Capitalism: A Love Story

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capitalism: A Love Story
Capitalism A Love Story.jpg
Logo del film.
Titolo originale Capitalism: A Love Story
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2009
Durata 120 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere documentario
Regia Michael Moore
Soggetto Michael Moore
Sceneggiatura Michael Moore
Produttore Anne Moore, Michael Moore, Rod Birleson (co-produttore), John Hardesty (co-produttore), Carl Deal (co-produttore), Tia Lessin (co-produttore), Eric Weinrib (produttore associato)
Produttore esecutivo Kathleen Glynn, Bob Weinstein, Harvey Weinstein
Casa di produzione Dog Eat Dog Films, Overture Films, Paramount Vantage, The Weinstein Company, Front Street Productions
Distribuzione (Italia) Mikado Film
Fotografia Daniel Marracino, Jayme Roy
Montaggio John W. Walter, Conor O'Neill, Pablo Proenza, Todd Woody Richman, Alex Meillier, Tanya Meillier, Jessica Brunetto
Musiche Jeff Gibbs
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
« Va' e massimizza i profitti »
(Gesù Cristo)

Capitalism: A Love Story è un film documentario del 2009 scritto, prodotto e diretto da Michael Moore, presentato in concorso alla 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Successivo a Sicko, il film si concentra sulla crisi finanziaria mondiale scoppiata nel 2006 negli Stati Uniti per colpa dei mutui subprime.

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane il 30 ottobre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema