Capitano Charles Johnson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Capitano Charles Johnson è l'autore del libro Storia generale dei pirati, opera dedicata la mondo della pirateria, apparsa per la prima volta nel 1724 in una libreria di Charles Rivington a Londra.

L'identità di Johnson è avvolta nel mistero, sulla quale sono state fatte differenti ipotesi, considerando soprattutto che Johnson aveva una conoscenza approfondita sia di molti fatti reali che narra, sia del linguaggio marinaresco, sia delle funzioni delle imbarcazioni e degli strumenti del mestiere, per cui si suppone fosse un pirata a tutti gli effetti o un cacciatore di taglie.

Intorno agli anni trenta si fece largo l'ipotesi che Johnson fosse in realtà lo pseudonimo dello scrittore Daniel Defoe, esperto di falsi documenti storici e appassionato della vita piratesca. Robert Moore, nel libro Defoe in the Pillory and Other Studies (1934), compara gli stili dei due autori, confutando l'ipotesi. Gli studi di Furbank e Owen, pubblicati in The Canonisation of Daniel Defoe (1988), attaccano però questa teoria, sottolineando discrepanze e l'assenza di legami tra i due autori.

A General History of the Robberies and Murders of the most notorious Pyrates continua oggi ad essere stampato in differenti edizioni, sia a nome del Capitano Johnson, sia a nome di Defoe.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) articolo che compara gli stili di Johnson e di Defoe.