clown, gestore di stazione di servizio e "uomo d'affari".
  • Spaulding ha diversi tatuaggi sulle braccia: le parole love e hate sulle dita (citazione del film La morte corre sul fiume di Charles Laughton), l'immagine di John Wayne sull'avambraccio destro e la scritta Hula Girl sull'avambraccio sinistro.
  • È ricercato per omicidio di primo grado, rapina a mano armata e furto d'auto.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervista a Sid Haig. URL consultato il 21 settembre 2007.
  2. ^ My Space, MySpace. URL consultato il 14 settembre 2007.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema